SEO Content checklist: 20 punti fondamentali

SEO Content per migliorare il ranking del contenuto

SEO Content Checklist: 20 punti fondamentali

Immagine di creativeart su Freepik

Se desideri aumentare la visibilità del tuo sito web e posizionarti più in alto sui motori di ricerca, è essenziale seguire una solida strategia di content SEO. In questa sezione, ti forniremo un checklist completa con 20 punti fondamentali per ottimizzare i tuoi contenuti e massimizzare il tuo impatto online.

La creazione di contenuti che soddisfino le esigenze dei motori di ricerca e degli utenti è diventata cruciale nel mondo digitale odierno. La content strategy giusta può aiutarti a raggiungere un pubblico più ampio, migliorare la tua autorità online e incrementare il traffico sul tuo sito web.

Preparati ad esplorare i 20 punti chiave che ti guideranno nella creazione di contenuti SEO efficaci. Dalla ricerca delle parole chiave all’ottimizzazione on-page, scoprirai come migliorare la visibilità del tuo sito web attraverso una strategia ben strutturata. Non perdere l’opportunità di posizionarti al top dei risultati di ricerca – segui attentamente questa checklist e otterrai risultati tangibili nel mondo dell’ottimizzazione dei contenuti per i motori di ricerca.

1. Il tag del titolo inizia con la parola chiave principale

Questa guida include una lista di controllo completa per la scrittura di contenuti SEO che potete scaricare, stampare e utilizzare per tenere traccia degli elementi chiave necessari per ottimizzare i vostri contenuti per i motori di ricerca come Google, Yahoo e Bing.

Il punto di partenza fondamentale di questa lista di controllo per la scrittura di contenuti SEO è l’ottimizzazione del tag title della pagina. I tag del titolo sono elementi essenziali della scrittura SEO, in quanto indicano ai motori di ricerca e agli utenti il tema del contenuto. Per questo motivo, è importante sapere come ottimizzare correttamente i tag title per la SEO on-page.

La collocazione della parola chiave principale all’inizio di questi tag title fornisce ai motori di ricerca come Google una maggiore comprensione dell’argomento principale del post, aiutandovi a posizionarvi meglio per i termini di ricerca pertinenti.

Inoltre, i tag title ottimizzati attirano l’attenzione degli utenti nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP), dando loro un’idea chiara della rispondenza del contenuto all’intento di ricerca e, in ultima analisi, aumentando il tasso di click-through (CTR).

2. La meta descrizione include le 2-3 parole chiave SEO più importanti

Le meta descrizioni forniscono un breve riassunto del contenuto della pagina che appare sotto il titolo della pagina nei risultati di ricerca.

In questo caso, è necessario verificare che la parola chiave principale sia presente all’inizio della meta descrizione, con una o due parole chiave secondarie incorporate naturalmente nel testo. Questo aiuta i motori di ricerca a capire la pertinenza della pagina rispetto alla domanda dell’utente. Ezoico

Le meta-descrizioni ottimizzate per le parole chiave hanno anche l’ulteriore vantaggio di aiutare gli utenti a conoscere meglio i vostri contenuti per decidere se soddisfano le loro esigenze. Questo fattore può fare un’enorme differenza nell’aumentare i click e ridurre la frequenza di rimbalzo delle vostre pagine.

3. L’URL è ottimizzato per la parola chiave principale

Oltre al tag title e alla meta descrizione, i motori di ricerca utilizzano anche l’URL dei contenuti per comprenderne il contesto e la pertinenza rispetto alle query di ricerca. Pertanto, è importante includere la parola chiave SEO principale nell’URL della pagina.

L’utilizzo della parola chiave principale come URL la rende anche breve e facile da ricordare, rendendo la struttura dell’URL sia SEO che user-friendly.

4. Il contenuto utilizza una struttura di intestazioni adeguata

I tag di intestazione sono un altro strumento essenziale per offrire all’utente un’esperienza ottimale. Le intestazioni HTML, che vanno da H1 a H6, sono un modo per organizzare e strutturare i contenuti, rendendo più facile per i lettori navigare tra i contenuti e trovare le informazioni precise di cui hanno bisogno e per i crawler dei motori di ricerca capire gli argomenti principali e i sottoargomenti della pagina.

intestazioni

Ti consiglio di leggere la mia guida all’ottimizzazione dei tag di intestazione per la SEO per imparare a utilizzarli in modo efficace per ottenere un posizionamento più elevato nelle SERP, ma se non avete tempo per farlo adesso, ecco una panoramica di base:

  • H1: utilizzare questo tag una volta per il titolo visibile della pagina.
  • H2: utilizzare questo tag per dividere il contenuto in sezioni principali.
  • H3: Usate questo tag per dividere le sezioni H2 in sottosezioni.
  • H4-H6: utilizzare questo tag per dividere le sezioni in ulteriori sotto-argomenti (ad esempio, annidando gli H4 sotto gli H3, gli H5 sotto gli H4 e i tag H6 sotto gli H5), se necessario.

5. L’H1 è identico al titolo della pagina

Il prossimo punto di questa lista di controllo gratuita per la scrittura di contenuti SEO è assicurarsi che il tag H1 corrisponda al tag title parola per parola. Questa è una best practice della SEO on-page.

Mantenere la coerenza tra questi due tag rafforza la comprensione dei contenuti per i motori di ricerca e per i lettori, non lasciando alcun dubbio sull’argomento principale e sulla pertinenza rispetto all’intento di ricerca. Per saperne di più, leggete la nostra guida sulle migliori pratiche per l’ottimizzazione del tag H1.

6. I sottotitoli H2 includono parole chiave secondarie

Incorporare un mix di parole chiave primarie e secondarie nei tag di intestazione aiuta a migliorare la visibilità della pagina nella ricerca organica, indicando ai motori di ricerca tutti gli argomenti trattati nel contenuto.

In definitiva, questo vi aiuta a espandere la copertura delle parole chiave e a posizionarti per un maggior numero di parole chiave a coda lunga relative al tuo argomento. Può anche aiutare l’usabilità, garantendo ai lettori di trovare le informazioni che stanno cercando il più rapidamente possibile.

Una best practice per la scrittura di contenuti SEO da seguire è quella di includere la parola chiave principale nel primo e nell’ultimo tag H2 della pagina, con 2-3 parole chiave secondarie collocate in altri H2 dove si adattano naturalmente. In questo modo si ottiene una buona copertura SEO on-page per le parole chiave più importanti, senza sotto- o sovra-ottimizzazione.

I sottotitoli H3 includono variazioni delle parole chiave

Se non l’avete ancora fatto, utilizzate uno strumento come Semrush per trovare le varianti della tua parola chiave target e inseritene una piccola manciata nei vostri tag H3. Vedere l’immagine qui sotto.

intestazione h3

Questa tecnica di ottimizzazione dei contenuti aiuta i motori di ricerca a comprendere i diversi argomenti trattati nell’articolo, migliorandone la visibilità e la rilevanza per una serie di parole chiave semantiche.

8. Parole chiave focalizzate utilizzate nelle prime 100 parole del contenuto

I motori di ricerca danno generalmente priorità all’inizio del contenuto per capire la sua rilevanza per query specifiche. Incorporando strategicamente le parole chiave target all’inizio della pagina, si fornisce un ulteriore segnale ai motori di ricerca sulla pertinenza del contenuto.

Come si può immaginare, l’uso di parole chiave mirate nella sezione iniziale del contenuto (cioè l’introduzione) migliora l’esperienza dell’utente, fornendo una chiara indicazione dell’argomento del contenuto.

Una delle migliori pratiche da seguire per la scrittura SEO è quella di includere la parola chiave principale nella prima frase o, per lo meno, nel primo paragrafo. Da lì, si possono inserire le parole chiave secondarie nel resto dell’introduzione della pagina, in modo che si leggano con naturalezza.

9. Parole chiave usate nelle ultime 100 parole

Incorporare le parole chiave nella sezione conclusiva della pagina può fornire un ulteriore rinforzo e contesto all’argomento generale. Pertanto, è necessario ottimizzare bene per aumentare la rilevanza delle parole chiave per i vostri contenuti SEO.

Per farlo, utilizzate le stesse regole applicate all’introduzione:

  • La parola chiave principale deve trovarsi il più vicino possibile all’inizio delle ultime 100 parole della pagina, nella prima frase o nel primo paragrafo.
  • Le parole chiave di supporto sono collocate dopo la parola chiave primaria nel testo riassuntivo.
  • Assicuratevi che ogni parola chiave SEO sia perfettamente integrata nel contenuto senza compromettere il flusso e la leggibilità naturale dell’articolo.

10. Tutte le parole chiave SEO utilizzate nel corpo del testo

Quando si passa dalla lista di controllo per la scrittura SEO al corpo del contenuto, la cosa più importante da controllare è il modo in cui le parole chiave sono incorporate e la loro frequenza nella copia scritta della pagina.

Forzare la parola chiave principale in ogni paragrafo per aumentare la densità di parole chiave può avere un impatto negativo sulla leggibilità del contenuto, soprattutto quando una parola o una frase diversa suona più naturale. Questa pratica è nota come keyword stuffing, una tecnica SEO “black hat” che rischia di far retrocedere i vostri contenuti piuttosto che promuoverli nei risultati di ricerca.

Come spiegato nell’altro post sul numero di parole chiave per pagina per la SEO, il numero di volte che si utilizza una parola chiave nel testo dipende dalla lunghezza del contenuto.

Ad esempio, un post di 500 parole può essere facilmente ottimizzato per due o tre parole chiave, ma cercare di inserire cinque o sei parole chiave in un articolo così breve rischia di sembrare innaturale. Tuttavia, concentrarsi su cinque o sei parole chiave in un post di 2.000 parole è una pratica comune e si può distribuire l’uso di queste frasi in modo che il contenuto suoni naturale.

Una buona regola per la scrittura di contenuti SEO è quella di utilizzare 1-2 parole chiave ogni 100 parole di testo. In questo modo si ottiene una densità di parole chiave di circa l’1-2%, che è considerata una buona percentuale per la SEO on-page senza riempire le pagine di parole chiave.

Un modo semplice per farlo è utilizzare uno strumento SEO come RankMath o SEO by Yoast, che calcolerà automaticamente la densità di parole chiave e vi farà sapere se state esagerando o meno.

content seo 1

11. I contenuti soddisfano l’intento di ricerca degli utenti

Quando gli utenti effettuano una ricerca su Google, Yahoo e Bing, hanno in mente un intento o un obiettivo specifico. Allineare i contenuti a questo intento aumenta la probabilità di attirare traffico pertinente e di soddisfare le esigenze degli utenti.

È qui che uno strumento SEO come Semrush si rivela utile, in quanto fornisce informazioni di base sul tipo di intento degli utenti per termini di ricerca specifici, che si tratti di effettuare un acquisto o semplicemente di trovare la risposta a una domanda. Come si può vedere nell’immagine sottostante, la frase di ricerca “servizio di scrittura di contenuti SEO” ha un intento commerciale. Pertanto, i contenuti creati devono corrispondere a tale intento per posizionarsi in alto nelle SERP e ottenere clic.

intento ricerca

Tuttavia, questo passo da solo raramente è sufficiente per posizionarsi nelle prime posizioni di Google. Per assicurarvi di soddisfare il più possibile l’intento di ricerca, esaminate le pagine ai primi posti per le vostre parole chiave.

Il fatto che queste pagine si trovino in cima ai risultati di ricerca dimostra che Google le considera altamente pertinenti all’intento di ricerca di quelle parole chiave. Analizzando il contenuto, il formato e il livello di dettaglio di queste pagine, potete farvi un’idea più precisa di ciò che i vostri utenti stanno cercando. Di conseguenza, è possibile scrivere il miglior tipo di contenuto SEO, allineato all’intento di ricerca degli utenti e a ciò che l’algoritmo di Google premia per ottenere un posizionamento elevato, senza dover tirare a indovinare.

12. Il contenuto ha il giusto numero di parole

Nonostante quanto si possa aver sentito dire, non esiste un unico “miglior numero di parole per la SEO”. Questo è stato confermato da Google nell’aggiornamento dei contenuti utili dell’agosto 2022.

giusto numero di parole

Tuttavia, questo non significa che il numero di parole non sia importante. Puntare a un numero specifico di parole senza pensare se il tuo argomento giustifichi effettivamente un post così lungo può portarvi a infarcire i vostri articoli di inutili “scempiaggini” e informazioni che sono solo vagamente rilevanti per l’argomento.

Considerate invece quante parole sono necessarie per trattare l’argomento in modo esauriente e per soddisfare l’intento del tuo contenuto. Un buon modo per farlo è analizzare il numero medio di parole dei primi 10 risultati di Google. Quindi, scrivete un articolo che si aggiri intorno a quella lunghezza media.

13. I paragrafi sono brevi (tra le 2-3 frasi)

I paragrafi brevi aumentano la leggibilità e migliorano l’esperienza complessiva dell’utente. In questo caso, è necessario verificare che ogni paragrafo non contenga più di 2-3 frasi, e che ogni paragrafo non tratti più di un punto o di un’idea chiave.

Questo metodo di scrittura SEO aiuta i lettori a digerire facilmente le informazioni e a seguire il flusso dei contenuti. Questo migliora l’esperienza dell’utente e può avere un impatto sul posizionamento nelle SERP.

14. I contenuti includono entità rilevanti per la SEO semantica

Le entità si riferiscono a persone, luoghi, organizzazioni e cose specifiche che sono rilevanti per l’argomento del contenuto. Le entità fanno parte della SEO semantica, che sta diventando un fattore di ranking sempre più importante per Google, che è un motore di ricerca semantico.

Incorporando nel contenuto entità strettamente correlate, migliorate il contesto e il significato del tuo articolo, rendendolo più comprensibile ai crawler dei motori di ricerca e ampliando il numero totale di termini di ricerca per i quali può essere classificato.

Il modo più semplice per eliminare questa voce dalla tua lista di controllo per la scrittura di contenuti SEO è creare un elenco di base di tutte le entità chiave rilevanti relative al tuo argomento. In seguito, è possibile tornare indietro nel contenuto per incorporare ogni entità in modo naturale per aumentare la rilevanza topica per la SEO semantica. Consultate la nostra guida correlata con un elenco di generatori gratuiti di parole chiave LSI per la ricerca di parole chiave.

I Featured Snippet sono riassunti concisi che appaiono in cima ai risultati dei motori di ricerca, fornendo agli utenti informazioni rapide o risposte a domande. Il posizionamento nelle posizioni dei Featured Snippet può portare più traffico organico alle vostre pagine e aumentare la consapevolezza del marchio.

In questo caso, potete utilizzare Semrush o un altro strumento SEO come Ahrefs per trovare parole chiave a coda lunga basate su domande relative alla tua parola chiave da incorporare nella pagina per catturare più Featured Snippet.

È inoltre possibile trovare domande mirate nella sezione People Also Asked di Google che appare nella SERP per la tua query. Vedere l’immagine di esempio qui sotto.

featured snippet ottimizzato

Per ottenere uno di questi Featured Snippet, formattate il tuo contenuto in un modo che Google apprezzi, come un breve paragrafo, una tabella o un elenco. Quindi, aggiungete la frase chiave di ricerca come H2 in alto nella pagina e la risposta direttamente sotto di essa nel formato corretto. Dovreste anche controllare di aver utilizzato il markup schema appropriato, che verrà discusso più avanti in questa lista di controllo per la scrittura SEO.

16. Il contenuto include i segnali E-E-A-T

E-E-A-T è l’acronimo di Experience, Expertise, Authoritativeness, and Trustworthiness (esperienza, competenza, autorevolezza e affidabilità), utilizzato dai Quality Raters di Google per valutare la qualità dei risultati di ricerca.

Dimostrare l’E-E-A-T vi aiuta a costruire la tua reputazione come fonte affidabile di informazioni sui vostri argomenti, il che può aumentare la credibilità del tuo sito agli occhi di Google, con conseguente miglioramento del posizionamento sui motori di ricerca.

Il modo in cui farlo dipende dalla tua nicchia e dal tuo argomento, ma in genere si tratta di dimostrare che conoscete davvero l’argomento in questione, mettendo in evidenza le vostre esperienze personali, utilizzando video e foto per dimostrare che avete effettivamente utilizzato i prodotti, gli strumenti o le strategie di cui parlate e includendo le vostre credenziali in una biografia dell’autore per mostrare la tua competenza e legittimità.

Per una panoramica completa di tutto ciò che si può fare per migliorare i segnali E-E-A-T dei contenuti SEO, consultare la nostra guida su Come ottimizzare l’E-E-A-T di Google per migliorare la SEO.

Se desideri aumentare la visibilità del tuo sito web e ottenere un posizionamento migliore sui motori di ricerca, è fondamentale seguire una strategia di SEO Content ben definita. In questa sezione, ti presenteremo una checklist completa con 20 punti fondamentali per ottimizzare i tuoi contenuti e massimizzare il loro impatto.. Quella dei link interni e’ una potente strategia di posizionamento che non tutti usano adeguatamente.

I link interni aiutano i motori di ricerca a scoprire e navigare il tuo sito, migliorandone la visibilità complessiva e il potenziale di posizionamento, oltre a fornire un valore aggiunto ai lettori sotto forma di risorse aggiuntive relative alla loro richiesta.

Mentre lavorate a questa lista di controllo gratuita per la scrittura di contenuti SEO, assicuratevi che i vostri link siano:

  • Altamente pertinenti al contenuto da cui vengono linkati.
  • Ottimizzati per le parole chiave pertinenti alla pagina collegata.
  • Collocati in modo naturale all’interno del contenuto.

Anche questa guida è utile: Migliori pratiche di collegamento interno (Struttura e strategie SEO).

L’inserimento di link esterni a fonti autorevoli e rinomate aumenta la credibilità e l’affidabilità dei contenuti. I link esterni forniscono inoltre ulteriori risorse e riferimenti agli utenti, arricchendo la loro esperienza e fornendo un ulteriore contesto.

In questo caso, è necessario verificare che i link siano solo verso siti web credibili e di grande autorevolezza, che siano rilevanti per l’argomento e che aiutino realmente i lettori. Un buon modo per farlo è analizzare la Domain Authority del sito che si vuole linkare e la Page Authority dell’URL di destinazione. Se entrambe queste metriche SEO sono elevate, allora indicano che si tratta di una risorsa affidabile e credibile da linkare nei vostri contenuti.

19. Il contenuto include immagini ottimizzate per le parole chiave

Le immagini ottimizzate possono attirare traffico organico attraverso le ricerche di immagini su Google Images e Bing Images e migliorare i segnali SEO on-page complessivi per i crawler dei motori di ricerca.

In questo caso, è necessario includere parole chiave primarie, secondarie e di variazione in tutti i seguenti elementi:

  • Nome del file immagine
  • Testo ALT
  • Didascalie
immagine ottimizzata

20. Usare il markup Schema appropriato per i rich snippet

L’ultimo punto di questa lista di controllo per la scrittura di contenuti SEO consiste nell’assicurarsi di utilizzare il markup Schema appropriato per ottenere una posizione privilegiata nei risultati di ricerca per i rich snippet. Questa funzione consente ai contenuti di includere elementi di elencazione avanzati nelle SERP, come le valutazioni con stelle delle recensioni, le istruzioni per le ricette, gli indirizzi delle aziende, i video e così via, e permette alla pagina di essere presente negli elementi di ricerca di Google, come i caroselli, le immagini e gli elementi non testuali.

Schema è una forma di dati strutturati che aiuta i motori di ricerca a comprendere il contesto dei contenuti e la loro relazione con persone, luoghi, temi e organizzazioni. Potete leggere la nostra guida gratuita su Come aggiungere Schema Markup a un sito web per la SEO per ottenere istruzioni passo passo su come impostarlo correttamente.

SEO Content: conclusione

Ci auguriamo che questa lista di controllo gratuita per la scrittura di SEO Content sia un’ottima aggiunta al tuo kit di strumenti per l’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Come avete scoperto, questa lista di controllo per la scrittura SEO include un elenco dei passaggi più importanti da eseguire quando si ottimizzano gli articoli e i post del blog per i motori di ricerca. Questo cheatsheet scaricabile per la scrittura di contenuti SEO ti garantirà di non perdere mai i fattori vitali che possono essere ottimizzati per la SEO per aumentare le classifiche organiche e la visibilità delle vostre pagine nei motori di ricerca come Google, Yahoo e Bing.

Andrea Barbieri
Andrea Barbieri

Sono Andrea Barbieri titolare della BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web. La mia azienda si occupa di Consulenza SEO, realizzazione siti web, sviluppo app, traduzioni professionali, localizzazione siti web e Web Marketing. Insieme al mio team metto al servizio delle aziende la mia formazione tecnica e linguistica nel settore della Information Technology, sviluppo siti web e App e Web Marketing. Trovando le migliori soluzioni digitali e linguistiche con il minor costo possibile.

Leggi tutti gli articoli di Andrea Barbieri

Articoli: 160

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *