Come fare Email marketing: definizione, strategie e strumenti per cominciare

Aggiornato recentemente a Settembre 3rd, 2023 alle 03:42 pm

email marketing esempi per iniziare una campagna di email marketing efficiente

Email marketing esempi: definizione, strategie e strumenti per cominciare

Email marketing esempi: come iniziare

Sapevate che ci sono 3 volte più account di posta elettronica che account di Facebook e Twitter messi insieme? O che è 6 volte più probabile ottenere un click dall’e-mail che da Twitter?

In qualità di esperti di marketing, avrete probabilmente visto i report che mostrano che l’email ha il più alto ROI di qualsiasi canale di marketing disponibile. Scommettiamo che siete desiderosi di iniziare a utilizzare le email marketing per incrementare le vendite e i ricavi della vostra azienda. Probabilmente vi starete chiedendo:

  • Come posso iniziare esattamente?
  • Quali sono i passi da compiere?
  • Come faccio a costruire una lista?
  • Come si misura il successo?

Questa guida definitiva vi guida attraverso il processo di avvio dell’email marketing e vi aiuterà a raggiungere il successo aziendale. Passo 1: Stabilire gli obiettivi dell’email marketing

MagicStore
Ad - Web Hosting SiteGround - Creato per semplificare la gestione del sito. Clicca per scoprire di più.

Si può essere tentati di iscriversi a uno strumento di email marketing come Campaign Monitor e iniziare a inviare la prima campagna.

Ma prima di buttarsi a capofitto, vale la pena prendersi un minuto per pensare ai propri obiettivi e a ciò che si vuole veramente ottenere con l’email, in quanto saranno questi a dettare il tipo di campagne da inviare, i destinatari, i contenuti da includere e il modo in cui si misura il successo.

L’e-mail dovrebbe essere una componente importante di ogni piano di marketing digitale, data la sua efficacia nel guidare le conversioni e nel costruire la fedeltà al marchio.

Passo 1: Stabilire gli obiettivi dell’email marketing

Si può essere tentati di iscriversi a uno strumento di email marketing e iniziare a inviare la prima campagna.

Ma prima di buttarsi a capofitto, vale la pena prendersi un minuto per pensare ai propri obiettivi e a ciò che si vuole veramente ottenere con l’email, poiché questo detterà il tipo di campagne che si inviano, chi si indirizza, i contenuti che si includono e come si misura il successo.

L’e-mail dovrebbe essere una componente importante di ogni piano di marketing digitale, data la sua efficacia nel guidare le conversioni e nel costruire la fedeltà al marchio.

La chiave per stabilire gli obiettivi corretti per la vostra iniziativa di email marketing è allinearli con gli obiettivi e i KPI di marketing più ampi della vostra azienda. L’obiettivo è quello di ottenere nuove sottoscrizioni per il vostro prodotto? Nuovi contatti per il vostro team di vendita? Aumentare il numero di partecipanti al vostro evento? Più donazioni per la vostra causa?

L’email marketing è il canale più potente per raggiungere il vostro pubblico e può essere utilizzato per raggiungere una serie di obiettivi diversi, quindi vale la pena di dedicare un po’ di tempo a pensare a ciò che volete ottenere con esso prima di buttarvi.

Per aiutarvi a identificare i vostri obiettivi, ecco alcuni esempi di come e’ possibile utilizzare l’email marketing:

  • BuzzFeed – Il popolare sito web di notizie e intrattenimento guadagna con la vendita di pubblicità sul proprio sito, quindi l’obiettivo principale del team di marketing è quello di aumentare il traffico. A tal fine, BuzzFeed invia regolarmente newsletter via e-mail contenenti link alle storie del suo sito web, con l’obiettivo di aumentare il numero di visite mensili e la quantità di entrate generate.
  • Rip Curl – Il marchio mondiale del surf genera entrate attraverso la vendita di mute, magliette, boardshort e altri articoli per il surf. L’obiettivo del loro team di marketing è quello di aumentare le vendite, quindi utilizzano le e-mail per promuovere i nuovi prodotti che stanno lanciando e per cercare di portare le persone nei loro negozi online o fisici ad acquistare quei prodotti.
  • UNICEF – L’organizzazione benefica globale fornisce aiuti umanitari e assistenza a madri e bambini nelle nazioni in via di sviluppo di tutto il mondo. Il successo per il loro team di marketing digitale è rappresentato dalle donazioni, quindi utilizzano l’email marketing per raggiungere la loro base di donatori, informarli sui progetti di aiuto che l’UNICEF sta intraprendendo e chiedere donazioni.
  • SXSW, Inc. – Questa organizzazione snella organizza alcuni degli eventi più noti al mondo, tra cui il festival cinematografico, musicale e interattivo SXSW che si tiene ogni anno ad Austin, in Texas. L’obiettivo del team di marketing è quello di aumentare le vendite dei biglietti e i partecipanti a questi eventi, quindi utilizza l’email marketing per tenere aggiornati gli abbonati quando nuovi artisti e relatori si aggiungono alla lineup.
  • Soho House – Questo prestigioso club per soli soci è un luogo di ritrovo abituale per le celebrità e per i media di tutto il mondo. L’obiettivo del team di marketing è quello di mantenere la base dei soci impegnata nel club e di utilizzare regolarmente le strutture, per cui utilizza l’email marketing per tenere i soci aggiornati sugli eventi e le funzioni a cui possono partecipare.

Come si può vedere da questi esempi, pianificare ciò che si vuole ottenere con le e-mail prima di iniziare l’invio rende molto più facile identificare cosa inviare e a chi inviarlo, e aiuta a creare campagne e-mail mirate e performanti che raggiungeranno i vostri obiettivi di marketing.

Fase 2: Creare una lista di email marketing

Ora che avete stabilito i vostri obiettivi e ciò che volete ottenere dall’email marketing, è il momento di costruire la vostra lista di email in modo da poter iniziare a inviare campagne che raggiungano tali obiettivi.

Ci sono un paio di modi diversi per costruire la vostra lista e-mail, ma il metodo giusto per ogni campagna dipende dagli obiettivi che avete stabilito nella fase 1.

Importare un elenco di contatti noti

Se intendete utilizzare l’e-mail per mantenere i contatti con i clienti esistenti, la vostra lista di e-mail può essere costruita in gran parte importando i dati dei clienti esistenti nello strumento di e-mail marketing scelto.

Per i clienti di Campaign Monitor, è possibile caricare manualmente un elenco esistente (ad esempio da un file Excel) oppure collegare l’account di Campaign Monitor allo strumento in cui risiedono i dati dei clienti (ad esempio il CRM, la contabilità, lo strumento di e-commerce e centinaia di altri) e sincronizzare automaticamente le informazioni sui clienti nell’account di Campaign Monitor.

Prima di importare i contatti, però, assicuratevi di avere l’autorizzazione adeguata per inviare e-mail a questi abbonati. Se non siete sicuri, consultate la nostra guida sulle autorizzazioni o contattate il nostro team di assistenza che sarà lieto di discutere con voi delle autorizzazioni e del caricamento della vostra lista.

Creare un nuovo elenco da zero

Se avete intenzione di utilizzare l’e-mail per comunicare con un pubblico di cui non avete ancora l’indirizzo e-mail, dovrete iniziare a raccogliere gli indirizzi e-mail e a costruire la vostra lista da zero.

Fortunatamente per voi, esiste una formula in due parti per costruire la vostra lista di email che è seguita da molti degli email marketer di maggior successo in circolazione. La formula è:

Un incentivo di valore + semplici opportunità di iscrizione = grande lista di e-mail

Sebbene si tratti di una semplificazione, si tratta anche di logica. Indipendentemente dal numero di opportunità di iscrizione presentate a un visitatore, è improbabile che agisca senza un valido incentivo. E a prescindere dalla bontà dell’incentivo, se volete convincere le persone a iscriversi alla vostra lista, dovete comunque rendere semplice la sottoscrizione.

La vera domanda è: cosa rende un incentivo straordinario? E come potete rendere l’iscrizione alla vostra lista davvero semplice e facile?

Sebbene questo aspetto sia trattato in modo molto più dettagliato nella nostra guida alla creazione di liste di email, ecco alcuni incentivi che potreste utilizzare per invogliare le persone a iscriversi alla vostra lista di email:

  • Contenuti avvincenti – Se avete un blog o producete contenuti sul vostro sito web, l’offerta di inviare i vostri contenuti migliori agli abbonati via e-mail è un potente incentivo a iscriversi alla vostra lista.
  • Sconti sul primo ordine – Se vendete prodotti attraverso un negozio online, offrire uno sconto sul primo ordine a chi si iscrive alla vostra lista e-mail è un incentivo straordinario. Non solo incoraggia le persone a iscriversi, ma le incentiva anche ad acquistare.
  • Aggiornamento della spedizione gratuita o espressa – L’offerta di una spedizione gratuita o migliorata per gli acquisti dei vostri clienti è un ottimo incentivo a iscriversi alla vostra lista. Non solo si tratta di un’offerta molto pertinente, soprattutto se proposta durante il processo di checkout, ma anche la possibilità di far arrivare più velocemente nelle proprie mani un articolo desiderato è un potente incentivo all’iscrizione.

Inoltre, l’altra parte dell’equazione consiste nell’offrire numerose e semplici opportunità di sottoscrizione, in modo da facilitare l’iscrizione. Sebbene il tipo di modulo di iscrizione da utilizzare dipenda dall’incentivo offerto, ecco alcune idee:

Header Bar

La barra di intestazione si trova nella parte superiore del sito web e contiene un invito all’azione che incoraggia le persone a iscriversi e un modulo per inserire il proprio indirizzo e-mail.

sumome header bar

Puoi aggiungere la barra superiore sul sito web utilizzando strumenti come Hello Bar e SumoMe, e tutti gli indirizzi e-mail acquisiti saranno automaticamente aggiunti all’elenco della lista scelta.

Slider

Uno slider è un piccolo riquadro che “scivola” nell’angolo inferiore del vostro sito web e contiene un invito all’azione che incoraggia le persone a iscriversi insieme a un campo in cui i visitatori possono inserire il loro indirizzo e-mail.

sumo me slider  scrol bar

Uno strumento eccellente per impostare questo aspetto sul proprio sito web è Scroll Box (parte della suite di strumenti SumoMe). Questo semplice strumento vi permette di personalizzare e inserire facilmente uno Slider nel vostro sito web e si integra direttamente con Campaign Monitor per alimentare gli indirizzi e-mail acquisiti nella vostra lista.

Seguendo la formula per la creazione di liste di e-mail di cui sopra e abbinando un incentivo di valore a opportunità di iscrizione di rilievo, sarà facile costruire un nuovo pubblico a cui inviare le proprie campagne di e-mail marketing.

Top Sidebar

Se il vostro sito utilizza una barra laterale, tipicamente usata nei blog e nei segmenti di articoli, questa è la posizione ideale per inserire un opt-in per la vostra lista di abbonati. L’ideale è che l’opt-in si trovi sopra la piega, nello spazio più alto della barra laterale, per ottenere la massima visibilità e garantire che venga visto per primo.

Questo è più efficace con una barra laterale allineata a destra, in quanto sfrutta gli utenti che scansionano i contenuti con uno schema a “F”, mettendo la CTA dell’opt-in in primo piano non appena arrivano sul vostro sito o blog/articolo.

Fine del post

Quando un visitatore legge il vostro contenuto fino alla fine, è lecito pensare che abbia apprezzato la lettura. Quindi, perché non chiedere loro di iscriversi per non perdere i prossimi contenuti?

Gli opt-in di fine post sono un’ottima soluzione per attirare gli abbonati in uno spazio in cui i marchi non includono quasi mai una call-to-action, se non quella di dire ai lettori di commentare e condividere. Includete invece un invito visivo all’azione con l’opt-in della vostra newsletter.

Vedrete sicuramente un miglioramento nelle conversioni se avete un aggiornamento del contenuto offerto in un contesto (in tema) con il post in questione.

Seguendo la formula per la creazione di liste di email di cui sopra e abbinando un incentivo di valore a opportunità di iscrizione di rilievo, sarà facile costruire un nuovo pubblico per le vostre campagne di email marketing.

Lightboxes

Sebbene i pop-up possano essere visti da alcuni come invadenti e fastidiosi, innumerevoli studi e test hanno dimostrato che possono essere efficaci. Per creare un pop-up opt-in efficace e che non allontani il pubblico, è necessario che ci siano alcuni accorgimenti:

  • La giusta offerta di valore.
  • Una forte call to action (invito all’azione).
  • Timing (tempistica)

È necessario prestare attenzione alla tempistica. Un pop-up opt-in che viene visualizzato quando il lettore termina un articolo, o a circa 3/4 dello scorrimento della pagina, ha molte più probabilità di convertire rispetto a uno che si attiva su ogni pagina del sito non appena il visitatore arriva.

Alcuni siti mostrano solo lightbox opt-in che si attivano quando l’utente mostra l’intenzione di uscire (spostando il cursore del mouse fuori dall’area del browser). L’autore di bestseller del New York Times, Neil Patel, ha testato opt-in con exit-intent ed è riuscito ad aumentare le conversioni del 46%.

Sperimentate il messaggio e la tempistica degli opt-in lightbox per trovare quello che porta la più alta conversione di nuovi iscritti.

Fase 3: selezionare il tipo di campagne e-mail che si desidera inviare

Esistono diversi tipi di campagne e-mail che i marketer come voi possono inviare agli abbonati, e il tipo di campagna che scegliete dipende dagli obiettivi che avete stabilito nella Fase 1.

Vediamo i diversi tipi di campagne e come possono aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi di email marketing.

Newsletter

Una newsletter è una campagna di posta elettronica distribuita regolarmente che generalmente riguarda un argomento principale di interesse.

AirBnB, invia regolarmente un’ottima newsletter alla sua rete di fotografi freelance.

newsletter

Come potete vedere, la campagna viene inviata mensilmente e contiene contenuti su un tema particolare: consigli e storie di fotografia.

Se il vostro obiettivo è quello di rimanere in contatto con una lista di persone che già conoscete (ad esempio, i clienti esistenti), allora una newsletter è il tipo perfetto di campagna da inviare. In questo modo la vostra azienda e i vostri prodotti saranno sempre al centro dell’attenzione e le persone torneranno al vostro sito web.

Per un approfondimento sugli elementi chiave da includere nelle vostre newsletter, consultate il nostro blog post sull’anatomia di una newsletter perfetta.

Offerta di marketing

Un’e-mail di offerta di marketing è essenzialmente una campagna inviata con l’obiettivo di ottenere una risposta diretta.

Questa può assumere diverse forme, tra cui:

  • Una campagna che mette in mostra alcune delle ultime novità e incoraggia all’acquisto.
  • Una campagna che offre uno sconto o una promozione speciale sui vostri prodotti o servizi

Un ottimo esempio di campagna di offerte di marketing è questa e-mail del cliente Pizza Hut.

pizza hut

La campagna presenta uno dei loro prodotti a un prezzo speciale e promozionale e include un invito diretto all’azione per l’acquisto – il pulsante verde “Ordina ora”.

L’e-mail di offerta di marketing è efficace se il vostro obiettivo con l’e-mail è quello di guidare direttamente le vendite. Presenta un prodotto o un’offerta di sconto e include una chiamata diretta all’azione per far sì che le persone facciano clic sul tuo sito web ed effettuino l’acquisto.

Annuncio

Una campagna di annunci è un’e-mail inviata ai tuoi abbonati per annunciare un nuovo prodotto, caratteristica o servizio.

Un esempio lampante di campagna di annuncio è questa e-mail inviata da Showtime,per annunciare il lancio del nuovo show Penny Dreadful.

penny dreadful

L’e-mail di annuncio è perfetta se si vuole mantenere un pubblico coinvolto (ad esempio, i clienti esistenti) aggiornato sui vostri ultimi prodotti o caratteristiche. Sebbene la condivisione delle informazioni sia l’obiettivo principale, l’e-mail può avere il vantaggio di spingere le persone a tornare al vostro negozio o sito web per effettuare un acquisto.

Invito all’evento

Un’e-mail di invito a un evento è una campagna progettata per aumentare la consapevolezza del vostro evento e incoraggiare le persone a parteciparvi.

Ecco un ottimo esempio della Lincoln Motors.

lincoln mootor company

Come si può vedere, la campagna invita gli abbonati al lancio della MKX 2016 e contiene dettagli sulla data, l’ora e il luogo dell’evento, oltre a informazioni su come RSVP.

Come già detto, il tipo di campagna e-mail dipende interamente dai vostri obiettivi. Se state cercando di stimolare le vendite dirette, l’invio di offerte di marketing e di campagne di annunci darà i migliori risultati, mentre se state semplicemente cercando di mantenere i vostri clienti esistenti aggiornati sugli ultimi progetti, prodotti o sviluppi della vostra azienda, l’invio di una newsletter regolare sarà il modo migliore per raggiungere questo obiettivo.

Fase 4: Creare la prima campagna di email marketing

Ora che avete deciso i vostri obiettivi, costruito un po’ di pubblico e selezionato il tipo di campagna da inviare, è il momento di iniziare a creare le vostre e-mail.

Strumenti di posta elettronica come Campaign Monitor rendono incredibilmente facile la creazione di bellissime campagne di email marketing, ma ci sono alcune nozioni fondamentali da conoscere per essere sicuri di ottenere i migliori risultati da ogni campagna.

Consultate la nostra guida sui modelli di email drag-and-drop e su come modificare le immagini nelle email. (da verificare).

Strutturare la campagna per facilitarne la lettura

Le ricerche dimostrano che la capacità di attenzione di un adulto è in media di otto secondi. Con un tempo di attenzione così breve, si può presumere che le persone non leggano attentamente le vostre campagne parola per parola, ma le scorrano alla ricerca di qualcosa di interessante.

Scrivere campagne e-mail lunghe e pesanti non è l’approccio migliore. È necessario strutturare le e-mail in modo da attirare le persone a leggere i contenuti e guidarle verso l’invito all’azione.

Un modo efficace per farlo è utilizzare il modello della piramide rovesciata:

come fare email marketing

Come si può vedere dall’esempio qui sopra, le e-mail che seguono questo modello contengono un titolo sintetico che evidenzia il messaggio chiave della campagna, oltre a informazioni di supporto e immagini che aiutano a convincere i lettori dei vantaggi di un clic. Al lettore viene poi presentato un pulsante di invito all’azione che chiarisce in modo inequivocabile cosa fare dopo.

Utilizzando il modello della piramide rovesciata per strutturare le vostre e-mail in modo da facilitarne la lettura, vi assicurerete che le vostre campagne catturino l’attenzione dei lettori e ottengano un alto tasso di clic.

Usare immagini e immagini per aumentare il coinvolgimento

Nell’esempio del modello piramidale di cui sopra, la maggior parte dell’e-mail è visiva, con un testo minimo. L’ideale sarebbe evitare muri o blocchi di testo. Questo perché i contenuti visivi, sia video che immagini, sono più accattivanti.

Sono anche più memorabili e aiutano i contenuti a distinguersi.

Infatti, alcuni studi hanno dimostrato che le persone possono ricordare il 65% dei contenuti visivi fino a tre giorni dopo, rispetto al 10% dei contenuti testuali.

Inoltre, le persone seguono le istruzioni visive il 32% in più rispetto a quelle scritte, quindi è una buona idea utilizzare le immagini quando si indirizzano i lettori a compiere un’azione desiderata.

Personalizzare le campagne e-mail

È più probabile che i vostri lettori rispondano ai contenuti più pertinenti ai loro interessi. Iniziate aggiungendo il loro nome nella riga dell’oggetto, quindi personalizzate il contenuto della campagna in base ai segmenti della lista per massimizzare il coinvolgimento (per saperne di più).

Assicuratevi che la vostra campagna sia rilevante per ogni abbonato

Anche nelle prime fasi di crescita della vostra lista di e-mail, è una buona idea classificare gli iscritti in diversi segmenti di lista. I segmenti di lista facilitano la scelta del tipo di contenuto da inviare agli iscritti. Quando è possibile personalizzare i contenuti e renderli più rilevanti per un determinato gruppo, si migliorano i tassi di risposta.

Questo tipo di ottimizzazione mirata è molto meglio dell’invio di e-mail generiche a tutti.

Perché la segmentazione delle liste di e-mail è importante? Sappiamo che, oltre alla pertinenza, la segmentazione delle liste è importante dal punto di vista dei ricavi. I dati del DMA indicano che le email segmentate e mirate generano il 58% di tutti i ricavi da email. Inoltre, la nostra ricerca ha rilevato che i marketer che hanno utilizzato campagne segmentate hanno registrato un aumento del 76% dei ricavi e oltre il 76% dei marketer afferma che la segmentazione di base fa parte della loro strategia di email marketing.

Ecco alcuni comuni segmenti di liste di e-mail che potete creare per aumentare i click nelle vostre campagne e pianificare contenuti più mirati in base a tali segmenti:

  • Posizione geografica – utile per promuovere informazioni specifiche sul negozio e per rivolgersi a mercati specifici, ignorando gli abbonati fuori sede per i quali il messaggio non sarebbe pertinente.
  • Demografici – utili per personalizzare la messaggistica delle campagne a qualsiasi combinazione di fasce d’età e di sesso.
  • Mercato – utile per segmentare gli utenti in base agli interessi del mercato/settore per evitare di inviare a tutti la stessa e-mail. Invece, è possibile adattare il messaggio a contenuti specifici per il settore/prodotto/mercato.
  • Attività passata – utile per segmentare gli abbonati in base al comportamento passato di apertura e di clic. Studiate il comportamento per determinare quale tipo di contenuto funziona meglio per segmenti specifici, in modo da personalizzare le campagne future.
  • Attività di flusso – utile per creare campagne specifiche per gli iscritti che rientrano in determinate fasi dell’imbuto, come ad esempio l’invio di una campagna solo agli iscritti che hanno superato il 50% di una serie di autoresponder.
  • Dati dei clienti – utili per i marchi di e-commerce che desiderano inviare campagne mirate ai clienti VIP o campagne rivolte esclusivamente ai clienti che rischiano di essere persi e che non hanno effettuato acquisti in un determinato periodo di tempo.

Esistono due modi principali per affrontare la segmentazione:

  1. Ordinare gli abbonati esistenti nel back-end utilizzando i dati forniti al momento dell’iscrizione.
  2. Consentite agli abbonati di autosegmentarsi utilizzando liste di iscrizione separate.

Con il secondo metodo, il pubblico vede gli stessi opt-in in tutto il sito, ma la lista a cui viene aggiunto cambia in base al contenuto con cui viene coinvolto. Così, se un utente visita un sito di ricette e si iscrive da una pagina con ricette vegane, sarà iscritto a una lista segmentata per i vegani.

L’azienda globale di abbigliamento da surf, Rip Curl, comprende il valore della rilevanza e lo esegue bene nelle sue newsletter via e-mail:

rip curl

Sebbene Rip Curl venda anche mute e bikini da donna, sa chi sono i suoi abbonati maschi e invia prodotti e contenuti pertinenti solo agli abbonati maschi.

Utilizzando le funzioni come i segmenti e i contenuti dinamici, potete assicurarvi che le tue e-mail siano pertinenti per tutti i vostri abbonati e aumentare le probabilità che facciano clic sulla tua campagna per effettuare un acquisto.

Assicurarsi che le campagne siano in linea con il marchio e creino fiducia

È probabile che le vostre campagne e-mail non siano l’unica interazione che gli abbonati hanno con la vostra azienda. Infatti, i vostri abbonati probabilmente hanno visitato il vostro sito web o la pagina dei social media per iscriversi alle vostre e-mail.

Per questo motivo, è importante che le campagne e-mail siano allineate con i colori, i caratteri e il marchio che utilizzate in tutti gli altri punti di contatto con i clienti, in modo che questi ultimi abbiano un’esperienza coerente con il vostro marchio.

Freshbooks, lo fa in modo efficace nelle sue campagne di email marketing. I font, i colori, i pulsanti e persino lo stile iconografico utilizzato sul sito web sono perfettamente replicati nelle campagne e-mail.

freshbooks

Assicurandovi che le vostre campagne siano in linea con il branding che i vostri abbonati vedono altrove, creerete la fiducia che l’e-mail sia legittima e aumenterete la possibilità che facciano clic.

Semplificare la conversione

Per spingere i vostri abbonati a cliccare sulle vostre campagne e-mail, dovete renderle il più semplice possibile.

Secondo la nostra ricerca, il 41% delle aperture delle e-mail avviene su dispositivi mobili, quindi se le vostre campagne non sono ottimizzate per tutti i dispositivi, è molto probabile che stiate rendendo inutilmente difficile la conversione dei vostri abbonati.

Guardate la newsletter di Campaign Monitor come esempio:

campaign monitor

Poiché il modello è responsivo, le tre sezioni centrali del contenuto si sovrappongono l’una all’altra quando vengono visualizzate su un dispositivo mobile. Questo garantisce che il testo e i pulsanti rimangano di dimensioni utilizzabili (invece di essere rimpiccioliti) e rende facile la conversione degli abbonati.

Adottare un approccio strategico alla tempistica delle campagne

Quando si creano le campagne, si consiglia di adottare un approccio strategico, in modo che le e-mail seguano un calendario promozionale o editoriale. Pianificare le campagne vi aiuta a evitare di aspettare troppo tra un invio e l’altro o, peggio ancora, di inondare gli iscritti con troppi contenuti.

La frequenza è importante e l’invio di e-mail può avere un impatto significativo sulle entrate e sui tassi di coinvolgimento (e di cancellazione). Se si inviano troppe e-mail, gli abbonati possono sentirsi affaticati e quindi disimpegnarsi e disiscriversi. Se ne inviate troppo poche, perdete l’attenzione del vostro pubblico. Potrebbero perfino dimenticare il motivo per cui si sono iscritti, e quindi disiscriversi.

Quindi, con quale frequenza si dovrebbero inviare le e-mail?

Fortunatamente, esistono alcuni dati sulla frequenza con cui le persone amano ricevere le e-mail. Il grafico seguente, tratto da MarketingSherpa, vi dà un’idea della frequenza di invio ottimale:

marketing sherpa

I dati sono stati raccolti da un sondaggio condotto su 2.057 adulti che hanno risposto alla domanda: “Con quale frequenza, se mai, ti piacerebbe ricevere e-mail promozionali (ad esempio, coupon, notifiche di vendita) dalle aziende con cui fai affari?”.

I dati mostrano un interesse diffuso verso le campagne e-mail a più alta frequenza. C’è però una cosa da tenere a mente: questi non sono i vostri abbonati.

Se non siete sicuri della frequenza delle e-mail, la soluzione più semplice è chiedere ai vostri abbonati. Lasciate che siano loro a scegliere le impostazioni di frequenza o fate un sondaggio per scoprire la frequenza con cui vogliono sentirvi.

Inviare più di un contenuto promozionale

Nel 2015, MarketingSherpa ha condotto uno studio chiedendo ai consumatori “in quale dei seguenti modi, se ne esistono, preferisci che le aziende comunichino con te?”.

Oltre il 70% degli intervistati ha scelto l’e-mail, dominando una lista di altre scelte che comprendeva SMS, social media, posta diretta e annunci online/stampa. Da allora non è cambiato molto e i consumatori continuano a preferire l’e-mail.

Ma il fatto che la preferiscano non significa che vogliano che ogni e-mail sia una palese promozione.

Questo è un modo sicuro per farsi odiare dalla propria lista.

Quando pianificate le vostre campagne e-mail e scegliete i contenuti da includere, puntate a un mix 80/20 utilizzando il Principio di Pareto. In parole povere: l’80% dei contenuti deve essere dedicato a informazioni preziose e utili, mentre il 20% deve essere dedicato alle promozioni, alle vendite e ai prodotti/servizi che state vendendo.

Date un’occhiata a queste previsioni e tendenze condivise da Convince and Convert, compilate sia da Litmus che dalla nostra esperienza:

previsioni e tendenze

È importante notare come una serie di tendenze in crescita si concentri sui contenuti di valore, non su quelli promozionali. Elementi come la personalizzazione e il valore della vita dell’abbonato, i contenuti in pillole facili da digerire, le narrazioni e gli storytelling più forti, le esperienze più ricche… sono tutti elementi chiave per creare email altamente coinvolgenti che aumenteranno i tassi di apertura e di coinvolgimento.

Trovate l’ispirazione per inviare campagne e-mail di maggior valore

Se siete a corto di argomenti e di cosa includere nelle vostre e-mail al di là delle promozioni generiche, non temete. Ogni azienda, in ogni settore, ha molte informazioni da condividere. È necessario stabilire se tali informazioni siano o meno rilevanti o interessanti agli occhi dei vostri abbonati.

Non preoccupatevi, abbiamo già fatto un po’ di lavoro per trovare molte idee di contenuti per le vostre campagne e-mail. Di seguito sono riportate alcune idee di email marketing tratte dalla nostra guida completa con 50 idee di contenuti:

  • Informazioni sull’azienda, come opportunità di carriera, stampa che parla della vostra azienda e contenuti dietro le quinte
  • Aggiornamenti e informazioni sui prodotti, come ad esempio contenuti di tipo “how-to”, video sui prodotti, prossime uscite e sconti.
  • Contenuti di valore come infografiche, studi di settore, risultati di sondaggi e blog recenti
  • Contenuti incentrati sulle persone per umanizzare il vostro marchio, come le biografie dei nuovi assunti, le interviste ai dirigenti, i feedback e le testimonianze dei clienti e i blog dei membri del team.
  • Informazioni di supporto, come aggiornamenti sulle FAQ, casi di studio, storie di successo e risorse gratuite.
  • Informazioni sugli eventi per la comunità e gli eventi aziendali, i webinar e le fiere commerciali

Cercate ogni occasione per condividere contenuti di valore piuttosto che contenuti promozionali per mantenere alto l’interesse e il coinvolgimento.

Applicando questi fondamenti delle campagne ad alta conversione alla vostra prima e-mail, sarete in grado di creare e inviare una campagna che catturi l’attenzione degli abbonati, presenti loro informazioni rilevanti e renda facile la conversione.

Fase 5: Misurare i risultati della campagna

Una volta che la vostra prima e-mail è uscita dalla porta e ha iniziato a essere aperta e cliccata dai vostri abbonati, potrete iniziare a monitorare il successo della vostra campagna.

Ci sono due modi per monitorare il successo delle vostre campagne di email marketing: Il vostro strumento di email marketing (come Campaign Monitor) e lo strumento di analisi del vostro sito web (come Google Analytics).

La sezione dei rapporti del vostro strumento di email marketing è il posto giusto per capire come le persone hanno interagito con le vostre campagne email.

Per ogni strumento di email marketing ci sono diversi rapporti che possono aiutarvi a farlo. Il report presenta le metriche chiave della vostra campagna di email marketing, tra cui:

  • Aperture uniche – Il numero di abbonati unici che hanno aperto la campagna.
  • Bounces – Il numero di indirizzi e-mail a cui non è stato possibile recapitare la campagna.
  • Email non aperte – Il numero di iscritti unici che non hanno aperto la campagna.
  • Tasso di apertura: la percentuale di tutti gli abbonati che hanno aperto la campagna.
  • Click-Through Rate – The percentage of people who opened your campaign and then clicked on a link.
  • Tasso di disiscrizione (Unscribe) – La percentuale di persone che si sono disiscritte dalla vostra lista e-mail attraverso questa campagna.
  • Reclami spam – Il numero (e la percentuale) di persone che hanno contrassegnato la vostra campagna come spam facendo clic sui pulsanti “Segna come spam” nel client di posta elettronica scelto (ad esempio, Gmail, Yahoo Mail, Outlook, ecc.).
  • Condivisioni – Il numero di persone che hanno inoltrato la campagna a un amico (utilizzando l’icona di inoltro nel modello di e-mail) o che l’hanno condivisa tramite social network come Twitter e Facebook.

Queste metriche forniscono una panoramica di alto livello su come gli iscritti interagiscono con le campagne e consentono di confrontare il successo di una campagna con un’altra. Se volete andare più a fondo e vedere esattamente le persone che hanno aperto e cliccato sulla vostra campagna, quali link hanno cliccato, ecc. potete farlo scegliendo alcuni degli altri report dal menu laterale di destra.

Una volta analizzato il modo in cui le persone hanno interagito con la vostra campagna e-mail, potete fare un ulteriore passo avanti e guardare cosa è successo dopo che hanno cliccato sul vostro sito web.

Per fare questo, è necessario che sul vostro sito sia installato uno strumento di analisi web (come Google Analytics). Se lo avete e avete abilitato la nostra integrazione con Google Analytics, sarete in grado di vedere i dettagli di tutte le visite al vostro sito web provenienti dalle vostre campagne e-mail, compreso il tempo trascorso sul vostro sito, le pagine visitate, le campagne di provenienza e altro ancora.

In questo modo, integrando Google Analytics la nostra con lo strumento di email marketing scelto, hai la possibilita’ di visionare alcune statistiche chiave sui visitatori delle vostre campagne e-mail in un’unica posizione.

Con tutti i dati a disposizione, potete iniziare ad apportare e testare le modifiche alle vostre campagne e-mail per migliorare i tassi di apertura e di clic.

Split test delle linee di oggetto per migliorare i tassi di apertura

Se prestate attenzione ai tassi di apertura delle vostre campagne e-mail, inizierete a capire cosa funziona e cosa no nel catturare l’attenzione e i clic dei vari segmenti di e-mail.

Ma l’unico modo per migliorare sistematicamente i tassi di apertura è lo split test degli oggetti.

I responsabili dell’email marketing che vogliono migliorare i tassi di apertura effettuano un A/B test (split test) degli oggetti. Per fare ciò, assicuratevi che ogni parte dell’e-mail sia uguale, tranne l’oggetto. È possibile testare diverse lunghezze dell’oggetto, diverse parole chiave nelle righe dell’oggetto e righe dell’oggetto generiche o specifiche.

Ad esempio, potete verificare come i vostri segmenti rispondono alla personalizzazione testando un oggetto identico che include il nome dell’abbonato rispetto a uno che non include il suo nome. Gli oggetti personalizzati hanno registrato un aumento del 26% dei tassi di apertura.

Ci sono altri modi per migliorare i tassi di apertura oltre alla personalizzazione, a cominciare dall’utilizzo di modelli di oggetto già collaudati come:

  1. Anche tu puoi (FARE X) con (Y) non conoscendo (Z) : Anche tu puoi guadagnare con il trading non conoscendo la borsa.
  2. {Scopri i segreti (PERSONA X) : Scopri i segreti di un marketer online milionario.
  3. Ecco le (X COSE) che devi conoscere per aumentare (Y) : Ecco le 3 informazioni che devi conoscere per aumentare il tuo ROI.
  4. (X MODI) per migliorare il tuo (Y) : 10 Modi per migliorare il tuo blog.
  5. (X COSE) che devi sapere su (Y) : 7 Cose che devi sapere sulle strategie SEO.
  6. Come ottenere (X) in (Y TEMPO) : Come ottenere 100 lead in un mese.
  7. Ho pensato che …
  8. Oggi ti voglio far co …
  9. Quello che ogni marketer dovrebbe sapere su …
  10. Ho sbagliato (X)? : Ho sbagliato a dirlo?
  11. Fai anche tu (X ERRORI)? : Fai anche tu questi errori in inglese? 
  12. Conosci queste (X COSE) su (Y)? : Conosci queste 3 info sul trading?
  13. Hai anche tu (X PROBLEMI) quando (COMPI AZIONE Y)? : Hai anche tu questi problemi quando sincronizzi i tuoi contatti? 
  14. Come capire (X) ( NELL’ANNO Y) : Come capire qual è il miglior CRM del 2023.
  15. Come scegliere (COSA X) (NELL’EPOCA Y) : Come scegliere, nell’era dei social, la piattaforma più adatta per la tua azienda.
  16. Come (FARE X) come (PERSONA FAMOSA Y) : Come avviare un nuovo business come Richard Branson
  17. Come (AZIENDA FAMOSA X) gestisce (Y) : Come Amazon gestisce la logistica e le spedizioni.
  18. Impara da (AZIENDA FAMOSA X) come gestire (Y) : Impara da Hubspot come gestire le tue liste di contatti.
  19. Come ho fatto fortuna usando (STRUMENTO X) … E come puoi riuscirci anche Tu! : Come ho fatto fortuna usando Instagram… E come puoi riuscirci anche Tu!
  20. Come ho (FATTO X) grazie a (Y) : Come ho triplicato i miei contatti grazie a Facebook.
  21. Come ho portato (X) alle stelle : Come ho portato il mio business alle stelle.
  22. Anche tu hai il (PROBLEMA X)? : Anche tu hai il problema della ADSL lenta?
  23. Il (PROBLEMA X), ti suona familiare? : Il problema di bounce rate, ti suona familiare?
  24. Come sbarazzarti di (X) in (Y TEMPO) : Come sbarazzarti dell’input lag in pochissimo tempo.
  25. Come ottenere (X) in (Y TEMPO) : Come ottenere 30 all’università in 3 settimane.
  26. Smetti di perdere tempo e inizia a (FARE X) : Smetti di perdere tempo e inizia a creare il tuo business online.
  27. Ora puoi scoprire (COME FARE X) in (Y TEMPO) : Ora puoi scoprire come guadagnare autostima in 4 settimane.
  28. Ecco cosa sanno (X PERSONE) riguardo (Y) : Ecco cosa sanno i marketer sullo scrivere una Headline killer!
  29. Chi altro vuole (FARE X) con (BUDGET Y)? : Chi altro vuole viaggiare a Parigi con un budget ristretto?
  30. Dove ho sbagliato?
  31. Se (VUOI FARE X) non fare questi (Y ERRORI) : Se punti al successo non fare questi 9 errori.

Quando si effettua lo split test e si ottimizzano gli oggetti, si possono fare diverse cose per cercare di migliorare le prestazioni, a cominciare dall’uso di parole forti che catturano l’attenzione.

Durante i test, è opportuno rimuovere ed evitare le parole che possono attivare i filtri antispam e ridurre significativamente i tassi di apertura.

Considerate poi la possibilità di inserire dei numeri nell’oggetto della vostra e-mail, ma solo se funziona in modo naturale. YesWare ha analizzato 115 milioni di campagne e-mail e ha scoperto che l’inserimento di numeri nell’oggetto può produrre tassi di apertura e di risposta più elevati.

numeri oggetti email

Mentre testate le righe dell’oggetto, provate a testare righe dell’oggetto di lunghezza diversa. Poiché oltre il 50% di tutte le e-mail viene aperto su dispositivi mobili, è utile creare oggetti più brevi che non finiscano sul bordo degli schermi più piccoli. Le migliori pratiche di email marketing per dispositivi mobili consigliano di creare oggetti lunghi circa 17-24 caratteri, ovvero da 3 a 5 parole.

Migliorare i tassi di penetrazione dei clic nelle campagne di e-mail marketing

L’ideale è che gli iscritti passino dalla vostra e-mail a una landing page, all’acquisto di un prodotto, ecc. – In sostanza, devono cliccare su qualcosa nell’e-mail per compiere il passo successivo desiderato. Tenere d’occhio le metriche della campagna vi aiuterà a modificare continuamente le vostre e-mail per migliorare i tassi di clic.

Ci sono molte cose che si possono fare per aumentare questi tassi, oltre alla creazione di un invito all’azione più forte:

  • Migliorare il layout: modificate il modello per rendere il contenuto più leggibile, in modo che fluisca naturalmente verso un invito all’azione. Quando abbiamo ridisegnato l’e-mail di un blog abbiamo registrato un aumento del 127% dei clic.
  • Provate nuove immagini: ricordate cosa abbiamo detto a proposito dei contenuti visivi? Le campagne con immagini più coinvolgenti hanno registrato un tasso di click-through superiore del 42% rispetto a quelle senza.
  • CTA visive – Le persone sono portate a cliccare sui pulsanti. Si tratta di un concetto chiamato “affordance” o di una possibile azione tra un oggetto e un individuo, quindi testate diverse CTA visive e stili di pulsanti per aumentare le conversioni e le percentuali di clic.
  • Testare il posizionamento della CTA – Il luogo in cui si colloca l’invito all’azione è importante, per cui è opportuno effettuare split test delle campagne con la CTA in posizioni diverse. Digital Doughnut ha testato il posizionamento e ha scoperto che una CTA sul lato destro dell’e-mail ha aumentato i tassi di clic per le sue campagne.
  • Segmentate le vostre e-mail – Se non vedete le conversioni che vi aspettavate, controllate la vostra lista di e-mail per individuare le opportunità di segmentare ulteriormente e migliorare il vostro target.
  • Testare la tempistica – Il momento in cui vengono inviate le e-mail è importante quanto la frequenza con cui vengono inviate. Secondo i nostri recenti benchmark e statistiche sulle e-mail, abbiamo riscontrato che i tassi di apertura degli abbonati sono cambiati. Quindi, assicuratevi di testare quando inviate le e-mail e osservate i report delle campagne per individuare i tempi di invio ideali.

Suggerimenti per i bonus post-campagna

Le metriche possono dirvi molto sul rendimento delle campagne e su come migliorarle, ma ci sono tre cose che dovreste sempre fare dopo ogni campagna, indipendentemente dal suo rendimento.

1. Reinvio della campagna

Per quanto efficace sia l’oggetto, ci saranno sempre iscritti che non lo apriranno per una serie di motivi. Inviate di nuovo la vostra e-mail rivolgendovi specificamente a un segmento della lista di coloro che non l’hanno aperta la prima volta.

Non solo si tratta di una seconda possibilità nel caso in cui non abbiano aperto la prima e-mail, ma è anche un’altra opportunità per effettuare ulteriori split test degli oggetti e dei tempi di invio.

2. Pulire l’elenco

Se le prove di split testing, la segmentazione e il reinvio dei messaggi danno ancora risultati bassi in termini di engagement per alcuni dei vostri iscritti, non abbiate paura di ripulire la vostra lista. Esaminate regolarmente i dati degli iscritti per monitorare l’attività e i punteggi di coinvolgimento. Eliminate o segmentate ulteriormente coloro che non si impegnano per migliorare i tassi di apertura complessivi dei vostri segmenti principali di abbonati.

3. Creare consapevolezza per il vostro marchio

Una volta terminata la campagna e le fasi finali, fate conoscere il vostro marchio attraverso tutti i canali di marketing disponibili. Questo include i metodi più comuni (come il social media marketing e gli eventi) e le campagne di brand awareness più insolite (come omaggi e concorsi).

Man mano che si costruisce la consapevolezza del marchio, si possono guadagnare più follower e abbonati. Questo giocherà a favore delle vostre prossime campagne, fornendovi un pubblico più ampio e più coinvolto.

Avendo un gruppo di iscritti più ampio e diversificato, è più probabile che attiriate più contatti e otteniate più conversioni. In definitiva, ciò significa maggiore interesse e ricavi per la vostra azienda.

Email marketing esempi: conclusione

L’email marketing è un potente strumento per le aziende per raggiungere i propri clienti e potenziali clienti. Si tratta di inviare e-mail con l’obiettivo di acquisire nuovi clienti, fidelizzare i clienti e aumentare le vendite. L’email marketing può essere utilizzato per inviare messaggi personalizzati, promuovere offerte, informare i clienti su nuovi prodotti e servizi e altro ancora.

Con le strategie e gli strumenti giusti, l’email marketing può essere un modo efficace per costruire relazioni con il tuo pubblico di destinazione. In questo articolo, discuteremo cos’è l’email marketing, la sua definizione, le strategie e gli strumenti che puoi utilizzare per iniziare con l’email marketing.

Andrea Barbieri
Andrea Barbieri

Sono Andrea Barbieri titolare della BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web. La mia azienda si occupa di Consulenza SEO, realizzazione siti web, sviluppo app, traduzioni professionali, localizzazione siti web e Web Marketing. Insieme al mio team metto al servizio delle aziende la mia formazione tecnica e linguistica nel settore della Information Technology, sviluppo siti web e App e Web Marketing. Trovando le migliori soluzioni digitali e linguistiche con il minor costo possibile.

Leggi tutti gli articoli di Andrea Barbieri

Articoli: 173

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *