Posizionamento SEO: 11 motivi per il calo del traffico web

Aggiornato recentemente a Maggio 20th, 2023 alle 10:56 am

posizionamento seo

Posizionamento SEO: 11 motivi per il calo del traffico web

La causa più comune di un improvviso calo del traffico nel posizionamento SEO del sito web potrebbe essere un recente aggiornamento dell’algoritmo di ricerca, s anzioni, reindirizzamenti, regole robots.txt errate e perdite di ranking sono tutti altri motivi legittimi per cui potresti vedere un calo del traffico del sito web.

Fortunatamente, nella maggior parte dei casi, se sei interessato da un improvviso calo del traffico ci sono un paio di cose che puoi controllare oltre a quelle che ho menzionato sopra. Si spera che alla fine sarai in grado di diagnosticare perché le cose potrebbero essere cambiate.

Elenco di controllo per la perdita di traffico del sito web

Ecco 11 punti che mi piace controllare se noto che un sito sta registrando un calo delle visite mensili o un improvviso calo del traffico:

  1. Aggiornamenti dell’algoritmo
  2. Errori di tracciamento
  3. Regole di Robots.txt
  4. Reindirizzamenti
  5. Errori di scansione
  6. Perdite in classifica
  7. Modifiche alla mappa del sito XML
  8. Sanzioni manuali
  9. De-indicizzazione
  10. Cannibalizzazione

Potesti anche essere intressato alla guida ottimizzazione SEO in 14 gorni.

Ad - Web Hosting SiteGround - Creato per semplificare la gestione del sito. Clicca per scoprire di più.
MagicStore

1 .Aggiornamento algoritmico

Google non nasconde il fatto che rilascia più aggiornamenti durante l’anno, alcuni più significativi di altri. Sfortunatamente, cercare di ottenere dettagli concreti sui cambiamenti è francamente come cercare di prelevare sangue da una pietra.

Tuttavia, un modo semplice per valutare se il tuo sito potrebbe essere stato influenzato da un aggiornamento dell’algoritmo è tenere d’occhio le modifiche confermate da parte di Google stesso

Tuttavia, il modo di gran lunga più semplice per ottenere informazioni sulle modifiche degli algoritmi è utilizzare strumenti come Mozcast – di Moz.com e SEMrush Sensor di SEMrush. Se nessuno di questi ti piace, Algoroo è un altro strumento di tracciamento degli algoritmi disponibile gratuitamente.

Se scopri che c’è stato effettivamente un aggiornamento recente, ti consiglio vivamente di dedicare un po’ di tempo all’analisi dei siti che sono stati maggiormente colpiti. Cerca di individuare eventuali correlazioni tra di loro e assicurati che il tuo sito non subisca la stessa sorte.

2. Errori di tracciamento (tracking)

Anche ora, sono stupito di quanti webmaster e proprietari di siti riescano a estrarre i loro codici di tracciamento dal sito e mi chiedo perché il traffico va in picchiata.

Fortunatamente, è un errore che può essere facilmente risolto, ma a lungo termine perderai i dati, quindi prima lo individui e lo risolvi, meglio è!

Se noti che all’improvviso non vengono registrate sessioni in Google Analytics o un tag non si attiva, è probabile che i codici di monitoraggio abbiano un errore o siano stati rimossi completamente. Se hai accesso, verifica che il codice sia presente e corretto.

In alternativa, contatta i tuoi sviluppatori e conferma che il codice di monitoraggio è dove deve essere e funziona.

3. Regole robots.txt errate

Sei sicuro che il tuo sito non stia impedendo ai motori di ricerca di eseguire la scansione del file robots.txt?

Non è raro che gli sviluppatori lascino invariati i file robots.txt dopo la migrazione da un sito Web di sviluppo o staging. Il più delle volte, quando ciò accade è del tutto accidentale.

Vai al file robots.txt dei tuoi siti e assicurati che la seguente regola non sia presente:

esempio robots txt file

In tal caso, dovrai rimuovere la regola Disallow e inviare nuovamente il file robots.txt tramite Google Search Console e il tester robots.txt.

4. Errrori redirect

La maggior parte dei siti, in particolare i siti Web di grandi dimensioni, avranno reindirizzamenti in atto. Vengono aggiunti più frequentemente tramite un file .htaccess o, se stai utilizzando WordPress, un plug-in per semplificarti la vita.

Ogni volta che aggiungi un nuovo reindirizzamento permanente (301) al tuo sito, ti consiglio vivamente di testarlo prima di inviarlo a un ambiente live, a maggior ragione se stai aggiungendo grandi quantità di reindirizzamenti.

Per assicurarmi che i reindirizzamenti funzionino ancora come dovrebbero, utilizzo semplicemente un web crawler (la mia preferenza è Screaming Frog) e utilizzando la modalità elenco (Modalità> Elenco) incollo il mio elenco di URL che vengono reindirizzati e li scansiona , quindi analizzare i codici di risposta e le destinazioni finali:

screaming frog url list

5. Errori di scansione

Utilizzando la nuova Search Console, apri il rapporto sulla copertura dell’indice e verifica la presenza di eventuali URL con un errore.

Eventuali URL nel rapporto di copertura a cui è associato un errore non verranno inclusi nell’indice. Gli errori tipici che si trovano in questo rapporto includono:

  • Errori del server
  • Errori di reindirizzamento
  • URL bloccati da robots.txt
  • URL contrassegnati da un tag noindex
  • Errori 404 morbidi
  • URL che restituiscono una richiesta non autorizzata
  • URL che non possono essere individuati (404)
  • Errori di scansione.

Maggiori informazioni su questi rapporti possono essere trovate qui.

6. Perdita di ranking

Un altro motivo molto comune per vedere un calo del traffico del sito Web è dovuto alla perdita di classifiche organiche.

Ora, se stai monitorando le tue prestazioni utilizzando un rank tracker, la risoluzione dei problemi sarà molto più semplice. In caso contrario, utilizzare i dati di Search Console sarà la soluzione migliore.

Uso il seguente processo per avere un’idea di eventuali modifiche alla classifica:

  1. Utilizzando Google Analytics e Search Console o il tuo strumento di monitoraggio del posizionamento preferito (la mia preferenza è AccuRanker), identifica quando il traffico ha iniziato a diminuire
  2. Esegui un’esportazione delle parole chiave del ranking prima e dopo il drop
  3. Usando Excel o G Sheets crea una tabella e incolla i dati fianco a fianco
  4. Confronta il cambio di posizione
  5. Retarget i termini abbandonati con la ricerca e la mappatura delle parole chiave.
perdita ranking

In alternativa, strumenti come SISTRIX sono anche molto utili per aiutare a identificare le parole chiave che sono cadute dalla prima pagina o anche dai primi 100 risultati.

Ecco alcuni suggerimenti SEO più tecnici per aiutare il posizionamento del tuo sito, se desideri leggere un po’ di più sull’argomento.

7. Cambiamento della Sitemap XML

Se sei un SEO saprai (si spera) che solo gli URL che restituiscono una risposta 200 e sono indicizzabili dovrebbero essere visibili nelle tue mappe del sito, a meno che tu non abbia volutamente lasciato URL reindirizzati per assicurarti che i motori di ricerca li trovino più velocemente.

Uno dei motivi per cui potresti vedere un calo del traffico è un cambiamento nella tua mappa del sito XML.

Scansiona gli URL della mappa del sito e assicurati che restituiscano tutti una risposta di 200 OK e che siano inclusi anche eventuali nuovi articoli o pagine di destinazione. Se il tuo sito contiene 200 URL e ce ne sono solo 50 nella mappa del sito, ti consigliamo di rigenerarlo e inviarlo nuovamente utilizzando Search Console.

8. Azioni manuali e penalizzazioni

Verrà emessa un’azione manuale contro il tuo sito se uno dei revisori umani con gli occhi d’aquila trova sul sito contenuti che non rispettano le linee guida di Google. Puoi trovare maggiori informazioni sulle loro linee guida per i webmaster qui.

Puoi verificare se il tuo sito è stato interessato da azioni manuali utilizzando il rapporto sulle azioni manuali in Search Console.

9. URL in fase di de-indicizzazione

Google ha recentemente twittato su un bug segnalato di “de-indicizzazione” per cui i siti vedevano pagine importanti che sembravano essere rimosse dall’indice quasi dall’oggi al domani. Ma questo non è solo un problema recente.

Trovare quegli URL importanti non più disponibili nei risultati di ricerca può essere un fattore enorme quando si indaga su un’improvvisa perdita di traffico del sito web:

  • Controlla il rapporto sulla copertura dell’indice in Search Console per eventuali errori
  • Utilizzando lo strumento di ispezione degli URL, controlla che le pagine importanti siano ancora nell’indice
  • In caso contrario, utilizza l’opzione “RICHIEDI INDICIZZAZIONE” in Search Console.

10 Cannibalizzazione delle parole chiave

Se di recente hai creato molti nuovi contenuti su un argomento specifico senza considerare il targeting per parole chiave, potresti essere caduto accidentalmente vittima di un problema di cannibalizzazione delle parole chiave.

La cannibalizzazione si verifica quando un sito web viene visualizzato per una parola chiave con più URL. Ad esempio, Ahrefs.com ha presentaro molti contenuti sulla creazione di link interrotti:

cannibalizzazione keyword

Fonte: Ahrefs.com

Se il traffico viene distribuito su più pagine o post, potresti perdere prezioso traffico organico. Il modo più semplice che ho trovato per evidenziare gli errori di cannibalizzazione è stato attraverso l’uso di BigMetrics.io e il rapporto sulla cannibalizzazione.

Crea semplicemente un account (versione di prova o a pagamento) e collegalo alla tua proprietà di Search Console ed esportalo.

11. Modifiche al layout della SERP

Un recente cambiamento nel modo in cui Google e i motori di ricerca visualizzano i risultati organici può avere un impatto sui livelli di traffico. Quindi assicurarti di essere adattabile e disposto ad apportare modifiche farà molto.

Google, in particolare, ha apportato una serie di modifiche alla modalità di visualizzazione dei risultati; mostrare frammenti in primo piano, grafici della conoscenza e rendere gli annunci più importanti per citarne alcuni, rendendo la vita per le agenzie SEO e i professionisti molto frustrante.

SERP modifiche layout

Nello screenshot qui sopra vedrai che prima di vedere qualsiasi segno di un risultato organico devi competere con annunci, grafici della conoscenza, frammenti in primo piano e suggerimenti di Google. Questo non tiene nemmeno in considerazione una serie di altre funzionalità SERP.

Analizza le parole chiave che stai prendendo di mira; solo perché una volta non attivavano una funzione SERP non significa che non lo facciano ora. Il controllo SERP di AccuRanker è ottimo per questo.

Se le parole chiave che stai prendendo di mira attivano snippet in primo piano e risposte istantanee e tu non sei lo snippet in primo piano, perderai clic e traffico verso il tuo sito.

Conclusioni

Vedere il calo del traffico del sito Web può essere molto scoraggiante, ma c’è sempre un motivo per cui, e se c’è un motivo, di solito può essere risolto.

Se prendi una cosa da questo post, è che un improvviso calo potrebbe essere dovuto a una serie di motivi combinati o anche solo a una pagina chiave ricca di traffico che è caduta dall’indice.

Assicurati di indagare su ogni possibile strada e scoprirai rapidamente la causa e metterai in atto un piano di recupero.

verifica posizionamento seo

Vuoi davvero migliorare il Posizionamento SEO del tuo sito GRATIS ?

Iscriviti alla newsletter settimanale per conosce nuove strategie.

Dopo aver cliccato INVIA si aprirà il pop up per accettare il GDPR

Andrea Barbieri
Andrea Barbieri

Sono Andrea Barbieri titolare della BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web. La mia azienda si occupa di Consulenza SEO, realizzazione siti web, sviluppo app, traduzioni professionali, localizzazione siti web e Web Marketing. Insieme al mio team metto al servizio delle aziende la mia formazione tecnica e linguistica nel settore della Information Technology, sviluppo siti web e App e Web Marketing. Trovando le migliori soluzioni digitali e linguistiche con il minor costo possibile.

Leggi tutti gli articoli di Andrea Barbieri

Articoli: 173

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *