Come ottimizzare siti internet ottimizzando le keyword

Aggiornato recentemente a Aprile 3rd, 2023 alle 02:05 pm

ottimizzare siti internet per trovare clienti su Google

Come ottimizzare siti internet ottimizzando le keyword

Immagine di pikisuperstar su Freepik

Come ottimizzare siti Internet ottimizzando le keyword ?In questa guida risponderemo alla domanda “Che cos’è l’ottimizzazione delle parole chiave?“. Andremo anche oltre la semplice definizione di ottimizzazione delle parole chiave e spiegheremo l’importanza di questa strategia per il posizionamento e il traffico a lungo termine dei siti web e i passaggi necessari per l’ottimizzazione delle parole chiave per la SEO.

Come scoprirete qui di seguito, l’ottimizzazione delle parole chiave per la SEO è una parte cruciale dei vostri sforzi di marketing di ricerca organica e, se non la fate nel modo giusto, potreste perdere posizioni più alte e traffico sul sito web. All’ interno di questo articolo trovi anche una lista di strumenti SEO per l’ottimizzazione delle parole chiave fra cui SEMrush. Prova SEMrush grati per 7 giorni con tutte le funzionalità premium.

Ottimizzare siti internet con le parole chiave: che cos’e’ ?

L’ottimizzazione delle parole chiave è il processo di ricerca, analisi e selezione delle migliori parole chiave per un sito web. L’ottimizzazione delle parole chiave migliora la visibilità nei motori di ricerca e porta al sito un traffico più qualificato. Una buona ottimizzazione delle parole chiave si concentra sull’aumento del traffico per ogni pagina del sito web.

Perché l’ottimizzazione delle parole chiave è importante?

L’ottimizzazione delle parole chiave è importante perché aiuta a selezionare le parole chiave che porteranno a un aumento del traffico, dei contatti e delle vendite. Un’altra importanza dell’ottimizzazione delle parole chiave è che aumenta le classifiche SEO del tuo sito web. L’ottimizzazione delle parole chiave SEO aiuta il tuo sito web a posizionarsi per le query che sono rilevanti per i vostri prodotti e servizi.

Ecco alcuni motivi specifici per cui l’ottimizzazione della ricerca per parole chiave è importante:

  • Aumentate il traffico mirato verso il vostro sito web: Ottimizzando le parole chiave giuste in ambito SEO (di prossima pubblicazione), attirerete un maggior numero di visitatori qualificati e adatti alla vostra attività.
  • Scrivere contenuti più efficaci: Includendo parole chiave ottimizzate nella pagina e delineando il contenuto in base a tali parole chiave, sarete in grado di scrivere contenuti migliori che soddisfino le esigenze del ricercatore.
  • Ottimizzare il comportamento degli utenti: Analizzando le parole chiave ricercate dal tuo pubblico target su Google, Yahoo e Bing, potrete ottimizzare i contenuti in base alle query più importanti per i vostri potenziali clienti.
  • Prevedere il potenziale di traffico: Conducendo una ricerca di ottimizzazione delle parole chiave SEO, potete valutare la popolarità e il volume di ricerca di argomenti specifici nel tuo mercato di riferimento. La maggior parte degli strumenti di ottimizzazione delle parole chiave riporta il volume di ricerca medio mensile per ogni frase chiave.

Come si può notare, l’ottimizzazione delle parole chiave SEO è una strategia importante per il marketing sui motori di ricerca per aumentare il traffico organico. E non è una cosa che si fa una volta sola per un sito web.

L’ottimizzazione continua delle parole chiave è necessaria per mantenere e far crescere il tuo business online. Per mantenere un vantaggio competitivo sul tuo mercato, dovrete continuare a scoprire nuove opportunità per le parole chiave, in modo da catturare un traffico più mirato.

L’ottimizzazione delle parole chiave ti permette anche di espandere la portata del tuo sito web in più verticali (cioè categorie). Per questo motivo è necessario continuare a eseguire la ricerca, l’analisi e l’ottimizzazione delle parole chiave, in modo da ampliare la propria visibilità nelle SERP, ottenere più traffico sul sito e attirare più lead qualificati e vendite per la propria azienda.

Tipi di ottimizzazione delle parole chiave

Ottimizzazione della pagina

L’ottimizzazione on-page (di prossima pubblicazione) consiste nell’ottimizzare il contenuto del vostro sito web per una serie di parole chiave.

A tal fine, è possibile inserire le parole chiave in determinate aree della pagina e all’interno del codice HTML.

L’obiettivo dell’ottimizzazione on-page è aumentare la rilevanza delle parole chiave, in modo che il contenuto si posizioni più in alto nei motori di ricerca come Google per le query correlate.

Ottimizzazione off-page

L’ottimizzazione off-page (di prossima pubblicazione) si riferisce ai fattori esterni al vostro sito web che influiscono sul posizionamento nei motori di ricerca.

È possibile migliorare l’ottimizzazione off-page facendo in modo che altri siti web si colleghino ai vostri contenuti e menzionino il vostro marchio.

Lo scopo dell’ottimizzazione off-page è quello di aumentare la rilevanza delle parole chiave target per una determinata pagina web e di incrementare l’affidabilità e l’autorevolezza complessiva del vostro sito.

Esempi di ottimizzazione delle parole chiave SEO

  • Inserendo la parola chiave nel meta titolo.
  • Includere la parola chiave nell’URL della pagina.
  • Ottimizzare il tag H1 per la parola chiave principale.
  • Utilizzare le parole chiave nei tag H2 e H3.
  • Un link interno che porta da una pagina a un’altra pagina del vostro sito utilizzando la parola chiave target della pagina collegata nel testo di ancoraggio.
  • Ottenere un link in entrata a una pagina web da un altro sito con la parola chiave target nel testo di ancoraggio.
  • Avere un profilo ottimizzato per le parole chiave su un sito esterno con un link di ritorno al vostro sito web.

Statistiche sull’ottimizzazione delle parole chiave

  • Il 36% degli esperti SEO ritiene che il tag headline/title sia l’elemento SEO più importante. (Fonte: Databox)
  • Il 69,7% delle query di ricerca contiene quattro o più parole. Fonte: (Ahrefs)
  • Le ricerche con parole chiave a coda lunga hanno un tasso di clic superiore del 3%-5% rispetto alle ricerche generiche. (Fonte: Smart Insights)
  • Il 70% dei marketer ritiene che la SEO sia più efficace del PPC. (Fonte: Databox)
  • Il 32% del tasso di click-through (CTR) va al primo URL classificato nei risultati di ricerca di Google per desktop. (Fonte: Advanced Web Ranking)
  • Solo lo 0,78% dei ricercatori di Google clicca sui risultati della seconda pagina. Fonte: (Backlinko)

Come ottimizzare le parole chiave

1. Trovare le parole chiave giuste per l’ottimizzazione

Il punto di partenza migliore per l’ottimizzazione delle parole chiave SEO è quello di fare un brainstorming di un elenco di buone parole e frasi associate al vostro sito web, ai vostri prodotti e servizi.

Quindi, utilizzate uno strumento di ottimizzazione delle parole chiave come quelli elencati nella sezione successiva per analizzare la popolarità e il punteggio di difficoltà di questi termini.

L’obiettivo è trovare parole chiave che abbiano un volume di ricerca elevato ma una bassa concorrenza. In questo modo sarà più facile posizionare i vostri contenuti nelle prime 10 posizioni delle pagine dei risultati di ricerca di Google. (Se avete bisogno di ulteriore aiuto per questo processo, ecco una guida per trovare parole chiave, frasi e termini validi: Come trovare parole chiave a bassa concorrenza (di prossima pubblicazione)).

Durante la ricerca delle parole chiave, assicuratevi di mirare a ogni fase del percorso del cliente. Questo include i contenuti della parte superiore dell’imbuto (awareness), della parte centrale dell’imbuto (information) e della parte inferiore dell’imbuto (transactional).

2. Mappare le parole chiave per ogni pagina

Dopo aver ottenuto un elenco di parole chiave rilevanti per le quali ottimizzare il vostro sito web, il passo successivo è quello di individuare le pagine che includeranno tali termini.

Lo scopo della mappatura delle parole chiave è quello di impostare i contenuti per il successo, evitando di ripetere lo stesso insieme di parole chiave su più pagine e di causare problemi di cannibalizzazione.

Il Digital Marketing Institute spiega meglio questa idea:

“La cannibalizzazione delle parole chiave si verifica quando ci sono troppe parole chiave identiche o simili sparse nei contenuti del vostro sito web. Di conseguenza, un motore di ricerca come Google non riesce a distinguere quale contenuto classificare meglio. Ciò significa che a volte assegnerà una posizione più alta alla pagina web che non intendeva privilegiare”.

Se il vostro sito web è nuovo e non avete ancora scritto molte pagine o post del blog, allora sarà più facile tracciare una mappa per l’ottimizzazione delle parole chiave. Potete raggruppare frasi di parole chiave simili e impostare un piano di scrittura dei contenuti che vi permetta di scrivere una singola pagina per ogni gruppo di parole chiave.

Se avete un sito web esistente con molte pagine o post di blog, dovrete verificare i contenuti attuali e mappare le parole chiave giuste per ogni pagina. Se non avete già scritto su un particolare argomento che corrisponde a una parola chiave del vostro elenco, potete creare nuovi contenuti da ottimizzare per quelle parole chiave.

3. Controllare l’attuale SEO On-Page

Questa fase di ottimizzazione delle parole chiave si applica solo ai contenuti esistenti sul vostro sito web.

Dopo aver eseguito la fase 2, dovrete verificare l’attuale SEO on-page per ogni pagina, per scoprire quanto è ottimizzata per le parole chiave target.

Potreste scoprire che il contenuto contiene già le parole chiave nei punti giusti, quindi non dovrete fare molte nuove ottimizzazioni.

Ecco un rapido elenco di aree da controllare per l’ottimizzazione delle parole chiave SEO on-page:

  • Tag Meta Title: La parola chiave principale è presente in questo campo HTML? Si possono aggiungere parole chiave secondarie?
  • Meta descrizioni: Avete incluso la parola chiave principale in questo campo HTML?
  • Tag dell’intestazione: La parola chiave principale è presente nel tag H1? Avete inserito le parole chiave principali e secondarie in almeno un tag H2?
  • URL: L’URL della pagina include la parola chiave principale come frase esatta con trattini tra le parole e non sottolineature?
  • Immagini: Nella pagina è presente almeno un’immagine ottimizzata per ogni parola chiave del vostro cluster? Avete ottimizzato il testo ALT e il nome del file dell’immagine per ogni parola chiave?
  • Contenuto: Il contenuto è ottimizzato per le parole chiave? Avete incluso la parola chiave principale e altrettante parole chiave secondarie nelle prime 100 parole della pagina e nelle ultime 100 parole della pagina? E 2-3 volte nel mezzo del contenuto?
  • Link interni: Avete creato almeno 5 link interni alla pagina di destinazione ottimizzando l’anchor text con le parole chiave di destinazione?

4. Ottimizzazione delle parole chiave

Dopo aver controllato la SEO on-page delle pagine attuali, il passo successivo è l’ottimizzazione delle parole chiave.

Questo processo si applica anche a qualsiasi nuovo contenuto che state scrivendo.

Le posizioni SEO on-page di cui al punto 3 sono un buon punto di partenza per il processo di ottimizzazione. Iniziate ad aggiungere le parole chiave in quei punti dei nuovi contenuti e modificate quelli esistenti che ne hanno bisogno.

5. Invio del contenuto a Google Search Console

Una volta completata l’ottimizzazione per la ricerca di parole chiave su una pagina web, il passo successivo consiste nell’inviare il contenuto a Google Search Console per l’indicizzazione. Questo processo aiuta le nuove pagine web a essere scoperte più velocemente da Google, in modo da essere indicizzate nelle SERP. Inoltre, avvisa il web crawler di passare dal tuo sito alla scansione dei contenuti esistenti, in modo che possano essere rivalutati per il posizionamento.

6. Monitorare le classifiche delle parole chiave

L’ultima fase del processo di ottimizzazione delle parole chiave consiste nel monitorare i progressi compiuti.

Dopo che i tuoi contenuti sono stati indicizzati e posizionati su Google, vorrete vedere come cambiano le posizioni delle parole chiave nel tempo. Puoi consultare gratuitamente Google Search Console per ottenere questi dati o utilizzare uno strumento di monitoraggio del posizionamento a pagamento.

Per i nuovi contenuti, è consigliabile monitorare quotidianamente le classifiche per almeno 2 mesi prima di apportare modifiche all’ottimizzazione della ricerca per parole chiave. In questo modo il contenuto ha il tempo sufficiente per consentire all’algoritmo di Google di confrontare la pagina con i concorrenti e di stabilire le posizioni in classifica.

Per i contenuti esistenti, è possibile monitorare le classifiche quotidianamente per 14 giorni prima di apportare qualsiasi modifica alle ottimizzazioni delle parole chiave. Dare all’algoritmo due settimane di tempo per testare i contenuti aggiornati rispetto alle altre pagine più quotate è in genere sufficiente per sapere se le posizioni di ricerca delle parole chiave saliranno o scenderanno in base alle ottimizzazioni apportate ai contenuti.

Strumenti per l’ottimizzazione delle parole chiave

Ecco un elenco dei migliori strumenti gratuiti e a pagamento per l’ottimizzazione delle parole chiave (di prossima pubblicazione)che potete utilizzare per migliorare i vostri contenuti:

  • Ahrefs Keyword Explorer
  • Google Keyword Planner
  • Google Search Console
  • Google Trends
  • Jaxxy
  • Keywords Everywhere
  • KWFinder
  • Moz Keyword Explorer
  • SEOCockpit
  • SEMRush
  • Serpstat
  • Soovle
  • SpyFu
  • WordStream
  • Wordtracker

Se avete bisogno di consigli su come scegliere le parole chiave migliori per i vostri contenuti utilizzando questi tipi di strumenti, date un’occhiata a quest’altra guida su cosa rende una buona parola chiave (di prossima pubblicazione).

Ottimizzazione delle parole chiave PPC

Sebbene questo articolo si sia concentrato principalmente sul marketing di ricerca organico, l’ottimizzazione delle parole chiave si applica anche al marketing di ricerca a pagamento o alle campagne pay-per-click (PPC).

Se state utilizzando campagne PPC per ottenere più clienti per la vostra attività attraverso un servizio come Google Adwords, i seguenti consigli possono esservi utili

Più parole chiave selezionate che i vostri clienti stanno cercando, più traffico porterete al vostro sito web e più consumatori convertirete in clienti:

  • Creare un buon elenco di parole chiave: Scegliete parole chiave con il giusto intento di ricerca su cui fare offerte. Ma assicuratevi anche che queste parole chiave abbiano un buon potenziale di traffico.
  • Raggruppare parole chiave simili: L’ottimizzazione delle parole chiave per le campagne PPC è più efficace quando si raggruppano parole chiave simili in gruppi stretti e semanticamente correlati.
  • Concentratevi sulla pertinenza delle parole chiave: Per migliorare il tasso di click-through (CTR) dei vostri annunci, dovete assicurarvi che le parole chiave su cui fate offerte siano altamente pertinenti alla query del ricercatore. Più ci si concentra su questa strategia di marketing, più alto sarà il punteggio di qualità dell’annuncio.
  • Includere le parole chiave nel testo dell’annuncio: Una buona strategia di ottimizzazione delle parole chiave per aumentare il CTR dei vostri annunci PPC consiste nell’integrare le parole chiave nel testo dell’annuncio.
  • Ottimizzare la pagina di destinazione: La pagina di destinazione del vostro annuncio PPC deve contenere le parole chiave di destinazione. E più in alto nella pagina appaiono, meglio è. La corrispondenza tra le parole chiave ottimizzate nel testo dell’annuncio e le pagine di destinazione migliora l’esperienza dell’utente e il punteggio di qualità dell’annuncio.

Come ottimizzare siti internet ottimizzando le keyword: concluzione

Spero che questa guida sull’ottimizzazione delle parole chiave vi sia piaciuta. Come avete scoperto, l’ottimizzazione della ricerca per parole chiave è una strategia potente per selezionare i termini e le frasi migliori da inserire in un sito web per aumentare la visibilità su Google e ottenere un posizionamento e un traffico più elevati.

Tuttavia, l’ottimizzazione delle parole chiave SEO non si applica solo al traffico di ricerca organico. Può essere utilizzata anche per migliorare il marketing di ricerca a pagamento attraverso le campagne PPC.

Ora che sapete come ottimizzare le parole chiave in modo efficace sia per la SEO organica che per le pubblicità a pagamento, potete applicare questi metodi ai vostri sforzi di search marketing per aumentare il numero di lead qualificati, clienti e vendite.

Andrea Barbieri
Andrea Barbieri

Sono Andrea Barbieri titolare della BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web. La mia azienda si occupa di Consulenza SEO, realizzazione siti web, sviluppo app, traduzioni professionali, localizzazione siti web e Web Marketing. Insieme al mio team metto al servizio delle aziende la mia formazione tecnica e linguistica nel settore della Information Technology, sviluppo siti web e App e Web Marketing. Trovando le migliori soluzioni digitali e linguistiche con il minor costo possibile.

Leggi tutti gli articoli di Andrea Barbieri

Articoli: 165

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *