Origine della lingua inglese: storia e caratteristiche

Se l'hai trovato utile condividilo

Aggiornato recentemente a Dicembre 12th, 2023 alle 09:12 pm

la lingua inglese da dove deriva

Origine dela lingua inglese: storia e caratteristiche

Ma qual’e’ l’origine della lingua inglese ?Lingua inglese, lingua germanica occidentale della famiglia delle lingue indoeuropee, strettamente imparentata con il frisone, il tedesco e l’olandese (in Belgio chiamato fiammingo). L’inglese è nato in Inghilterra ed è la lingua dominante di Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia, Irlanda, Nuova Zelanda e di diverse nazioni insulari del Mar dei Caraibi e dell’Oceano Pacifico. È anche una lingua ufficiale di India, Filippine, Singapore e di molti Paesi dell’Africa subsahariana, tra cui il Sudafrica. L’inglese è la prima lingua straniera scelta nella maggior parte degli altri Paesi del mondo ed è questo status che gli ha conferito la posizione di lingua franca globale. Si stima che circa un terzo della popolazione mondiale, circa due miliardi di persone, utilizzi oggi l’inglese. Scopriamo da dove deriva l’inglese.

Disclaimer: questo sito web partecipa a programmi di affiliazione, il che significa che potremmo ricevere una commissione per gli acquisti effettuati tramite i link presenti sul nostro sito. L’utente è consapevole che l’utilizzo di tali link comporta l’apporto di un sostegno finanziario al sito web e all’autore dei contenuti, senza alcun costo aggiuntivo per l’utente.

Origine della lingua inglese: introduzione

La lingua inglese da dove deriva ? Più persone stanno cercando di imparare l’inglese di qualsiasi altra lingua al mondo. L’inglese è la lingua dei negoziati politici e degli affari internazionali. È diventato la lingua internazionale della scienza e della medicina. I trattati internazionali stabiliscono che i piloti di aerei passeggeri devono parlare inglese.

L’inglese è la principale lingua straniera insegnata nella maggior parte delle scuole del Sud America e dell’Europa. Nelle Filippine e in Giappone i bambini iniziano a studiare l’inglese fin da piccoli. L’inglese è la lingua ufficiale di oltre settantacinque Paesi, tra cui Gran Bretagna, Canada, Stati Uniti, Australia e Sudafrica.

Nei Paesi in cui si parlano molte lingue diverse, l’inglese viene spesso utilizzato come lingua ufficiale per aiutare le persone a comunicare. L’India ne è un buon esempio. L’inglese è la lingua comune in questo Paese dove almeno ventiquattro lingue sono parlate da più di un milione di persone.

Quale era la lingua internazionale prima dell’inglese?

Prima dell’inglese, il francese era spesso considerato la prima lingua internazionale. La corte francese era il modello per l’aristocrazia europea nel 1700, quindi la lingua francese divenne all’epoca la lingua franca per la diplomazia. Ciò continuò nel 1800 con la posizione dominante della Francia negli affari europei. Dopo la prima guerra mondiale, il Trattato di Versailles fu scritto sia in francese che in inglese, quindi alcuni studiosi sottolineano che questa prima volta l’inglese iniziò a guadagnare importanza come lingua internazionale.

Qual’e’stata l’origine della lingua inglese? Perché è diventata così popolare? Per rispondere a queste domande dobbiamo viaggiare indietro nel tempo di circa cinquemila anni, in un’area a nord del Mar Nero, nell’Europa sudorientale.

Chi è il padre della lingua inglese?

Gli esperti sostengono che gli abitanti di quell’area parlavano una lingua chiamata Proto-Indo-Europeo. Questa lingua non è più parlata. I ricercatori non sanno come fosse.

Tuttavia, si ritiene che il protoindoeuropeo sia l’antenato della maggior parte delle lingue europee. Tra queste, le lingue che sono diventate il greco antico, il tedesco antico e il latino antico.

Il latino è scomparso come lingua parlata. Tuttavia ha lasciato tre grandi lingue che sono diventate i moderni spagnolo, francese e italiano. Il tedesco antico è diventato olandese, danese, tedesco, norvegese, svedese e una delle lingue che si è sviluppata nell’inglese.

La lingua inglese da dove deriva ? La lingua inglese è il risultato delle invasioni dell’isola di Gran Bretagna nel corso di molte centinaia di anni. Gli invasori vivevano lungo la costa settentrionale dell’Europa.

La prima invasione fu quella di un popolo chiamato Angles, circa millecinquecento anni fa. Gli Angli erano una tribù tedesca che attraversò il Canale della Manica. In seguito altri due gruppi raggiunsero la Gran Bretagna. Erano i Sassoni e gli Juti.

Questi gruppi trovarono un popolo chiamato Celti, che viveva in Gran Bretagna da molte migliaia di anni. I Celti e gli invasori combatterono.

Dopo qualche tempo, la maggior parte dei Celti fu uccisa o resa schiava. Alcuni fuggirono e andarono a vivere nell’area che divenne il Galles. Nel corso degli anni, i Sassoni, gli Angli e gli Juti mescolarono le loro diverse lingue. Il risultato è il cosiddetto anglosassone o inglese antico.

L’origine della lingua inglese antica è estremamente difficile da capire. Solo pochi esperti sono in grado di leggere questa prima forma di inglese.

Del periodo dell’inglese antico sono sopravvissute diverse opere scritte. Forse la più famosa si chiama Beowulf. È il più antico poema inglese conosciuto. Gli esperti sostengono che sia stato scritto in Gran Bretagna più di mille anni fa. Non si conosce il nome della persona che lo scrisse.

Beowulf è la storia di un grande re che combatteva contro i mostri. Era un buon re, benvoluto dal suo popolo. Un nuovo libro di Seamus Heaney racconta questa storia antica in inglese moderno.

La successiva grande invasione della Gran Bretagna arrivò dall’estremo nord, circa mille e cento anni fa. Un popolo feroce, chiamato Vichinghi, fece incursioni nelle zone costiere della Gran Bretagna. I vichinghi provenivano dalla Danimarca, dalla Norvegia e da altri Paesi del nord. Cercavano di catturare beni commerciali e schiavi e di portare via qualsiasi cosa di valore.

In alcune zone, i Vichinghi divennero così potenti da costruire basi temporanee. Queste basi temporanee a volte divennero permanenti. In seguito, molti vichinghi rimasero in Gran Bretagna. Molte parole inglesi usate oggi derivano da questi antichi vichinghi. Parole come “sky“, “leg“, “skull“, “egg“, “crawl“, “lift” e “take” provengono dalle antiche lingue dei paesi del nord.

L’invasione successiva della Gran Bretagna avvenne più di novecento anni fa, nel 10.6.2006. Gli esperti di storia chiamano questa invasione “Conquista normanna”. A guidarla fu Guglielmo il Conquistatore.

I Normanni erano un popolo di lingua francese proveniente dalla Normandia, nel nord della Francia. Divennero i nuovi sovrani della Gran Bretagna. Questi nuovi governanti parlarono solo francese per diverse centinaia di anni. All’epoca era la lingua più importante del mondo. Era la lingua delle persone istruite. Ma la gente comune della Gran Bretagna parlava ancora l’inglese antico.

La lingua inglese da dove deriva ? Nell’origine della lingua inglese antica sono prese molte parole dal francese normanno. Alcune di queste includono “danno”, “prigione” e “matrimonio”. La maggior parte delle parole inglesi che descrivono la legge e il governo derivano dal francese normanno. Parole come “giuria”, “parlamento” e “giustizia”.

La lingua francese usata dai governanti normanni cambiò notevolmente il modo in cui l’inglese veniva parlato ottocento anni fa. L’inglese divenne quello che gli esperti linguistici chiamano Middle English. Con il passare del tempo, i Normanni al potere non parlavano più il vero francese. La loro lingua era diventata un misto di francese e inglese medio.

L’inglese medio assomiglia all’inglese moderno. Ma oggi è molto difficile da capire. Sono sopravvissute molte opere scritte di questo periodo. Forse la più famosa è quella di Geoffrey Chaucer, un poeta che visse a Londra e vi morì nel XIV secolo. L’opera più famosa di Chaucer è “I racconti di Canterbury”, scritta più di seicento anni fa.

I “Racconti di Canterbury” sono una raccolta di poesie che raccontano di diversi personaggi in viaggio verso la città di Canterbury. Ascoltate per qualche istante Warren Scheer che legge l’inizio dei famosi “Racconti di Canterbury” di Chaucer.

Gli esperti di lingua inglese affermano che Geoffrey Chaucer è stato il primo scrittore importante a usare la lingua inglese. Concordano anche sul fatto che il grande poema medio inglese di Chaucer ci dà un’immagine chiara della gente del suo tempo.

Alcune delle persone descritte ne “I racconti di Canterbury” sono sagge e coraggiose, altre sono stupide e sciocche. Alcuni credono di essere estremamente importanti. Alcuni sono molto gentili, altri sono cattivi. Ma tutti sembrano comunque reali.

L’origine della lingua inglese continua quando l’inglese medio diventa l’inglese moderno, che si parla oggi.

Origine della lingua inglese e caratteristiche di base

A quale famiglia linguistica appartiene l’inglese?

Da dove deriva l’inglese ? L’inglese appartiene alla famiglia delle lingue indoeuropee ed è quindi imparentato con la maggior parte delle altre lingue parlate in Europa e in Asia occidentale, dall’Islanda all’India. La lingua madre, chiamata Proto-Indo-Europeo, era parlata circa 5.000 anni fa dai nomadi che si ritiene vagassero nelle pianure dell’Europa sud-orientale.

Il germanico, uno dei gruppi linguistici discendenti da questa lingua ancestrale, viene solitamente suddiviso dagli studiosi in tre gruppi regionali: Est (borgognone, vandalo e gotico, tutti estinti), Nord (islandese, faroese, norvegese, svedese e danese) e Ovest (tedesco, olandese [e fiammingo], frisone e inglese). Sebbene sia strettamente imparentato con l’inglese, il tedesco rimane molto più conservatore dell’inglese nel mantenere un sistema di inflessioni piuttosto elaborato.

Il frisone, parlato dagli abitanti della provincia olandese della Frisia e delle isole al largo della costa occidentale dello Schleswig, è la lingua più simile all’inglese moderno. L’islandese, che è cambiato poco negli ultimi mille anni, è la lingua vivente che più si avvicina all’inglese antico nella struttura grammaticale.

L’inglese moderno è analitico (cioè relativamente privo di inflessioni), mentre il proto-indoeuropeo, la lingua ancestrale della maggior parte delle lingue europee moderne (ad esempio, il tedesco, il francese, il russo, il greco), era sintetico o inflesso. Nel corso di migliaia di anni, le parole inglesi sono state lentamente semplificate dalle forme variabili inflesse presenti in sanscrito, greco, latino, russo e tedesco, verso forme invariabili, come in cinese e vietnamita. La lingua inglese da dove deriva, approfondiamo ancora.

Le parole tedesche e cinesi per il sostantivo uomo sono esemplari. Il tedesco ha cinque forme: Mann, Mannes, Manne, Männer, Männern. Il cinese ha una sola forma: ren. L’inglese si colloca nel mezzo, con quattro forme: man, man’s, men, men’s. In inglese, solo i sostantivi, i pronomi (come he, him, his), gli aggettivi (come big, bigger, biggest) e i verbi sono inflessi.

L’inglese è l’unica lingua europea a utilizzare aggettivi non inflessi; ad esempio, l’uomo alto, la donna alta, rispetto allo spagnolo el hombre alto e la mujer alta. Per quanto riguarda i verbi, se si confronta la parola inglese moderna ride con le corrispondenti parole dell’inglese antico e del tedesco moderno, si scopre che l’inglese ha solo 5 forme (ride, rides, rode, riding, ridden), mentre l’inglese antico ridan ne aveva 13 e il tedesco moderno reiten 16.

Oltre alla semplicità delle inflessioni, l’inglese presenta altre due caratteristiche fondamentali: la flessibilità della funzione e l’apertura del vocabolario.

La flessibilità della funzione è cresciuta negli ultimi cinque secoli come conseguenza della perdita delle inflessioni. Le parole che prima si distinguevano come nomi o verbi per le differenze di forma sono ora spesso usate sia come nomi che come verbi. Si può parlare, ad esempio, di pianificare un tavolo o di presentare un piano, di prenotare un posto o di collocare un libro, di sollevare un pollice o di fare un pollice all’ascensore.

Nelle altre lingue indoeuropee, a parte rare eccezioni nelle lingue scandinave, i nomi e i verbi non sono mai identici a causa della necessità di separare le desinenze dei nomi e dei verbi. In inglese, le forme per i pronomi, gli aggettivi e gli avverbi tradizionali possono funzionare anche come nomi; gli aggettivi e gli avverbi come verbi; e i nomi, i pronomi e gli avverbi come aggettivi.

In inglese si parla della Fiera del Libro di Francoforte, ma in tedesco bisogna aggiungere il suffisso -er al toponimo e mettere insieme attributivo e sostantivo come composto, Frankfurter Buchmesse. In francese non c’è altra scelta che costruire una frase che prevede l’uso di due preposizioni: Foire du Livre de Francfort. In inglese è ora possibile utilizzare un sostantivo plurale come aggettivo (modificatore), come in wages board e sports editor; o anche un gruppo congiuntivo, come in prices and incomes policy e parks and gardens committee. Ogni classe di parole può alterare la sua funzione in questo modo: i dentro e fuori (preposizioni che diventano sostantivi), senza ma (congiunzione che diventa sostantivo).

L’apertura del vocabolario implica sia la libera ammissione di parole provenienti da altre lingue sia la pronta creazione di composti e derivati. L’inglese adotta (senza modifiche) o adatta (con lievi modifiche) qualsiasi parola realmente necessaria per nominare un nuovo oggetto o per indicare un nuovo processo. In questo modo sono entrate in inglese parole provenienti da oltre 350 lingue. Come il francese, lo spagnolo e il russo, l’inglese forma spesso termini scientifici a partire da elementi di parole del greco classico. Sebbene sia una lingua germanica nei suoni e nella grammatica, la maggior parte del vocabolario inglese è in realtà di origine romanza o classica.

L’inglese possiede un sistema ortografico che non sempre riflette accuratamente la pronuncia delle parole; vedi sotto Ortografia (di prossima pubblicazione).

La lingua inglese da dove deriva: Fonologia

La lingua inglese da dove deriva ? La Received Pronunciation (RP) britannica, tradizionalmente definita come la pronuncia standard utilizzata a Londra e nel sud-est dell’Inghilterra, è una delle tante forme (o accenti) di pronuncia standard in tutto il mondo anglofono. Altre pronunce, anche se non standard, sono spesso ascoltate nel pubblico dominio. Si stima che una piccolissima percentuale della popolazione inglese utilizzi l’RP “puro” (anche se la percentuale effettiva è sconosciuta, così come non si sa cosa sia l’RP “puro”). È considerato l’accento di prestigio in istituzioni come la funzione pubblica e la BBC e, in quanto tale, è associato alla ricchezza e al privilegio in Gran Bretagna.

Le principali differenze tra l’RP, come definito sopra, e una varietà di inglese americano, come l’Inland Northern (la forma linguistica del New England occidentale e dei suoi derivati, spesso indicata popolarmente come General American), sono nella pronuncia di alcune singole vocali e dittonghi. Le vocali dell’America settentrionale hanno talvolta glide finali semiconsonantiche (cioè suoni che assomigliano alla w iniziale, per esempio, o alla y iniziale). A parte le glides finali, l’accento americano presenta quattro divergenze rispetto all’inglese britannico:

  1. le parole cod, box, dock, hot e not sono pronunciate con un suono anteriore basso (o semilungo) come nell’inglese bard shortened (i termini front, back, low e high si riferiscono alla posizione della lingua);
  2. parole come bud, but, cut e rung sono pronunciate con una vocale centrale come nella sillaba finale non premuta di sofa;
  3. prima dei suoni fricativi s, f e θ (l’ultimo di questi è il suono th in thin) la vocale lunga e bassa posteriore a, come nel britannico bath, viene pronunciata come una vocale breve anteriore a, come nel britannico bad;
  4. le vocali posteriori alte che seguono i suoni alveolari t e d e il suono nasale n in parole come tulips, dew e news sono pronunciate senza glide come nell’inglese britannico; infatti, le parole suonano come le inglesi two lips, do, e nooze in snooze. (In diversi accenti americani, tuttavia, questi glide sono presenti).

La lingua inglese da dove deriva: ? I 24 suoni consonantici comprendono sei stop (plosive): p, b, t, d, k, g; le fricative f, v, θ (come thin), ð [eth] (come then), s, z, ∫ [esh] (come ship), Ʒ (come pleasure) e h; due affricative: t∫ (come in chiesa) e dƷ (come la j in marmellata); le nasali m, n, ŋ (il suono che si verifica alla fine di parole come giovane); la l laterale; la r postalveolare o retroflessa; e le semivocali j (spesso scritte y) e w.

Queste rimangono abbastanza stabili, ma l’Inland Northern American si differenzia dall’RP per due aspetti: (1) la r che segue le vocali è conservata in parole come door, flower e harmony, mentre si perde nell’RP; (2) la t tra le vocali è vocalizzata, così che metal e matter suonano molto simili a medal e madder dell’inglese britannico, anche se la pronuncia di questa t è più morbida e meno aspirata, o respirata, rispetto alla d dell’inglese britannico.

La lingua inglese da dove deriva ? Come il russo, l’inglese è una lingua fortemente accentuata. Si possono distinguere quattro gradi di accentuazione: primario, secondario, terziario e debole, indicati rispettivamente da segni di accento acuto (´), circonflesso (ˆ) e grave (ˋ) e dalla breve (˘). Così, “Têll mè thĕ trúth” (tutta la verità e nient’altro che la verità) può essere contrapposto a “Têll mé thĕ trûth” (qualsiasi cosa tu possa dire agli altri); “bláck bîrd” (qualsiasi uccello di colore nero) può essere contrapposto a “bláckbìrd” (quel particolare uccello Turdus merula).

I verbi permít e recórd (d’ora in poi sono segnati solo gli accenti primari) possono essere contrapposti ai corrispondenti sostantivi pérmit e récord. La sensibilità per l’accento primario antepenultimo (terza sillaba dalla fine), che si rivela in parole di cinque sillabe come equanímity, longitúdinal, notoríety, opportúnity, parsimónious, pertinácity e vegetárian, fa sì che l’accento si sposti quando si aggiungono altre sillabe, come in histórical, un derivato di hístory e theatricálity, un derivato di theátrical. Anche le qualità vocaliche vengono modificate in questo caso e in gruppi di parole come périod, periódical, periodícity; phótograph, photógraphy, photográphable. L’accento francese può essere mantenuto in molte parole prese in prestito; ad esempio, bizárre, critíque, duréss, hotél, prestíge e techníque.

L’intonazione, o tono musicale, determinata principalmente dalla velocità di vibrazione delle corde vocali, può essere uniforme, discendente, ascendente o ascendente-ascendente. Nel contare uno, due, tre, quattro, è naturale che si dia un’intonazione uniforme a ciascuno di questi numeri cardinali. Ma se si dice “voglio due, non uno”, si dà naturalmente al due un tono discendente e all’uno un tono ascendente. Nella domanda Uno? si usa il tono crescente. Il tono delle parole si chiama accento, mentre quello delle frasi si chiama intonazione. La cadenza di fine frase è importante per esprimere le differenze di significato.

Sono possibili diverse intonazioni di fine frase, ma tre sono particolarmente comuni: cadente, ascendente e ascendente-cadente. L’intonazione calante si usa nelle affermazioni compiute, nei comandi diretti e talvolta nelle domande generiche a cui non si può rispondere con un sì o con un no (ad esempio, non ho nulla da aggiungere; tieni la destra; chi te l’ha detto?). L’intonazione crescente è usata frequentemente nelle affermazioni aperte fatte con qualche riserva, nelle richieste educate e nelle domande particolari a cui si può rispondere con un sì o un no (ad esempio, non ho altro da dire al momento; mi faccia sapere come va; è sicuro?).

Il terzo tipo di intonazione di fine frase, prima calante e poi crescente, si usa nelle frasi che implicano concessioni o contrasti (ad esempio, ad alcune persone piacciono [ma ad altre no]; non dire che non ti avevo avvertito [perché è proprio quello che sto facendo]). L’intonazione è nel complesso meno cantilenante nell’inglese americano che in quello britannico e la gamma di tonalità è più ristretta. Ovunque si parli inglese, gli accenti regionali mostrano modelli di intonazione distinti.

Origine della lingua inglese:Morfologia

La lingua inglese da dove deriva: Inflessione

La lingua inglese da dove deriva ?I nomi, i pronomi, gli aggettivi e i verbi dell’inglese moderno sono inflessibili. Avverbi, preposizioni, congiunzioni e interiezioni sono invariabili.

La maggior parte dei sostantivi inglesi ha l’inflessione plurale in (-e)s, ma questa forma mostra variazioni di pronuncia nelle parole cats (con un suono finale s), dogs (con un suono finale z) e horses (con un suono finale iz), così come nelle forme di terza persona singolare al presente dei verbi: cuts (s), jogs (z) e forces (iz). Sette sostantivi hanno plurali mutati (umlazionati): uomo, uomini; donna, donne; dente, denti; piede, piedi; oca, oche; topo, topi; pidocchio, pidocchi.

Tre hanno plurali in -en: bue, buoi; bambino, bambini; fratello, fratelli. Alcuni rimangono invariati (ad esempio, cervo, pecora, alce, gallo cedrone). Cinque dei sette pronomi personali hanno forme distinte per soggetto e oggetto (ad esempio, lui/lei, lei/lui). Gli aggettivi hanno terminazioni distintive per il confronto (ad esempio, comparativo bigger, superlativo biggest), con diverse forme irregolari (ad esempio, good, better, best).

Le forme dei verbi non sono complesse. Solo il verbo sostanziale (to be) ha otto forme: be, am, is, are, was, were, being, been. I verbi forti hanno cinque forme: ride, rides, rode, riding, ridden. I verbi regolari o deboli ne hanno solitamente quattro: walk, walks, walked, walking. Alcuni che terminano in t o d hanno solo tre forme: cut, cuts, cutting.

Oltre alle inflessioni di cui sopra, l’inglese impiega altri due processi morfologici (strutturali) principali, l’affissazione e la composizione, e due processi secondari, la retroformazione e la fusione.

La lingua inglese da dove deriva: Affissazione

Da dove ha origine la lingua inglese ? Gli affissi, elementi verbali attaccati alle parole, possono precedere, come prefissi (do, undo; way, subway), o seguire, come suffissi (do, doer; way, wayward). Possono essere nativi (overdo, waywardness), greci (hyperbole, thesis) o latini (supersede, pediment). I tecnologi moderni prediligono i prefissi neoellenici macro- “lungo, grande”, micro- “piccolo”, para- “accanto”, poli- “molti”, e il latino mini- “piccolo”, con il suo antonimo maxi-. La prima era di Internet ha reso popolare cyber- “di computer o reti di computer” e mega- “vasto”. Gli affissi greci e latini si sono talmente acclimatati che possono essere presenti insieme in una stessa parola, come nel caso di ac-climat-ize-d, appena usato, composto da un prefisso latino più un gambo greco più un suffisso greco più un’inflessione inglese.

I suffissi sono legati più strettamente dei prefissi alle radici delle parole. Si consideri, ad esempio, l’ampia varietà di suffissi agenti presenti nei sostantivi attore, artigiano, dardo, ingegnere, finanziere, assuntore, magistrato, mercante, scienziato, segretario, cantore, studente e lavoratore. I suffissi possono essere attaccati agli steli in modo del tutto casuale, ma, una volta attaccati, è probabile che siano permanenti. Allo stesso tempo, un suffisso può svolgere diverse funzioni. Il suffisso -er indica chi compie l’azione nelle parole worker, driver e hunter; lo strumento in chopper, harvester e roller; e l’abitante in Icelander, Londoner e Trobriander.

Si riferisce a cose o azioni associate al concetto di base nelle parole breather, “pausa per prendere fiato”; diner, “vagone ristorante di un treno”; e fiver, “banconota da cinque sterline”. Nei termini disclaimer, misnomer e rejoinder (tutti dal francese), il suffisso denota una singola istanza dell’azione espressa dal verbo. L’uso può rivelarsi capriccioso. Mentre uno scrittore è una persona, una macchina da scrivere è una macchina. Per qualche tempo un computer è stato entrambe le cose, ma ora la parola non viene più usata per le persone.

La lingua inglese da dove deriva: Composizione

Da dove proviene l’origine della lingua inglese ?La composizione, o compounding, riguarda le forme libere. I composti primari quadrifoglio, gentiluomo e (meno ovviamente, a causa dell’ortografia) mostrano già la collocazione di due forme libere. Si differenziano da gruppi di parole o frasi per l’accento, la congiunzione, la qualità della vocale o per una combinazione di questi elementi. Così, already differisce da all ready per l’accento e la congiunzione, cloverleaf da clover leaf per l’accento e gentleman da gentleman per la qualità della vocale, l’accento e la congiunzione.

Nel descrivere la struttura delle parole composte è necessario prendere in considerazione la relazione dei componenti tra loro e la relazione dell’intero composto con i suoi componenti. Queste relazioni divergono ampiamente, ad esempio, nelle parole quadrifoglio, rompighiaccio, frangiflutti, merlo, amante della pace e tascabile. In quadrifoglio il primo sostantivo componente è attributivo e modifica il secondo, come anche nei termini aereo, alveare, punto di riferimento, linea di vita, rete e vigneto. Rompighiaccio, invece, è un composto formato da sostantivo oggetto più sostantivo agente, a sua volta formato da verbo più suffisso agente, come anche nei termini costruttore di ponti, proprietario terriero, metalmeccanico, minatore e cronometrista. Il tipo successivo è costituito da verbo più oggetto.

È raro in inglese, olandese e tedesco, ma frequente in francese, spagnolo e italiano. L’inglese pastime può essere paragonato, ad esempio, al francese passe-temps, allo spagnolo pasatiempo e all’italiano passatempo. Dal francese passport, che significa “passare (cioè entrare) in un porto”. Dall’italiano portfolio, che significa “portare la foglia”. Altre parole di questo tipo sono temerario, scapegrace e spaventapasseri. Il tipo merlo, composto da aggettivo attributivo più sostantivo, è frequente, come nei termini bluebell, grandson, shorthand e wildfire. Il tipo successivo, composto da sostantivo oggetto e participio presente, come nei termini fact-finding, heart-rending (tedesco herzzerreissend), life-giving (tedesco lebenspendend), painstaking e time-consuming, si verifica raramente. L’ultimo tipo è presente in barefoot, bluebeard, hunchback, leatherneck, redbreast e scatterbrain.

La lingua inglese da dove deriva:Back-formations, blends e altri tipi di formazione delle parole

Qual’e’l’origine della lingua inglese ?Le retroformazioni e le miscele sono molto diffuse. La retroformazione è l’inverso dell’apposizione, ossia la creazione analogica di una nuova parola da una parola esistente che si presume falsamente essere un suo derivato. Ad esempio, il verbo to edit si è formato dal sostantivo editor per analogia inversa con il sostantivo actor da to act, e allo stesso modo i verbi automate, bulldoze, commute, escalate, liaise, loaf, sightsee e televise sono retroformati dai sostantivi automation, bulldozer, commuter, escalation, liaison, loafer, sightseer e television. Dal sostantivo singolo procession si sono retroformati due verbi con sollecitazioni e significati diversi: procéss, “camminare in processione”, e prócess, “sottoporre il cibo (e altro materiale) a un’operazione speciale”.

Le miscele si dividono in due gruppi:

  1. coalescenze, come bash da bang e smash;
  2. forme telescopiche, chiamate parole portmanteau, come motorcade da motor cavalcade.

Al primo gruppo appartengono le parole clash, da clack e crash, e geep, figlio di capra e pecora. Al secondo gruppo appartengono dormobiles, o automobili dormitorio, e slurbs, o periferia dei bassifondi. Un monologo di viaggio diventa un diario di viaggio e un telegramma inviato via cavo un cablogramma. L’elettronica dell’aviazione diventa avionica; l’elettronica della biologia, bionica; e l’elettronica nucleare, nucleonica. In cablistica un punto interrogativo è un quark; in informatica un’unità binaria è un bit. In astrofisica una sorgente quasistellare di energia radio diventa un quasar e una stella pulsante diventa una pulsar.

Semplici abbreviazioni, come ad per pubblicità, che qualche tempo fa avrebbero potuto essere derise da alcuni, sono ora di uso comune. Nei dizionari sono elencate fianco a fianco con le loro forme complete. Tra queste abbreviazioni si trovano exam, gym, lab, lib, op, spec, sub, tech, veg e vet. Si usano anche abbreviazioni composte, sul modello del russo agitprop per la propaganda agitatsiya. Le sillabe iniziali sono unite come nelle parole linocut (taglio del linoleum) e FORTRAN (traduzione di formule); queste abbreviazioni non sono rare e spesso diventano nomi di società e altre organizzazioni (FedEx [Federal Express], Intelsat [International Telecommunications Satellite Organization]).

La lingua inglese da dove deriva: Sintassi

  1. semplice, contenente una clausola e un predicato:Jane knows this country;
  2. multipla o composta, che contiene due o più clausole coordinate: Jane has been here before, and she knows this country;
  3. complesso, contenente una o più clausole principali e una o più clausole subordinate: Jane, who has been here before, knows this country or Because she has been here before, Jane knows this country

Le frasi semplici, dichiarative e affermative hanno due schemi principali con cinque schemi secondari all’interno di ciascuno. Il verbo e il complemento formano insieme il predicato. Il termine “complemento” viene qui utilizzato per indicare sia il complemento che l’oggetto dei grammatici tradizionali.

La tabella che elenca le frasi da (1) a (5) fornisce esempi del primo schema principale. Le frasi del primo schema sono composte da tre parti: soggetto, verbo e complemento. In Jane knows this country (1), il complemento è l’oggetto diretto di un verbo transitivo; in Science is organized knowledge (2), è un gruppo nominale predicativo che forma la seconda componente di un’equazione collegata alla prima parte dalla copula senza significato is; in Elizabeth becomes queen (3), è un sostantivo predicativo collegato al soggetto dalla copula significativa becomes; in The captain falls sick (4), è un aggettivo predicativo; e in Nothing passes unobserved (5), è un participio passato predicativo.

subjectverbcomplement
1. Janeknowsthis country
2. Scienceisorganized knowledge
3. Elizabethbecomesqueen
4. The captainfallssick
5. Nothingpassesunobserved

La tabella delle frasi da (6) a (10) mostra il secondo schema. Nel secondo schema principale, ogni frase contiene quattro componenti: soggetto, verbo e due complementi, primo e secondo o interno ed esterno. In John gives Mary a ring (6), i complementi interni ed esterni sono costituiti da oggetto indiretto (senza preposizione) seguito da oggetto diretto; in The sailors make John captain (7), questi complementi sono oggetto diretto e sostantivo appositivo; in You have kept your record clean (8), oggetto diretto e aggettivo predicativo; in The driver finds the road flooded (9), oggetto diretto e participio passato predicativo; e in We want you to know (10), oggetto diretto e infinitivo predicativo.

subjectverbinner complementouter complement
6. JohngivesMarya ring
7. The sailorsmakeJohncaptain
8. Youhave keptyour recordclean
9. The driverfindsthe roadflooded
10. Wewantyouto know

Raramente si può cambiare l’ordine delle parole in queste 10 frasi senza fare qualcos’altro – aggiungere o sottrarre una parola, cambiando il significato. Non c’è modo migliore per apprezzare l’importanza della posizione delle parole che esaminare i 10 fotogrammi illustrati. Se, ad esempio, in (6) si invertono i complementi interni ed esterni, si aggiunge a e si dice: Giovanni dà un anello a Maria; non si dice Giovanni dà un anello a Maria. Alcuni verbi, come spiegare e dire, non omettono mai la preposizione to prima dell’oggetto indiretto: John’s mother explained the details to her son. Se, in (10), i complementi interni ed esterni vengono invertiti (ad esempio, We want to know you, il significato cambia così come la struttura.

Oltre a queste regole fondamentali sull’ordine delle parole, i principi che regolano la posizione di aggettivi, avverbi e preposizioni richiedono un breve commento. Per gli aggettivi attributivi la regola è semplice: le parole singole precedono regolarmente il sostantivo e i gruppi di parole seguono, ad esempio un’esperienza indimenticabile, ma un’esperienza da non dimenticare mai. È anche possibile, tuttavia, abbandonare questo principio e passare i gruppi in prima posizione: un’esperienza da non dimenticare mai.

Nell’ordinamento degli epiteti multipli, invece, si possono notare alcune tendenze. Gli attributi che denotano qualità permanenti stanno più vicini ai loro sostantivi principali: long, white beard; six-lane elevated freeway. L’ordine nell’attribuzione multipla tende a essere il seguente: determinatore; quantificatore; aggettivo di qualità; aggettivo di dimensione, forma o consistenza; aggettivo di colore o materiale; aggettivo sostantivato (se presente); sostantivo principale. Esempi: that one solid, round, oak dining table; these many fine, large, black racehorses; those countless memorable, long, bright summer evenings.

Gli avverbi sono più mobili degli aggettivi. Tuttavia, alcuni principi sembrano essere all’opera. Gli avverbi di frequenza tendono a venire subito dopo il verbo sostanziale (You are often late), prima di altri verbi (You never know) e tra gli ausiliari e i verbi completi (You can never tell). In quest’ultimo caso, tuttavia, l’uso americano differisce da quello britannico. La maggior parte degli americani metterebbe l’avverbio prima dell’ausiliare e direbbe You never can tell. (Nel titolo della sua opera teatrale omonima, rappresentata per la prima volta nel 1899, George Bernard Shaw seguì dichiaratamente l’uso americano).

Gli avverbi di tempo si trovano solitamente all’inizio o alla fine di una frase, raramente nel mezzo. Le espressioni particolari precedono normalmente quelle più generali: Il ponte è stato aperto alle 9 del mattino del 23 ottobre dell’anno scorso. Un avverbio di luogo o di direzione segue un verbo con cui è semanticamente legato: We arrived home after dark (Siamo arrivati a casa dopo il tramonto). Gli altri avverbi assumono normalmente posizioni finali nell’ordine di modo, luogo e tempo: The bird flew suddenly (L’uccello è volato improvvisamente) [avverbio di modo] dall’albero [avverbio di luogo luogo], a few minutes ago (pochi minuti fa [tempo]).

Nonostante la sua etimologia (latino prae-positio “prima di mettere”), una preposizione può talvolta seguire il sostantivo che governa,come in all the world over (tutto il mondo), slept the clock round (in tutto il giro dell’orologio) e in the whole place through (tutto il luogo). Questo sembra un buon posto in cui vivere sembra più naturale per la maggior parte dei parlanti di Questo sembra un buon posto in cui vivere. Have you anything to open this can with? è più comune di Have you anything with which to open this can?

Si tratta di principi piuttosto che di regole, e questa flessibilità strutturale rende facile trovare ambiguità in frasi isolate. Un manuale di tiro a segno indica che quando si cammina per stanare i beccaccini bisogna sempre avvicinarsi controvento. L’autore intende che il lettore capisca: “When walking snipe always approach up wind (Quando si cammina per stanare i beccaccini, avvicinarli sempre controvento)”.

John kept the car in the garage can mean either( John ha tenuto l’auto in garage) può significare (1) “John ha tenuto l’auto che vedete in garage e ha venduto l’altra” oppure (2) “John ha tenuto l’auto in garage e non altrove”. Flying planes can be dangerous (Far volare gli aerei) può essere pericoloso è ambiguo perché può significare sia (1) “Planes that fly can be dangerous (Gli aerei che volano possono essere pericolosi)” sia (2) “It is dangerous to fly planes (È pericoloso far volare gli aerei)”. D’altra parte, tali “ambiguità” scompaiono quasi sempre quando le frasi vengono viste nel contesto.

Due modi in cui Giovanni dà a Maria un anello possono essere enunciati al passivo: (1) John gives Mary a ring (Giovanni dà un anello a Maria) e (2) Mary is given a ring by John (Giovanni dà un anello a Maria). Riguardo a questa stessa azione, si possono formulare quattro tipi di domande: (1) Who gives Mary a ring? (Chi dà a Maria un anello?) L’informazione ricercata è l’identità del donatore. (2) Does John give Mary a ring? (Giovanni regala un anello a Maria? )

Alla domanda si può rispondere con un sì o con un no. (3) John gives Mary a ring, doesn’t he? (Giovanni dà a Maria un anello, non è vero?) Si chiede conferma della convinzione dell’interrogante che Giovanni dia effettivamente un anello a Maria. (4) John gives Mary a ring? (Giovanni regala un anello a Maria?) Questa forma, che si differenzia dall’enunciato dichiarativo solo per il punto interrogativo nella scrittura o per l’intonazione crescente nel parlato, richiede, come le frasi (2) e (3), una risposta affermativa o negativa, ma suggerisce il dubbio da parte dell’interrogante che l’azione stia avendo luogo.Andiamo avanti a scoprire la lingua inglese da dove deriviva.

Dall’origine della lingua inglese fino all’inglese moderno

Da dove ha origine la lingua inglese: la sua storia

La lingua inglese da dove deriva ? La lingua inglese ha subito molti cambiamenti nel corso dei secoli, dalle sue prime radici come lingua germanica alla sua forma attuale come lingua franca globale. Le sue caratteristiche includono un ampio vocabolario, un sistema grammaticale flessibile e un’enfasi sulla chiarezza e precisione. L’inglese è anche noto per la sua capacità di assorbire parole da altre lingue, il che lo rende una delle lingue più diverse esistenti.

La lingua inglese ha una storia linguistica più interessante degli ultimi 500-600. Nella sua storia linguistica e stata in grado di abbracciare le più importanti materie dello scibile umano come per esempio, la medicina, ingegneria e le materie finanziarie. La lingua inglese, si può definire a pieno titolo la lingua delle professioni. La lingua inglese da dove deriva:?

Andiamo ancora avanti per capire la lingua inglese da dove deriva. Per capire le radici della lingua è necessario andare indietro nel tempo. Infatti, l’inglese che oggi usiamo deriva da tre periodi storici:

  • inglese antico o anglosassone,
  • inglese medioevale,
  • inglese moderno.

Questa suddivisione consente subito di capire l’evoluzione della lingua negli anni. E’ una mutazione non solo di struttura grammaticale ma di parole e di fonetica. Per comprendere meglio adopera un dizionario inglese che ogni loro lemma spiega anche l’etimologia del termine.

Questo è quello che accade un po’ in tutte le altre lingue. Vocaboli che un tempo erano di uso comune perché usati in un determinato contesto storico. Nell’evoluzione sono stati rimpiazzati da altri vocaboli che abbracciano un concetto semantico completamente diverso. Ma comprendiamo meglio l’origine della lingua inglese.

 Il primo periodo è detto inglese antico o anglosassone. Questo periodo è definito dalla lingua germanica. Infatti, in quel periodo molte tribù iniziarono a migrare nelle isole britanniche dalla Germania; verso il quinto secolo avanti Cristo. L’inglese che usiamo tutti i giorni, possiede poche relazioni con l’inglese antico come per esempio, him, he ed i loro derivati. Mentre la costruzione tattica della frase ed il lessico più complesso necessitano di un’attenzione maggiore.

Il secondo periodo è detto inglese medievale. Questo periodo è stato chiamato così perché le regole del periodo anglosassone sono state frantumate e contaminate dalle influenze di altri popoli:

  • le invasioni vichinghe,
  • la conquista Normanna (1066),
  • il latino che era la lingua usata dal clero.

Nell’inglese medievale si nota una grande influenza della lingua romanza presente nel continente europeo. In una modificazione del suono della lingua.

Il terzo periodo storico è descritto dall’inglese moderno. Questo tipo di inglese inizia a essere utilizzato largamente all’inizio del XVI secolo fino ad arrivare ai giorni nostri. Questo periodo storico viene anche definito “il grande spostamento vocalico” che grazie all’invenzione della stampa e allo sviluppo di nuove tecnologie per la comunicazione (carta, fino ad arrivare alla radio), ha consentito di allungare e il marcare i suoni delle vocali fino a condurre alla standardizzazione nella lingua parlata.

Nello studio della lingua inglese gli italiani hanno grande delle difficoltà. Infatti, per loro è molto semplice imparare lo spagnolo perché è più familiare sia dal punto di vista linguistico. Questo si spiega perché è l’italiano e lo spagnolo sono definiti delle lingue romanze. E sia l’una nell’altra condividono con il francese, il portoghese e il romeno la lingua latina.

L’inglese si comporta in maniera totalmente differente alle altre lingue romanze. Infatti, anche se presenta termini molto simili al francese, il latino usa regole grammaticali, sintattiche fonetiche molto lontane dalla lingua italiana. Questo accade perché è non appartiene alla famiglia delle lingue romanze. Inoltre, nei suoi periodi storici non si annovera la lingua latina.

Ti consiglio anche di consultare l’infografica per memorizzare i periodi storici e linguistici della lingua. Adesso andiamo a ritroso nel tempo per conoscere i popoli che hanno dato origine a questa lingua.

origine della lingua inglese i tre movimenti linguistici

Condividi questa immagine sul tuo sito

La lingua inglese da dove deriva: Gli antenati della lingua inglese

La lingua inglese da dove deriva ?La lingua inglese si è evoluta con generazioni di oratori. Che hanno mutato l’aspetto e il suo suono. E ci ha permesso di risalire alla lingua che ha generato l’inglese, che tutti noi oggi usiamo. Inoltre, ci consente di conoscere di più sui popoli che hanno abitato le isole britanniche. Per comprendere le ragioni della sua evoluzione linguistica.

La lingua inglese da dove deriva ? Non sappiamo molto delle prime tribù che hanno colonizzato le isole britanniche. Iniziamo a sapere qualcosa dalle invasioni dei Celti che arrivarono sulle coste dell’attuale Inghilterra verso l’ottavo secolo avanti Cristo. In questo periodo incominciamo ad avere delle testimonianze scritte più approfondite. Ma chi erano questi popoli?

La lingua inglese da dove deriva ?Questi popoli si chiamano celti della Britannia o britanni. Erano delle popolazioni guerriere organizzate in tribù. Esse non raggiunsero mai un’unità politica. E per questo motivo la loro conquista da parte dell’impero romano fu molto facile.

La lingua inglese da dove deriva: La dominazione Normanna

La lingua inglese da dove deriva ? Nel periodo della dominazione Latina, i celti sono stati protetti dai romani. La protezione romana era contro le invasioni delle tribù germaniche. Ma quando i romani abbandonarono l’isola, la popolazione celtica perse la protezione dell’impero romano contro le rappresaglie dei popoli germanici.

Infatti, tra il quinto e il sesto secolo dopo degli Angli, Sassoni e Juti conquistarono l’isola. Queste popolazioni si stabilirono portando la loro cultura e i propri usi e costumi. E con il passare del tempo si fusero in una nuova lingua. La nuova lingua scaturita dalla fusione delle tre culture è chiamata lingua. Anglosassone. Questi popoli, furono gli unici colonizzatori dell’isola?

Tra il VII e XI secolo le isole britanniche ebbero un nuovo attore. I vichinghi scandinavi iniziarono la colonizzazione delle isole britanniche. Stabilirono il loro avamposti nei territori più a Nord dell’isola. Mentre nelle zone del sud gli avamposti dei sassoni rimasero indipendente. L’Inghilterra era divisa in due sfere d’influenza. E lentamente le culture e le lingue di questi due popoli, entrambi di origine germanica cominciarono a fondersi nella fase storica chiamata Old English. Ma cosa accadde alla lingua dopo queste invasioni?

Successivamente a queste invasioni la lingua celtica si indebolì fortemente. Anche se rimase una lingua minoritaria nelle aree più isolate delle isole britanniche: Cornovaglia, il Galles, la Scozia, l’Irlanda e l’isola di Mann. Queste sono le zone in cui viene, ancora oggi parlata in tutte le sue evoluzioni e delle varianti territoriali. La lingua inglese da dove deriva: scopriamo il ceppo germanico.

La lingua inglese da dove deriva: Ceppo Germanico

La lingua inglese da dove deriva ? La lingua inglese durante i secoli ha avuto svariate influenze linguistiche. L’Anglosassone è l’antenato principale dell’inglese. Mentre la lingua latina ha avuto un’influenza minima nell’evoluzione del celtico. Ma com’è possibile che questa lingua presenta similitudini con il francese oppure con il latino?

Queste similitudini sono entrati a far parte del vocabolario successivamente alla dominazione Normanna. Le parole presi in prestito dalle altre lingue, hanno permesso di sviluppare il dualismo tra il linguaggio alto e basso dell’inglese moderno. Ma chi erano i normanni?

I normanni erano dei conquistatori vichinghi. Essi si stabilirono in Francia nell’ultimo quarto del nono secolo e nell’arco temporale di due generazioni furono in grado di assimilare quasi completamente la lingua, la cultura e la religione dei Franchi. Tutto ciò ha portato a un avvenimento storico molto importante.

Nell’anno 1066 William the Conqueror guidò i normanni alla conquista dell’isola. Per gli anglosassoni non si rivel? soltanto un cambio politico, ma anche linguistico. Infatti, questa conquista port? una grande mole di parole francesi e la fine. Entrando prepotenza nel linguaggio e nella cultura Anglosassone. Dando vita ad una nuova lingua: Middle English. Adesso andremo a vedere l’origine dell’anglosassone.

Le parole di origine francese alla fine sono soltanto dei prestiti e non fanno parte della struttura originale dell’Anglosassone. Questo dimostra ancora una volta che non è una lingua romanza e non deriva neanche dalla lingua latina. L’anglosassone, deriva dal ceppo germanico. E dalla famiglia di lingue della penisola scandinava e dell’Europa settentrionale.

Analizzare le parole che hanno un suono simile non è sufficiente per dimostrare la parentela di entrambe le lingue. Perché questi prestiti, come nel caso dei termini di derivazione normanna non ci consentono di dimostrare la loro parentela. Per confrontare le due lingue e comprendere che esiste una parentela è sufficiente studiare le strutture grammaticali, la sintassi o il vocabolario di base come pronomi, numeri o nomi dei familiari. Ma tutte queste osservazioni dove hanno portato?

Il processo di confronto tra le due lingue ha consentito agli induisti di individuare l’antenato dell’Anglosassone. L’antenato della lingua inglese è il Proto germanico. Una lingua che era parlata all’incirca 500 anni prima di Cristo. E di cui non abbiamo testimonianze scritte. Ci sono altre lingue appartenenti al ceppo germanico come il tedesco, l’olandese e il finlandese. Anche queste lingue si sono evolute in base alle abitudini e alla geografia di popoli che provenivano da luoghi diversi. Eppure la lingua inglese ha in comune con l’italiano una caratteristica molto importante.

L’inglese e l’italiano sono delle lingue non molto diverse. Sicuramente hanno similitudini rispetto all’italiano ed il russo oppure l’italiano e il giapponese. Anche se, seguono una grammatica e una logica diversa nella strutturazione della frase, entrambe condividono degli elementi comuni fondamentali:

  • l’alfabeto,
  • la coniugazione verbale,
  • la declinazione nominale, anche se nella lingua inglese è molto di più usata della lingua italiana.

La lingua inglese da dove deriva ? Studiando più a fondo la lingua gli studiosi sono riusciti a trovare una parentela tra il germanico e il latino. Applicando gli stessi principi di linguistica comparativa al germanico e al latino sono stati in grado di risalire a una lingua ancora più antica, il Proto Indoeuropeo. Che tipo di linguaggio è ? Quali sono le sue caratteristiche?

Questa lingua era parlata da 600 anni prima. Questo linguaggio era originario della steppa Pontica, una regione tra l’Ucraina e la Russia conseguentemente alle immigrazioni dei popoli che usavano questa lingua per comunicare, l’Indoeuropeo non si è diffuso soltanto in Europa ma anche nel Medio Oriente fino all’Asia meridionale. Questa lingua si è diffusa così velocemente che la quasi totalità di tutte le lingue del continente europeo deriva dal proto indo europeo. Mentre il proto germanico mantenne il carattere lesivo della lingua. Che a sua volta viene trasmesso all’Anglosassone e all’Old English mantenuto ancora oggi nel tedesco moderno. Ma cosa accadde durante gli anni alla lingua inglese?

La lingua inglese da dove deriva ? Con il passare del tempo i casi e le coniugazioni dell’inglese sono andati perduti. Il motivo più probabile di questo mutamento è dovuto a un insieme di invasioni che le isole britanniche hanno avuto. Infatti, sia i conquistatori che i colonizzatori stranieri hanno dovuto imparare la lingua già in età adulta In un periodo storico in cui l’old English e l’anglosassone non erano lingue divulgate con la scrittura. Infatti, la grammatica e la sintassi non aveva regole rigide come invece lo è per i giorni nostri. Allora come è composta la grammatica della lingua inglese?

La grammatica inglese è molto semplificata. Anche se possiede un vocabolario molto vasto. Questo vocabolario si è sviluppato grazie a una miriade di nuove parole che venivano inserite a seguito delle diverse dominazioni.

Origine della Lingua inglese: conclusione

La lingua inglese da dove deriva ?Le origini della lingua inglese sono state esposte in questo articolo. E sono molto importanti per comprendere la sua evoluzione fino a oggi. La lingua inglese ha molte caratteristiche distinte che lo rendono unico tra le altre lingue. La sua ortografia e pronuncia sono molto irregolari e la sua grammatica è abbastanza semplice rispetto ad altre lingue. L’inglese ha anche un ricco vocabolario che include parole provenienti da molte fonti diverse, come lingue latine, francesi e germaniche. La lingua inglese incorpora anche elementi di varie culture in tutto il mondo, come abbiamo visto, che hanno contribuito a plasmare il suo sviluppo nel tempo.

A quale famiglia linguistica appartiene l’inglese?

L’inglese appartiene alla famiglia delle lingue indoeuropee ed è quindi imparentato con la maggior parte delle altre lingue parlate in Europa e in Asia occidentale, dall’Islanda all’India. La lingua madre, chiamata Proto-Indo-Europeo, era parlata circa 5.000 anni fa dai nomadi che si ritiene vagassero nelle pianure dell’Europa sud-orientale.

Quale era la lingua internazionale prima dell’inglese?

Prima dell’inglese, il francese era spesso considerato la prima lingua internazionale. La corte francese era il modello per l’aristocrazia europea nel 1700, quindi la lingua francese divenne all’epoca la lingua franca per la diplomazia. Ciò continuò nel 1800 con la posizione dominante della Francia negli affari europei. Dopo la prima guerra mondiale, il Trattato di Versailles fu scritto sia in francese che in inglese, quindi alcuni studiosi sottolineano che questa prima volta l’inglese iniziò a guadagnare importanza come lingua internazionale.

Chi è il padre della lingua inglese?

Gli esperti sostengono che gli abitanti di quell’area parlavano una lingua chiamata Proto-Indo-Europeo. Questa lingua non è più parlata. I ricercatori non sanno come fosse.

Se l'hai trovato utile condividilo
Andrea Barbieri
Andrea Barbieri

Andrea Barbieri il consulente per la tua crescita online

Andrea Barbieri è il fondatore e proprietario di BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web, un’azienda situata a Poggibonsi specializzata nella divulgazione della SEO di qualità e nella realizzazione di siti web professionali. Con una passione inarrestabile per il mondo digitale, Andrea ha dedicato la sua carriera a fornire servizi di consulenza SEO, sviluppo web e consulenze linguistiche per aziende che mirano a crescere e affermarsi online.

Un Pioniere della SEO Ben Fatta

Andrea Barbieri è conosciuto per il suo approccio rigoroso e scientifico alla SEO. Non si tratta semplicemente di migliorare il posizionamento sui motori di ricerca, ma di farlo nel modo giusto. Andrea si impegna a diffondere le migliori pratiche SEO, basate su dati concreti e strategie efficaci, che permettono ai suoi clienti di ottenere risultati duraturi e sostenibili. Attraverso BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web, Andrea offre una gamma di servizi pensati per ottimizzare la visibilità online e migliorare l’esperienza utente.

Realizzazione di Siti Web di Qualità

La realizzazione di siti web non è solo una questione di design accattivante, ma di funzionalità, usabilità e performance. Andrea Barbieri e il suo team si dedicano a creare siti web che non solo rappresentano al meglio l’identità del cliente, ma che sono anche ottimizzati per la conversione e la soddisfazione degli utenti. Ogni progetto è curato nei minimi dettagli, con un’attenzione particolare all’ottimizzazione SEO e alla user experience.

Traduzioni e Localizzazione in 96 Combinazioni Linguistiche

Un aspetto distintivo di BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web è la capacità di offrire servizi di traduzione e localizzazione in ben 96 combinazioni linguistiche. Questo permette ai clienti di Andrea Barbieri di raggiungere un pubblico globale con contenuti perfettamente adattati alle diverse culture e lingue. La precisione nella traduzione e l’attenzione alla localizzazione assicurano che i messaggi e i prodotti dei clienti siano efficaci e pertinenti in ogni mercato di destinazione.

Consulenza per Aziende Ambiziose</h2

Oltre ai servizi di SEO e sviluppo web, Andrea Barbieri offre consulenza SEOpersonalizzata per aziende che sono davvero intenzionate a crescere online. Il suo approccio è collaborativo e orientato ai risultati, mirato a capire le esigenze specifiche di ogni cliente e a sviluppare strategie su misura che possano portare a una crescita significativa e sostenibile nel tempo.

Scrittore e Divulgatore del Business Online

Andrea Barbieri non è solo un esperto di SEO e sviluppo web, ma anche uno scrittore prolifico su tutti gli argomenti legati al business online. Attraverso articoli, blog,pubblicazioni e podcast, Andrea condivide la sua vasta conoscenza e le sue intuizioni con una comunità globale di lettori. I suoi scritti sono una risorsa preziosa per chiunque voglia approfondire le dinamiche del business digitale e rimanere aggiornato sulle ultime tendenze e tecniche del settore.

Conclusione

Andrea Barbieri rappresenta una figura di riferimento nel panorama della SEO e dello sviluppo web in Italia. Con la sua azienda, BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web, continua a elevare gli standard del settore, offrendo servizi di altissima qualità e consulenza specializzata per aziende pronte a fare il salto di qualità nel mondo digitale. La sua passione per la divulgazione e l’educazione, combinata con un impegno costante verso l’eccellenza, fa di Andrea un partner ideale per qualsiasi impresa che desideri prosperare online.

Sono Andrea Barbieri titolare della BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web. La mia azienda si occupa di Consulenza SEO, realizzazione siti web, sviluppo app, traduzioni professionali, localizzazione siti web e Web Marketing. Insieme al mio team metto al servizio delle aziende la mia formazione tecnica e linguistica nel settore della Information Technology, sviluppo siti web e App e Web Marketing. Trovando le migliori soluzioni digitali e linguistiche con il minor costo possibile.

Leggi tutti gli articoli di Andrea Barbieri

Articoli: 236

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole