Crea sito
IpCeI-Pagina-Facebook
0577980092 3296664935

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Ciao sono Andrea Barbieri, il mio studio migliora la comunicazione delle aziende. Con la progettazione di siti web, localizzazione sito web, Web Marketing, Social Media Manager, Copywriting e traduzioni professionali.

andrea barbieri
btf freccia

Relazioni interpersonali per vendere di più

relazioni interpersonali

 

 

 

Crea relazioni interpersonali con i tuoi clienti

Relazioni interpersonali e web marketing vanno di pari passo. Se hai intenzione di vendere online dovrai reazionarti con i tuoi potenziali clienti. Nel precedente articolo ti o parlato delle basi della Lead Generation. Ti consiglio di leggere prima di il precedente articolo per comprendere meglio questo.In questo articolo approfondirò l’argomento parlandoti delle relazioni interpersonali tra azienda e cliente. In questo nuovo processo della Lead Generation fa comparsa un nuovo elemento fondamentale per questa strategia, la Lead Nurturing. La Lead Nurturing è una componente fondamentale di ogni strategia di marketing di successo. La Lead Nurturing descrive il processo di costruzione di qualsiasi tipo di relazioni interpersonali con i potenziali clienti. In seguito, questo processo sarà deviato in più canali di comunicazione.Oggi giorno, rispetto a dici anni fai, il mercato è sempre più competitivo, soprattutto in fatto di promozioni ed occasioni. Il consumatore si attende da un’azienda che crei una comunicazione personalizzata secondo le esigenze del consumatore attraverso una serie di relazioni interpersonali. Inoltre, questa comunicazione deve anche essere multicanale. I clienti non sono più polli da spennare. Essi si aspettano che l’azienda comunichi con loro come amici di vecchia data per la soddisfazione di un loro bisogno. Infatti, le aziende hanno l’intenzione di sviluppare delle relazioni interpersonali con loro con l’obbiettivo primario di comunicarli fiducia.[signinlocker id=”2332″]

Ma come deve comportarsi un’azienda in questa fase ?

La missione dell’azienda in questo passaggio sarà di accompagnare i clienti, evitando l’invadenza, fino alla conclusione dell’intero processo.Questo è sicuramente un passaggio molto delicato e ci sono dei traguardi da raggiungere.Vediamoli singolarmente:

  • Informare il cliente è un attività fondamentale se vuoi proseguire in questo processo. Un cliente informato acquista fiducia verso l’azienda. Inoltre, qualsiasi dubbio sulla professionalità, esperienza e qualità dei prodotti e servizi sono colmati
  • Arrivati a questo punto si deve ampliare la conoscenza del Brand. Come farlo ? Inviando messaggi costanti e che non siano in relazione con un’offerte oppure per concludere una vendita.
  • Si devono ottenere dei clienti qualificati. I clienti qualificati sono interessati alle attività dell’azienda. Inoltre, hanno una forte convinzione di aver trovato l’azienda giusta per poter risolvere il loro problema.
  • Si deve acquistare fiducia nel tempo e convertire i nuovi contatti in promotori dell’azienda. Va sottolineato che non tutti gli utenti sono pronti ad acquistare ma non è un fatto negativo. Infatti, un contatto di questo tipo considera valida l’attività aziendale e condividerà con i suoi amici la sua esperienza.

Lead Nurturing, nutri il tuo cliente

Il Lead Nurturing è una tecnica da usare nel medio lungo periodo perché ci sono vari passaggi da eseguire:

  • Nutrire il contatto
  • Educarlo
  • Conquistare il suo interesse fino ad essere pronto per acquistare

Per portare a buon fine queste operazioni ci sono molti canali che puoi usare. Questi canali saranno poi integrati il più possibile tra di loro. Soltanto in questo modo è possibile costruire una delle relazioni interpersonali in modo costante e che duri nel tempo.Tante aziende hanno compreso che applicare la Lead Generation e la Lead Nurturing è fondamentale per ogni strategia di marketing. Ma non sempre sono capaci di capire la maniera migliore per comunicare con i propri clienti per sviluppare delle relazioni interpersonali. Le strategie per generare Lead e sviluppare un rapporto di fiducia con essi sono molteplici. Queste tecniche si sviluppano sia online sia offline.Saper usare gli strumenti e gestire le relazioni delineano il successo o il fallimento di una strategia Lead Generation.Nel prossimo paragrafo vedremo i principali passaggi da seguire.relazioni interpersonali

Definire il proprio target

Prima di applicare i principi della strategia, acquisire e gestire i contatti si definisce la nicchia di mercato alla quale l’azione si rivolge.Eseguire questo passaggio a due vantaggi:

  • Usare un budget di ridotte dimensioni per creare messaggi strategici per un certo tipo di pubblico ed iniziare a creare da subito delle relazioni interpersonali. con essi
  • Misurazione in maniera diretta dei risultati.

Adesso definiamo cosa significa delineare il tipo di cliente:

  • Comprendere le sue caratteristiche ed esigenze.
  • Trovare i canali di comunicazione migliori per comunicarci.
  • Studiare le dinamiche di relazione per trovare un coinvolgimento.
  • Instaurare una comunicazione mirata ad una certa nicchia di mercato. Tale comunicazione deve essere anche personalizzate secondo le esigenze del cliente.
  • Sviluppare contenuti di valore (messaggi, video, campagne pubblicitarie) che hanno lo scopo di portare da una conversione.

Come aumentare le vendite ?

Mentre l’utente naviga su un sito la sua esperienza deve essere semplice, immediata ed coerente in ogni pagina. Ogni clic deve essere spontaneo. Per questo motivo, sarebbe opportuno fare una suddivisione dei prodotti e servizi in macro categorie.Questo modo di strutturare il sito web aiuterà l’utente durante la navigazione. Inoltre, li ricorderà il percorso che lo ha portato a un determinato prodotto o servizio.Tutti i contenuti del sito vanno mostrati a partire dalla Home Page che è il primo contatto con il cliente.Tutte le sezioni del sito saranno raggiungibili da una qualsiasi pagina. Il sito web deve essere responsive, visibile anche dai dispositivi mobili (smartphone, tablet, Iphone).Inoltre, il sito deve mantenere il suo layout originale anche nei dispositivi mobili. Questo per facilitarne l’uso e per far ricordare meglio il sito creare fin da subito una serie di relazioni interpersonali con l’utente. Nel prossimo articolo vedremo i canali per instaurare una comunicazione multi canale.

photo of andrea barbieri

 

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giusepp Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

 

 

Vendere online con la Lead Generation

vendere online

 

 

 

vendere online

Il vecchio modo di vendere

Vendere online ha bisogno di una nuova tecnica per avere dei risultati soddisfacenti. Questo articolo è dedicato interamente all’uso di una nuova tecnica di web marketing chiamata lead generation per vendere online. Prima di spiegarla mi sembra opportuno ricordare le differenze tra il vecchio modo di fare marketing e la lead generation per vendere online.Cosa accadeva nel vecchio modo di fare web marketing ?Anche un sito statico tecnicamente corretto e con un buon posizionamento nei motori di ricerca portava a concludere dei contratti. Naturalmente il sito aveva come appoggio le tecniche di web marketing che erano molto diverse dalla lead generation.Il personale che si occupava di gestire il marketing avevano il solo obbiettivo d’incrementare esponenzialmente l’esposizione di un brand online. Creavano una forte presenza online. Inoltre, inviavano annunci promozionali in forma di spam ai potenziali clienti. Leggi anche i successivi articoli che trattano di questo tema: relazioni interpersonali per vendere di più, Marketing diretto e Lead Generation ed il contenuto premium Funnel marketing, imbuto delle vendite.[sociallocker id=”1349″]

Concludere il contratto, il solo obbiettivo

Lo scopo principale era di concludere un contratto nel minore tempo possibile.Due tecniche fastidiose:

  • telefonate a freddo
  • Invio di email per newsletter

Con le telefonate a freddo si usava in maniera abusiva del numero di telefono. Si facevano tante telefonate fino a quando la persona per non sentirsi più importunato acquistava il prodotto.Anche con l’email il procedimento era il solito. Si bombardava la casella i posta elettronica del malcapitato dei prodotti dell’azienda. Queste due tecniche non sono i miglior modo di <strong.Ci sono aziende che praticano ancora queste tecniche abusive e per diversi anni ha anche funzionato. Queste tecniche di vendita sono percepite dal potenziale cliente come una forte violazione della loro privacy. Un’azienda di che usa tali stratagemmi viene allontanata immediatamente del cliente.Sicuramente oggi questo modo di comunicare non funzione più. </strong

Il potere decisionale del consumatore.

L’attività del vendere online è indirizzata alla socializzazione con il cliente, al risolvere piccoli problemi quotidiani del cliente.Rispetto a 20 anni fa il consumatore ha più potere decisionale. Sono in grado di informarsi in maniera autonoma e la loro fiducia rispetto alle aziende è diminuita.Inoltre, c’è da considerare che ci sono molteplici opportunità di scelta rispetto agli anni precedenti. Anche come oggi, come prima, sono bombardati da una miriade di messaggi pubblicitari che ignorano in maniera immediata. Molto spesso i messaggi pubblicitari contengono truffe e questo il consumatore lo comprende benissimo.Il consumatore è in grado di fare delle ricerche online trovare il prodotto che soddisfa i suoi bisogno. Inoltre, confronta i prezzi e la qualità del prodotto o servizio.Queste considerazioni ci postano ad una conclusione.Oggi, l’andamento del sistema decisionale è ancora più lungo. Di fatto, chi si occupa di marketing devono individuare nuove strategie per diversificare un’azienda dalla sua concorrenza. Con il solo obbiettivo di giungere al pubblico interessato a quel prodotto o servizio.Il consumatore è in grado di fare delle ricerche online trovare il prodotto che soddisfa i suoi bisogno. Inoltre, confronta i prezzi e la qualità del prodotto o servizio.Queste considerazioni ci postano ad una conclusione.Oggi, l’andamento del sistema decisionale è ancora più lungo. Di fatto, chi si occupa di marketing devono individuare nuove strategie per diversificare un’azienda dalla sua concorrenza. Con il solo obbiettivo di giungere al pubblico interessato a quel prodotto o servizio.Che cosa è cambiato ?Il processo di vendita, azione eseguita da un’azienda adesso è applicata al consumatore e si chiama processo di acquisto.Per capire al meglio questo cambiamento analizziamo separatamente i due tipi di processo.

Il processo di vendita

Il processo di vendite è l’insieme di azioni perseguite da un’azienda con lo scopo di vendere prodotti e servizi.Il processo di vendita è una serie di passaggi in successione che portano i clienti potenziali in clienti effettivi.Vediamo nel dettaglio tutti i passaggi:

  • Primo contatto con il cliente
  • Spiegazione o consegna di materiale da promozione oppure per informazioni sul prodotto/li>
  • Raccolta dell’interesse ed eventuale dimostrazione del funzionamento del prodotto
  • Invio di un campione gratuito del prodotto, di una demo o offerta di prova
  • Definizione di una proposta di vendita
  • Conclusione della vendita

L’azienda accompagna il cliente in tutti passaggi sopra descritti. Va da se, che proseguendo in questo schema di vendita il numero di persone coinvolte scemerà passaggio dopo passaggio. Infatti, non tutti i potenziali clienti decideranno di acquistare. Questo accade perché nel primo passaggio ci si rivolge ad un pubblico generico senza nessun contatto con l’azienda. I consumatori finali che decideranno di proseguire nello schema manifesteranno interesse in ciò che l’azienda gli offre.Potranno richiedere brochure, dimostrazioni ed altro.Dopo questa scrematura, l’azienda è in grado di determinare individualmente i contatti qualificati.

Vendere online, cosa sono i contatti qualificati ?

I contatti qualificati sono i potenziali clienti che hanno l’intenzione di andare verso una decisione d’acquisto.Adesso, tutto l’impegno dell’azienda si focalizza in questa fase in forma di incontri e contatti diretti con l’obbiettivo di vendere.L’ultima fase del modello è formata soltanto da clienti che hanno decido di comprare i prodotti e servizi.In tutto il processo di vendita l’impegno dell’azienda si concentra su come vendere il prodotto o servizio. Distribuendo campioni gratuiti e la loro documentazione.In questo passaggio le caratteristiche del consumatore non sono prese in considerazione.

Il processo d’acquisto

Capita che il consumatore in modo involontario abbia un suo modo per riconoscere un bisogno ed il modo per soddisfarlo.In tutti i passaggi del processo d’acquisto il consumatore aumenta la sua consapevolezza del suo bisogno. E’ in continua ricerca di informazioni sui prodotti che possano soddisfare il suo bisogno.In modo successivo, ha la consapevolezza di quale prodotto preferire e anche da quale produttore.Elenchiamo le fasi del processo di acquisto:

  • Consapevolezza (o Riconoscimento dei bisogni)
  • Ricerca delle informazioni
  • Formazione dei criteri di decisione
  • Valutazioni alternative
  • Decisioni

Quest’attività è diventata molto più semplice, grazie all’uso dei social media e al web. Mentre per l’aziende questo processo è diventato sempre più complicato influenzare il pubblico in clienti reali.Un azienda che ha solo a cuore la vendita dei propri prodotto è una azienda che non venderò.E’ fondamentale interessarsi dei bisogni dei clienti per evitare un forte allontanamento dei potenziali clienti.Ma qual è la differenza tra processo di vendita ed acquisto ?Il processo di vendita si impegna su tutte quelle attività che una azienda compie per portare a termine una vendita.Mentre il processo di acquisto porta l’azienda a porsi questa domanda: Come possiamo aiutare i nostri clienti ?

Lead generation , la soluzione

Se l’azienda conosce il comportamento dei suoi clienti durante il processo d’acquisto può creare delle attività per spingerli ad acquistare.Vediamo quali sono queste attività:

  • Istruire gli utenti ad essere consapevoli del loro problema
  • Fornire delle soluzioni, informazioni, analisi, documentazione, ecc.., che soddisfano le loro richieste
  • Favorire la comparazione e a dare urgenza alle offerte migliori
  • Aiutare i contatti interessati a costruire le fiducia nei confronti dell’azienda
  • Costruire e coltivare rapporti con i potenziali clienti
  • Proporre una vendita

Come è possibile svolgere queste attività ?

Come possiamo monitorare tutte i passaggi del processo d’acquisto di un nostro cliente ?Quali sono gli strumenti da usare ?La soluzione a questi quesiti si chiama Lead Generation.Lead Generation, cos’è ?Il cambiamento maggiore avvenuto tra il processo di vendita e processo di acquisto è relativo al comportamento dei consumatori attuali.Infatti, sono i consumatori spinti dal desiderio di soddisfare un bisogno fanno ricerche online ad interessarsi ad un’azienda.Grazie a queste ricerche decidono a quale azienda o fornitore rivolgersi per soddisfare il loro bisogno.Ci sono vari modi per interessarsi a cosa un azienda propone.Facciamo degli esempi:

  • Scegliere di compilare un form presente in un sito web
  • Iscriversi ad una loro newesletter per ottenere dei vantaggi in seguito

Ma cosa è la Lead Generation ?

La capacità di creare interesse agli occhi dei consumatori. Generare contatti qualificati (persone interessate all’attività dell’azienda) e curare il rapporto con il cliente. Tutto ciò definisce la Lead Generation.La Lead Generation e una serie di azioni di marketing per vendere online con lo scopo di generare una lista di contatti di potenziali clienti. Questi potenziali clienti hanno un interesse reale all’attività dell’azienda. Il passo successivo sono le strategie che hanno l’obbiettivo di portare alla conversione del’interesse del Lead (contatto qualificato) in vendita.Infatti, l’impegno principale dell’impresa è seguire i contatti per far crescere il loro interesse e fiducia verso l’impresa e riuscire a vendere online.Non pensate che l’obbiettivo finale della Lead Generation sia una immediata vendita. Ogni strategia di marketing si deve evolvere nel periodo storico in cui viene usata. Infatti, una strategia di marketing deve focalizzarsi ad avere rapporti continuati con i potenziali clienti non soltanto per vendere online.Sviluppare una forte strategia di Lead Generation è fondamentale per creare un rapporto di fiducia e riuscire a vendere online . Questo rapporto di fiducia prenderà il loro interesse prima di contattarli per la vendita.

Una corretta strategia di Lead Generation

Prima di analizzare gli strumenti per la Lead Generation è bene capire l’intero processo aziendale e gli obbiettivi da raggiungere per poter vendere online.Lo schema della Lead Generation è di solito associato al principio ad imbuto. In cosa consiste il principio dell’imbuto ?Durante gli anni l’azienda accompagnerà un cliente potenziale nel suo percorso all’acquisto usando strumenti con lo scopo di vendere online.Vediamo le fasi della Lead Generation:

  1. Individuare il target di riferimento e analizzare le sue esigenze per vendere online
  2. Raggiungerlo e farsi trovare facilmente generando traffico qualificato verso il sito web aziendale per vendere online
  3. Accogliere l’interessamento degli utenti sviluppando una lista di contatti qualificati
  4. Curare ed educare i contatti instaurando un rapporto basato sulla fiducia
  5. Trasmettere i valori aziendali presentandosi come un esperto del settore
  6. Appagare le esigenze del pubblico offrendo una soluzione concreta ai loro problemi
  7. Monitorare le diverse fasi del processo di acquisto in cui si trova l’utente
  8. Convertire i potenziali clienti in clienti reali proponendo una vendita.

Ogni singola fase della strategia ha un suo obbiettivo per vendere online.Ad ogni passaggio si sviluppano attività che hanno lo scopo di far scendere l’utente nell’imbuto fino alla conclusione della vendita fino a <strong.Quando è stato definito il target dei clienti potenziali è fondamentale comprendere come suscitare attenzione da parte del pubblico. Tutto questo per avere dal pubblico un qualche interesse.Oltre l’80 % che visita un sito web per la prima volta non è ancora nelle condiziona di comprare. Il suo obbiettivo è raccogliere informazioni propedeutiche sui prodotti o servizi che riescano a soddisfare un suo bisogno.Questo permette di costruire una presenza online visibile ed efficiente per vendere online in futuro. L’azienda sarà presentata agli occhi del consumatore come una soluzione al suo problema.Per far si che il cliente compri va educato nel corso del tempo. e si deve anche sviluppare un rapporto di fiducia con l’azienda.</strong

La funzione del sito web, blog

Il sito web, blog e i social media sono i canali primari con cui un impresa costruisce un primo contatto con il suo target di riferimento.Lo scopo principale è diffondere credibilità per essere considerato come un esperto in materia e riuscire a vendere online.Il modo migliore è di creare contenuti di valore. I contenuti di valore comprendono informazioni utili per il lettore e permettono di vendere online.Se ciò che è proposto viene visto da un potenziale cliente come utile, l’utente approfondirà la conoscenza. Accetterà di lasciare i suoi contatti, magari attraverso una newsletter per qualcosa in cambio:

  • Report, ebook, ricerche di mercato
  • Report, ebook, ricerche di mercato
  • Risorse gratuite
  • Promozioni
  • Punti o gadget in omaggio

Questa strategia permette di avere una lista di contatti qualificati che serviranno per vendere online. Sono tutte quelle persone interessate nei confronti dei prodotti dell’azienda. I contatti raccolti con vanno segmentati il più possibile ed usati per la Lead Nurturing che vedremo nel prossimo articolo.Questa attività favorisce la comunicazione aziendale in modo costante con i suoi clienti potenziali. Questa comunicazione parte dal primo contatto fino al momento della vendita. Se hai trovato quest’articolo interessante o utile condividilo con i tuoi amici. Grazie.

photo of andrea barbieri

 

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giusepp Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

 

 

Social media manager ed il mondo del lavoro

social media manager

 

 

 

 

Social Media Manager, inventati una professione

Social Media Manager diventa un professionista che usa i Social Media per costruire il tuo personal branding. Trenta anni fa il Curriculum Vitae era un fattore determinante per trovare una nuova occupazione. Molto spesso i curriculum erano infarciti di esperienze lavorative totalmente inventate. Con l’arrivo del digital working le cose sono totalmente cambiate. Ma cosa significa questa affermazione ?Grazie ai social network è possibile farsi conoscere ed apprezzare per le proprie competenze. E’ necessario che diventi un Social Media Manager di te stesso.E’ importante che vi fate conoscere per le vostre competenze. Non vi arenate su un titolo di studio anche se conseguito con il massimo dei voti. Alle aziende non interessa solo quello ma anche ciò che potete dare ad essa grazie alle vostre competenze. Non cercate il posto fisso all’infinito. Il posto fisso adesso è una mera chimera. Diventate dei professionisti apprezzati per il valore che potete dare ad un azienda. Creati una professione personalizzandola su te stesso.

In che cosa eccello ?

Il mondo del lavoro si sta evolvendo velocemente ed anche tu devi evolverti con lui. Per fare tutto ciò dovrai studiare il linguaggio digital per far conoscere le tue competenze. Tutti noi abbiamo delle competenze da spendere nel mondo del lavoro. Non demoralizzarti. Anche io mi sono sentito sperduto quando ho iniziato la mia attività. Usa i canali social come Facebook, Twitter, Youtube, Instagram ed altri. Concentrati su un massimo di due social media per non disperdere nel vuoto il lavoro di promozione della tua professionalità. Saper distinguere le diverse funzioni dei vari social media ti consentirà di sfruttare la meglio le loro funzioni per promuoverti.Prima di iniziare poniti questa semplice domanda ?In cosa eccello ?Sicuramente sarai bravo in qualcosa. Appena hai trovato la risposta puoi iniziare ad promuoverti e diventare Social Media Manager di te stesso. Non sarà semplice rispondere alla domanda ma la risposta è dentro di te.

La passione non ti trova un lavoro

Quando sei in cerca di un lavoro non andare dietro alla tua passione. Non ti porterà a niente. Fai ricerche online e analizza i settori che tirano di più. E’ importante in un mondo del lavoro sempre più dinamico essere a sua volta ancora più dinamici. Non ti intestardire a spammare in giro curriculum a destra e a manca. Non ti servirà. Forse non sai che molto spesso i Recruiter ne anche visionano i C.V. forse per stanchezza, per voglia o per altri motivi. Diventare una Social Media Manager ti consente di creare le tue regole. Decidi con chi e quando comunicare. Che bello è uscita la parola comunicare. Vuoi avere un lavoro ?Impara a comunicare prima che sia troppo tardi. Una buona comunicazione è la chiave di volta per creare una lista di clienti. Social Media Manager è colui che è in grado di comunicare agli altri il suo valore.

Il lavoro non si cerca ma si attrae

Lasciate stare il vecchio ed obsoleto stereotipo che il lavoro si cerca. Il lavoro non si cerca ma si attrae. Esse un Social Media Manager ti permette di farti conoscere ai tuoi potenziali clienti attraverso la tua comunicazione. Inizia ad aprire un blog. Ci sono domini a pochi euro al mese. Iniziare a parlare di te e in cosa eccelli. Ma c’è una formula che puoi usare: social media managerNon è una formuletta magica presa da chissà dove è una formula di buon senso.Per arrivare all’obbiettivo è necessario impegnarsi seriamente tutti i giorni. Prima di iniziare trova una nicchia di mercato in cui vuoi lavorare. Questo è un passaggio basilare per la tua nuova attività lavorativa.Ora sei un Social Media Manager che può iniziare a scrivere su se stesso e sulle sue competenze.social media manager

Il blog come mezzo di diffusione

Dato che il lavoro non si cerca ma si attrae il blog è il mezzo perfetto per farvi conoscere dai potenziali clienti.I clienti vogliono essere rassicurati da un professionista che riesca a risolvere i loro problemi quotidiani.Iniziate a legge libri e a fare ricerche online. Impegnatevi ogni giorno al leggere delle pagine di un libro e vi accorgerete dei numerosi benefici sul vostro business. Ricordate che leggere permette di portare avanti un business con idee nuove e fresche.Iniziate a scrivere articoli non per vendere i vostri servizi e prodotti. Scrivete articoli per aiutare i propri lettori a risolvere i problemi quotidiani di una nicchia di mercato.

In poche parole fate il content marketing

. Usa i contenuti di qualità per attrarre il tuo pubblico. Dopo averli scritti un Social Media Manager deve condividere i propri contenuti. Sfrutta il blog insieme ai social media per amplificare il risultato.

Crea collaborazioni professionali su Linkedin

Linkedin è la piattaforma web dei professionisti. Un Social Media Manager deve assolutamente essere iscritto in Linkedin.Ci sono articoli e post di professionisti di successo che puoi leggere ed apprendere nuove nozioni per il tuo business. Linkedin ti offre la possibilità di conoscere professionisti con cui potrai avere collaborazioni professionali in futuro.Non dimenticare di scrivere i tuoi contenuti. Si, ancora una volta escono fuori gli articoli. E’ l’unico modo che hai per far sapere al mondo le tue conoscenze e le tue competenze.Linkedin è la migliore piattaforma per i contenuti professionali. Ti do una dritta. Per scrivere i contenuti su Linkedin devi impostare la lingua del tuo profilo in inglese. In questo modo potrai usare le funzioni di Pulse. Cerca di essere un utente attivo di Linkedin e commenta i post quando puoi. Linkedin ha un algoritmo che premia questo tipo di comportamento.

Come comunicare con Linkedin

Ogni Social Media Manager deve capire al meglio le funzionalità di questo social network. Ti consente di trovare collaborazioni professionali e potenziali clienti.Un social serve per comunicare, cerca di rendere la comunicazione virtuale in una comunicazione reale.Quando ti invieranno una richiesta di invito oppure invii un invito ad una persona sfrutta subito l’occasione.Usa una formula di questo tipo.“Ciao grazie per il tuo invito / per aver accettato la mia richiesta. Guardando il tuo Profilo ho notato che ti occupi di . Sono anche io interessato a queste tematiche ……. . Se hai tempo di andare nel mio profilo in lingua inglese troverai articoli che trattano i temi sopracitati, altri sono nel mio calendario editoriale. Fammi sapere cosa ne pensi e se credi sia interessante approfondire. Se se interessata ad approfondire clicca sul link per fissare un appuntamento telefonico.Ciao a presto”

Ciao a presto”Fissa un appuntamento con Calendly

Nella formula precedente ho inserito questa frase: Se se interessata ad approfondire clicca sul link per fissare un appuntamento telefonico.Il link da inserire è di Calendly. Calendly ti permette di fissare degli appuntamenti nel giorno e nell’ora in cui sei più libero. Lo uso spesso per i miei consulti gratuiti, ti consiglio di provarlo.L’iscrizione è totalmente gratuita. Puoi partire da subito scegliendo il piano gratuito che è più che sufficiente per partire. Calendly ti permette di diventare un Social Media Manager a tutti gli effetti. Ti renderai conto che un Social Media Manager è molti indaffarato e programmare gli appuntamenti sarà una manna dal cielo.Inizia sin da subito a mettere in pratica questi piccolo suggerimenti. Non credere che solo questi suggerimenti bastino per mettere su un business che funzioni. Ci vuole olio di gomito. Non credere alle formule magiche in giro online. Credi solamente a te stesso.[/sociallocker]

photo of andrea barbieri

 

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giusepp Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

 

 

 

 

Posizionamento siti web, addio keywords ?

posizionamento siti web

 

 

 

 

Posizionamento di un sito web e semantica di un linguaggio

Posizionamento siti web non si ottiene soltanto con la classica keyword ma entra in gioco anche la SEO semantica. La semantica è la scienza del linguaggio, ed oggi è molto importante per un buon posizionamento dei contenuti web.Il compito della semantica nel posizionamento siti web è la trasmissione del messaggio. Infatti, l’algoritmo di Google è in grado di interpretare e capire il senso di una frase. Anche la correttezza grammaticale è importante per ottenere un buon piazzamento nella SERP.

Posizionamento siti web e la ripetizione delle parole

Molto spesso quando si scrive un testo non ci accorgiamo delle molte ripetizioni usate per la stessa parola.Di fatto, è importante usare sinonimi di quella parola. Il sinonimo fa”capire” all’algoritmo che l’articolo è composto da più parole che identificano il medesimo significato. Quindi ha un semantica complessa.Da ricordare che per identificare meglio l’argomento presente in un testo è fondamentale usare i termini correlati.

Word Tree, e le i termini ripetuti

Per controllare che un testo ha delle ripetizioni potete usare un simpatico ma efficace tool gratuito: WordTree.WordTree rappresenta con uno schema ad albero le ripetizioni presenti in un testo. Dalla parola chiave scelta si ramificano rami che ti faranno comprendere la coerenza del testo scritto. Vi consiglio di usarlo per i vostri articoli ed ottenere un buon posizionamento siti web.posizionamento siti web

Posizionamento siti web: le parole chiavi sono ancora importanti ?

Rispetto a venti anni fa, la parola chiave è stata lentamente declassata. Questo non significa la scomparsa dell’analisi delle keyword ed il oro uso all’interno di un testo web. Questo significa usare le keyword in maniera diversa dal solito.

Come si usavano prima le parole chiavi ?

Si scriveva un testo a lo si riempiva di keywords fino all’orlo. Non interessava se il contenuto fosse utile o no. Il solo interesse era che il contenuto si posizionasse nella prima pagina e nelle prime posizioni.Un comportamento di questo tipo, denominato Keyword stuffing, è stato deprecato. Usatelo e sarete penalizzati fortemente.

Posizionamento siti web ed i vari strumenti web

Un consiglio personale, sull’uso di vari tools per la SEO per il posizionamenti siti web.

Anche se sono molto utili secondo me ci vuole un’accortezza. Questi strumenti web indicano il numero di parole e la densità delle keyword. Usate sempre la vostra testa, non fermatevi solo sul colore di un semaforo o altro.

La SEO Semantica e l’ottimizzazione semantica

I motori di ricerca si sono evoluti verso un tipo di ricerca, definita ricerca semantica. Questo tipo di ricerca ha modificato in maniera netta gli algoritmi del search engine. Ed in maniera indiretta anche l’ottimizzazione SEO dei contenuti presenti nel web.Negli ultimi tempi, si parla di un nuovo modo di fare SEO per un migliore posizionamento siti web. Il nuovo modo è la SEO Semantica (Semantic SEO) per differenziare il vecchio modo di fare SEO con il nuovo.La SEO Semantica è una branca tecnica che mette insieme la SEO e la semantica. Ricordate la semantica è la scienza del linguaggio.

Come si ottimizzavano prima le keyword

Nel passato i motori di ricerca avevano un funzionamento molto semplice. Questa semplicità si rifletteva anche sull’ottimizzazione dei contenuti web. Di fatto, l’ottimizzazione degli articoli web era molto semplificata. Infatti, ogni parola era reputata dal motore di ricerca come una chiave. Inoltre, era anche vista come una combinazione di lettere. Diversamente dagli attuali algoritmi che riconoscono il singolare o il plurale i vecchi motori di ricerca non erano in grado di espletare questo compito; non esistevano neanche sinonimi e contrari.

Facciamo un esempio pratico

I verbi “fare” e “realizzare” erano considerate keyword diverse. Inoltre, scrivere “sito web” oppure “siti web” ci si riferiva a due parole chiave distinte. Questo conduceva a delle pagine con dei risultati completamente diversi presso i motori di ricerca.Per essere trovati su ogni tipo di ricerca, era fondamentale scrivere tante pagine web che trattavano dello stesso argomento. Ognuna di queste pagine, doveva essere ottimizzata per ogni tipo di parola chiave.L’ottimizzazione di contenuti comportava una grande fatica da parte degli scrittori web. Era necessario eseguire una serie di duplicazione dei contenuti di un sito web.Questo modo di procedere è ormai obsoleto e dannoso per l’ottimizzazione.

Dove inserire la parola chiave

Inserirla in un determinato punto del testo permetteva al motore di ricerca di giudicare l’importanza di una data keyword.La parola chiave era inserita nel :

  • Titolo
  • Metatag
  • Header
  • Anchortext dei back link

Da questo modo di agire ha avuto origine il vecchio modo di fare SEO. Era il vecchio modo usato per ottimizzare contenuti web per i motori di ricerca).Per ottenere un buon posizionamento siti web bastava soltanto ripetere la parola chiave nel documento. La parola chiave era inserita in zone strategiche del documento, in una adeguata proporzione detta “keyword density”. Inoltre, era necessario predisporre una link building con anchor text che coincideva con la keyword.

Non dimenticare la vecchia SEO

Tutto ciò che avete letto, non deve indurre a pensare che il vecchi modo di fare SEO sia morto. Ci sono aspetti ritenuti obsoleti e pericolosi come ad esempio la ripetizione delle parole chiave che si chiama keyword stuffing oppure fare una duplicazione di contenuti: Entrambi sono dichiarati apertamente spam. Ci sono dei fattori che sono ancora validi ed efficaci:

  • Link in entrata hanno ancora un grande peso nel calcolo del ranking ma devono essere link naturali.

Mentre i link artificiali (ripetizione eccessiva dei back link) su una determinata parola chiave commerciale sono molto nocivi.Possiamo concludere dicendo che i motori di ricerca sono diventati sempre più evoluti, complessi ed esperti. Sono capaci di riconoscere ogni tipo di attività spam. Le attività che sono dichiarate spam una volta permettevano di posizionare un contenuto rapidamente. Adesso sono molto più importanti i contenuti utili per l’utente.Scrivete solo un buon articolo e praticate il Content Marketing ed otterrete sicuramente un buon posizionamento sito web.[/sociallocker]

Posizionamento di un sito web e semantica di un linguaggio

La semantica è la scienza del linguaggio, ed oggi è molto importante per un buon posizionamento dei contenuti web.Il compito della semantica nel posizionamento siti web è la trasmissione del messaggio. Infatti, l’algoritmo di Google è in grado di interpretare e capire il senso di una frase. Anche la correttezza grammaticale è importante per ottenere un buon piazzamento nella SERP.

Posizionamento siti web e la ripetizione delle parole

Molto spesso quando si scrive un testo non ci accorgiamo delle molte ripetizioni usate per la stessa parola.Di fatto, è importante usare sinonimi di quella parola. Il sinonimo fa”capire” all’algoritmo che l’articolo è composto da più parole che identificano il medesimo significato. Quindi ha un semantica complessa.Da ricordare che per identificare meglio l’argomento presente in un testo è fondamentale usare i termini correlati.

Posizionamento siti web: le parole chiavi sono ancora importanti ?

Rispetto a venti anni fa, la parola chiave è stata lentamente declassata. Questo non significa la scomparsa dell’analisi delle keyword ed il oro uso all’interno di un testo web. Questo significa usare le keyword in maniera diversa dal solito.

Come si usavano prima le parole chiavi ?

Si scriveva un testo a lo si riempiva di keywords fino all’orlo. Non interessava se il contenuto fosse utile o no. Il solo interesse era che il contenuto si posizionasse nella prima pagina e nelle prime posizioni.Un comportamento di questo tipo, denominato Keyword stuffing, è stato deprecato. Usatelo e sarete penalizzati fortemente.

Posizionamento siti web ed i vari strumenti web

Un consiglio personale, sull’uso di vari tools per la SEO per il posizionamenti siti web.

Anche se sono molto utili secondo me ci vuole un’accortezza. Questi strumenti web indicano il numero di parole e la densità delle keyword. Usate sempre la vostra testa, non fermatevi solo sul colore di un semaforo o altro.

La SEO Semantica e l’ottimizzazione semantica

I motori di ricerca si sono evoluti verso un tipo di ricerca, definita ricerca semantica. Questo tipo di ricerca ha modificato in maniera netta gli algoritmi del search engine. Ed in maniera indiretta anche l’ottimizzazione SEO dei contenuti presenti nel web.Negli ultimi tempi, si parla di un nuovo modo di fare SEO per un migliore posizionamento siti web. Il nuovo modo è la SEO Semantica (Semantic SEO) per differenziare il vecchio modo di fare SEO con il nuovo.La SEO Semantica è una branca tecnica che mette insieme la SEO e la semantica. Ricordate la semantica è la scienza del linguaggio.

Come si ottimizzavano prima le keyword

Nel passato i motori di ricerca avevano un funzionamento molto semplice. Questa semplicità si rifletteva anche sull’ottimizzazione dei contenuti web. Di fatto, l’ottimizzazione degli articoli web era molto semplificata. Infatti, ogni parola era reputata dal motore di ricerca come una chiave. Inoltre, era anche vista come una combinazione di lettere. Diversamente dagli attuali algoritmi che riconoscono il singolare o il plurale i vecchi motori di ricerca non erano in grado di espletare questo compito; non esistevano neanche sinonimi e contrari.

Facciamo un esempio pratico

I verbi “fare” e “realizzare” erano considerate keyword diverse. Inoltre, scrivere “sito web” oppure “siti web” ci si riferiva a due parole chiave distinte. Questo conduceva a delle pagine con dei risultati completamente diversi presso i motori di ricerca.Per essere trovati su ogni tipo di ricerca, era fondamentale scrivere tante pagine web che trattavano dello stesso argomento. Ognuna di queste pagine, doveva essere ottimizzata per ogni tipo di parola chiave.L’ottimizzazione di contenuti comportava una grande fatica da parte degli scrittori web. Era necessario eseguire una serie di duplicazione dei contenuti di un sito web.Questo modo di procedere è ormai obsoleto e dannoso per l’ottimizzazione.

Dove inserire la parola chiave

Inserirla in un determinato punto del testo permetteva al motore di ricerca di giudicare l’importanza di una data keyword.La parola chiave era inserita nel :

  • Titolo
  • Metatag
  • Header
  • Anchortext dei back link

Da questo modo di agire ha avuto origine il vecchio modo di fare SEO. Era il vecchio modo usato per ottimizzare contenuti web per i motori di ricerca).Per ottenere un buon posizionamento siti web bastava soltanto ripetere la parola chiave nel documento. La parola chiave era inserita in zone strategiche del documento, in una adeguata proporzione detta “keyword density”. Inoltre, era necessario predisporre una link building con anchor text che coincideva con la keyword.

Non dimenticare la vecchia SEO

Tutto ciò che avete letto, non deve indurre a pensare che il vecchi modo di fare SEO sia morto. Ci sono aspetti ritenuti obsoleti e pericolosi come ad esempio la ripetizione delle parole chiave che si chiama keyword stuffing oppure fare una duplicazione di contenuti: Entrambi sono dichiarati apertamente spam. Ci sono dei fattori che sono ancora validi ed efficaci:

  • Link in entrata hanno ancora un grande peso nel calcolo del ranking ma devono essere link naturali.

Mentre i link artificiali (ripetizione eccessiva dei back link) su una determinata parola chiave commerciale sono molto nocivi.Possiamo concludere dicendo che i motori di ricerca sono diventati sempre più evoluti, complessi ed esperti. Sono capaci di riconoscere ogni tipo di attività spam. Le attività che sono dichiarate spam una volta permettevano di posizionare un contenuto rapidamente. Adesso sono molto più importanti i contenuti utili per l’utente.Scrivete solo un buon articolo e praticate il Content Marketing ed otterrete sicuramente un buon posizionamento sito web.

photo of andrea barbieri

 

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giusepp Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

>

Sito web gratis, consigli SEO 2019

sito web gratis

 

 

Sito web gratis e l’ottimizzazione del sito

Finalmente hai deciso di aprire un sito web gratis in una piattaforma di hosting gratuito.

In questo articolo non farò nessun nome di hosting gratuito dato che ci occuperemo di ottimizzare al meglio il sito presso i motori di ricerca. Hai scelto anche il tuo CMS preferito (WordPress, Joomla o Drupal) ma ne parlerò in altri articoli.Inoltre, desideri un sito web gratis anche nel processo di ottimizzazione dello stesso.Lo scopo di questo articolo è di aiutarti a raggiungere il tuo obbiettivo senza neanche spendere un euro. Sarà un compito impegnativo l’ottimizzazione del tuo sito web gratis ma se farai con diligenza tutto quello che è scritto in questo articolo otterrai solo benefici.L’argomento è diviso in due articolo dato che è molto lungo. Addentriamoci nelle prime venticinque regole SEO del 2017.

SEO la fondamenta per l’ottimizzazione

Fare una buona attività SEO permette al sito di avere maggiore visibilità per garantire al tuo sito web aziendale di decollare come piattaforma web ed incrementare sin da subito le conversioni.Incontreremo le tecniche fondamentali delle SEO (Search Engine Optimization). Tutti i metodi presentati per avere un sito web gratis ottimizzati non sono vincolanti ma potranno subire delle variazioni durante nel tempo. L’algoritmo di Google e la sua evoluzioneEra una pratica molto diffusa molti anni fa era di praticare la keyword stuffing. In cosa consiste la keyword stuffing ?Si inserivano nel testo molte keyword anche in modo non razionale con lo scopo di posizionarsi in quella data keyword.Naturalmente, la qualità dei contenuti era molto scadente.Non usate mai questa tecnica, anzi, cancellata dalla vostra mente.Di fatto, tutti i testi devono avere coerenza e parlare di un determinato argomento non devono essere “inzuppati” a caso da keywords.Infatti, l’algoritmo di Google è sempre in evoluzione ed è lo specchio del processo d’indicizzazione che ama fortemente questi 4 fattori:

  • Contenuti di valore
  • Link
  • Popolarità
  • Reputazione

E’ grazie a ciò che proponi ad avere un peso fondamentale per un eccellente posizionamento presso i motori di ricerca.sito web gratis

La Meta description attira gli utenti

Le meta decription non hanno un valore reale in una pratica SEO ma se è fatta bene è in grado attrarre a se molti utenti.Inserite sempre l’argomento centrale di cui state parlando per offrire a vostri lettori un anteprima dell’articolo.

Nessuna ossessione per il ranking

Avere un ranking in crescita è un procedimento che richiede anche molte settimane. Di fatto, evita di perdere del tempo alla continua ricerca del cambiamento del ranking. E’ sempre meglio concentrarsi su una crescita organica e strutturale del sito web.

Si presente su Social Media

I motori di ricerca sono molto interessati alle tue attività di Social Media tramite le tue condivisioni. Analizza sempre, le pagine sociali dei tuoi concorrenti. Altro punto importante, devi sempre invogliare i tuoi lettori a commentare e condividere ogni tuo post sulle loro pagine. Infatti, la pubblicità che ne nascerò sarà molto importante per scalare i motori di ricerca

Apri un account Google Plus

Google Plus è una piattaforma social di proprietà di Google ed avere un account Google Plus porta notevoli benefici. Il tuo profilo sarà indicizzato dai motori di ricerca e porterà un aumento di visibilità al tuo sito.

Sviluppa pochi backlink di qualità

Anche per un sito web gratis è fondamentale avere dei backlink che consentano al sito di far salire il motore di ricerca. Un consiglio importante che voglio darti. Crea una rete di collegamenti con backlink che hanno contenuti di qualità e ben indicizzati. Se invece, userai backlink scadenti il tuo sito web sarà penalizzato da Google.

Elimina link con siti spam

Sicuramente non farai spamming ma se il tuoi sito è linkato da questi sito sarai penalizzato fortemente da Google.E’ fondamentale assicurarsi a tutti i siti web che presentano contenuti di qualità scadente. Inoltre, questi testi sono collegati ad altri contenuti sempre scadenti pieni di parole chiave messe alla rinfusa.Google premia tutti coloro che presentano articoli di qualità mentre ti penalizza il sito se sei ritenuto non affidabile, essendo partner di siti e articoli scadenti.

Evita sempre di comprare link

Alcuni anni fa era pratica comune comprare link per scalare la SERP. Forse si pratica ancora. Comunque, se tu avessi intenzione ci comprare link evita di fare questa sciocchezza. I motori di ricerca hanno degli algoritmi che sono alla continua ricerca di comportamenti di questo tipo. Comportarsi in questo modo equivale ad avere una mazzata formidabile di penalizzazione da parte di Google.

Non usare solo la parola chiave per il link

Non basta inserire solo la keyword in un link è anche importante contornare il link con un testo più descrittivo possibile. I motori di ricerca ottengono svariate informazioni importanti dal testo che accompagna le immagini; in questo modo il sito può essere indicizzato meglio con maggiore visibilità. Anche se hai un sito web gratis questa operazione con i link è molto importante e ti consiglio di usarla sempre.

Mai avere link rotti

Controlla che il tuo sito web gratis non abbia dei link rotti. I link rotti procurano una forte penalizzazione SEO.Per coloro che usano WordPress possono scaricare il plugin Broken Link Checker.Per gli utenti di Joomla potete usare. Mentre per gli utenti Drupal.Usa sempre plugin che automatizzano l’ottimizzazione di pagine e articolo.

Ottimizzare sempre il title dei tuoi contenuti

Anche nel tuo sito web gratis devi prestare molta attenzione al titolo del tuo contenuto.Deve essere fatto in maniera indipendente dal blog title. E’ fondamentale che nel titolo ci sia sempre la parola chiave scelta per il tuo articolo. Inoltre, la parola chiave non deve essere mai troppo lunga o troppo corta.

Ogni pagina deve essere ottimizzata per una parola chiave soltanto

E’inutile ottimizzare le pagine per più parole chiave nello stesso arco temporale. I contenuti prodotti saranno artificiali con nessuna coerenza con l’argomento del posto. Inoltre, saranno noiosi durante la lettura.E’ molto meglio inserire intorno alla parola chiave frasi di tipo logiche ed efficaci. Questo tipo di frasi hanno lo scopo di enfatizzare la parola chiave.

Usare i title tags per ogni pagina

Questo modo di procedere serve ai motori di ricerca per indicizzare meglio le pagine. Se vuoi che il tuo sito web gratis raggiunga maggiore traffico non dimenticarla mai.

Non assegnare eccessiva importanza ai meta tag

Attualmente è molto più importante il description tag che consente al tuo sito web gratis di raggiungere più utenti.

Crea un URL che descriva l’articolo separando le parole

Un URL di questo tipo aiuterà l’ottimizzazione della pagina o dell’articolo. Nell’URL deve essere sempre inserito il titolo del post, o comunque parole collegate all’argomento che tratta l’articolo. Vietato fare uso di numeri oppure id con scarsa comprensibilità.

Sviluppa l’ottimizzazione del tuo testo nel tuo Feed RS

Scrivi sempre una descrizione con molte parole chiave mantenendo sempre il testo adatto ad una lettura scorrevole. Inoltre, il testo non deve essere artificioso.

Sviluppa una rete di network con altri blogger

Sviluppare delle relazioni con blogger che appartengono alla tua nicchia di mercato ti consente di creare dei backlinks di qualità verso il tuo sito. Non dimenticare di visitare forum che trattano dei tuoi stessi argomenti. Cerca sempre di costruire rapporti per collaborazioni future che potrebbero essere dei fattori determinati per il successo del tuo sito web gratis.

Inserisci link verso altre risorse

Se vuoi che il tuo sito web gratis ottenga un buon successo all’interno dei tuoi contenuti inserisci link ad altre risorse. Naturalmente questi link devono trattare il medesimo argomento presente nel tuo contenuto. Trova degli argomenti interessanti da linkare all’interno dei tuoi articoli e condividili sul tuo sito web gratis. Comportandosi cosi ti accorgerai che alti bloggers condivideranno i tuoi contenuti.

Prova a cercare siti in .edu per trovare sponsor per il tuo sito web gratis

E’ molto importante avere dei link di questo tipo che puntano al tuo sito; posso aumentare in maniera esponenziale la tua Domain Auhority. Di fatto, la credibilità e l’autorevolezza del tua piattaforma web aumenterà.

Presentati come CEO del tuo blog

Il CEO è l’amministratore del sito o di una attività. Rispondi ai commenti come CEO e la tua credibilità aumenterà velocemente.

Non dimenticare di ottimizzare le immagini

Inserisci un testo alternativo che comprenda la parola chiave presente nel tuo articolo.

Usa dei captions con le immagini

Inserisci nelle immagini dei captions con all’interno delle parole chiave. In questo modo il tuo sito web gratis sarà possibile trovarlo anche attraverso le immagini.

Non riempire il sito con molte immagini

E’ sempre meglio non usare immagini molto pesanti e sgargianti. Se possibile cerca di usare il formato jpeg. Quando possibile è meglio preferire il CSS per cambiare ogni contenuto visuale.

Descrivere in maniera ricca i tuoi video usando le parole chiave

Usando questo metodo anche i tuoi video saranno indicizzati. Inoltre, aumenterai le tua possibilità di essere rintracciato attraverso i motori di ricerca.

Costruisci il tuo sito web gratis in maniera user friendly

Il tuo sito web gratis se ottimizzato per il SEO è un sito con una struttura a misura di utente. Evita di appesantire il tuo sito web gratis con effetti grafici vistosi e dispersivi per l’utente. Preoccupati di creare una struttura dove i tuoi visitatori possano trovare quello che cercano in maniera semplice e rapida. Usa la regole dei tre click.In cosa consiste la regola dei tre click ?Se ci voglio più di tre click per raggiungere una pagina desidera è necessario rivedere qualcosa sulla struttura del tuo sito web gratis.Continua a leggere la seconda parte cliccando su Ottimizzazione SEO Google. Per ulteriori informazioni puoi prenotare una consulenza gratuita telefonica cliccando sul banner azzurro sulla destra della pagina. Se credi che questo articolo sia stato utile o interessante condividilo con i tuoi amici. Grazie.

photo of andrea barbieri

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giusepp Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

 

 

Idee creative e Web Marketing

idee creative

 

 

 

[sociallocker id=”1182″]

Cosa si intende per idee creative ?

Le idee creative o delle idee fotocopia. Questo è il grande dilemma del Web. Molti pensano che avere idee creative che funzionino per un determinato prodotto possa funzionare anche per il proprio. Niente di più sbagliato. Le idee creative si devono adattare alle caratteristiche del bene da promuovere. Questo è fare, secondo me, Web Marketing

L’idea creativa come veicolo di un messaggio ?

Le idee creativa semplifica in un solo messaggio promozionale le caratteristiche del prodotto e l’utilità dello stesso nella vita di tutti giorni.

Di fatto, un prodotto che ha belle caratteristiche ma che ha poca utilità nel business moderno avrà poche speranze di avere una grande visibilità attraverso il Web Marketing.

Il consumatore e l’idea creativa

Il consumatore è sempre alla ricerca online di nuove idee creative che possano risolvere i piccoli problemi quotidiani.Da questa ricerca online, l’utente si aspetta che il prodotto risolva davvero i suoi problemi e non sia solo bello. Il Web Marketing non dove puntare solo sulla bellezza del prodotto ma anche sulla sua praticità ed utilità.Un esempio pratico dal web.E’ inutile avere un sito web super bellissimo ma difficile da navigare e che si apre lentamente perché pieno di immagini e di script che visualizzano banner; è sempre meglio avere un approccio soft.Lo stesso si può dire dei prodotti da promuovere.Venti anni fa, ma anche adesso ci sono idee creative di Web Marketing che ricalcano questo modo di ragionare “non è abbastanza, ma funziona”.Cosa significa tutto ciò ?.Ci sono prodotti che non sono il massimo dell’efficienza e della bellezza ma in un certo modo svolgono il loro lavoro. Il business dell’abbastanza funziona egregiamente quando ci troviamo in uno stato di scarsità.Un altro esempio pratico.Vi ricordate Internet Explorer ? Sicuramente si. Non era il massimo dell’efficienza ma in un certo modo permetteva di andare su Internet.idee creative

Si deve essere geni per sviluppare un idea creativa ?

Non c’entra essere geni oppure no. Tutti siamo dotati di un cervello e tutti noi abbiamo creatività. Certo non è facile partorire delle idee creative. E’ necessario provare e riprovare. Questo fa parte del gioco. Ma se volete fare un Web Marketing business serio ci dovete mettere la faccia e non solo quella.

Iniziate a studiare e non solo

Per ottenere risultati in un business online ma anche off line è necessario studiare e leggere. Ricordate più si studia è più si guadagna. Cercate sempre di essere umili e chiedete a chi sa più di voi. Chiedere per capire non è un’umiliazione, anzi, è un prova di maturità. Questo vi consentirà di fare in futuro un Web Marketing più maturo e completo.Le idee creative non nascono se non allenate il nostro muscolo primario, il cervello. Non lasciate il cervello come un optional da usare con telefonini di ultima generazione; usatelo anche per il vostro Web Marketing business.Durante la giornata fate lunghe passeggiate per ossigenare la vostra mente e vedrete quante idee avrete. Inoltre, mangiate sano e dormite almeno otto ore per notte.Per fare un Web Marketing business moderno ci vogliono anche ricette antiche. Io mi sono preso l’impegno ogni giorno di leggere almeno cinque pagine di un libro. Se durante la giornata, non avete tempo di leggere almeno cinque pagine state sfruttando il vostro tempo e distruggendo la possibilità di fare un Web Marketing vincente.

Di cosa ha bisogno un idea creativa per funzionare ?

Come ho detto all’inizio dell’articolo le idee creative devono soddisfare un bisogno. Ma per far si che questo accada ?E’ necessario che le idee creative portino con se una buona dose di fiducia verso il cliente. E’ proprio la fiducia la miccia che fa innescare la vendita. Nel Web Marketing acquisire la fiducia del cliente è un passo di primaria importanza per concludere un contratto.Ci sono ancora persone convinte che per fare Web Marketing basti spammare post sui social network. Niente di più sbagliato. Fare Web Marketing, grazie ad una serie di idee creative, almeno secondo me, significa proporre post che non vendono il prodotto ma aiutano il consumatore a capire le qualità del prodotto e l’utilità nella vita di tutti i giorni, inclusa anche l’onestà del commerciante.

Web Marketing e Social Media

Nell’implementare le idee creative il Web Marketing è l’unica strada per far conoscere il prodotto. Qual è i migliore modo per farlo ?Essere presente in tutti i Social Media ?Non è necessario essere presente su tutti i Social Media per implementare delle idee creative ed avere risultati. Di fatto, ogni Social Media ha caratteristiche e target diversi. Prendete le caratteristiche del prodotto in vendita ed equiparatelo alle caratteristiche del Social Media che avete intenzione di usare.Facciamo un esempio usando i Social Media Visuali come Instagram o Pinterest.Se siete produttori di piatti decorati a mano potete fotografare tutte le fasi di lavoro e far appassionare i vostri followers fino ad una vendita creando una sorta di storia di album.Gli altri Social Media come Facebook, Linkedin e Twitter sono più adatti a postare articoli che parlano di una attività oppure che risolvono problemi di una certa nicchia di mercato.

L’idea creativa è sempre in evoluzione

Le idee creative non sono mai stabile ma mutano a seconda delle condizioni del mercato. Arenarsi in maniera stabile su delle buone idee creative remunerative in un dato arco temporale significa effettuare un Web Marketing non efficiente.Perché succede questo ?Gli stati d’animo degli utenti sono in continuo mutamento e va da se che un prodotto che andava bene un mese fa adesso non funziona più.Non è necessario trovare altre idee creative dato che abbiamo già delle fondamenta ottime ma significa soltanto modificarle durante un certo arco temporale.

Il Web Marketing è l’idea creativa, due entità distinte

Per fare un Web Marketing che funziona individuare una serie di idee creative è la cosa primaria.Lasciate stare guru del Web Marketing che vi danno strane formule magiche per raggiungere risultati ottenuti in anni di duro lavoro, studio è umiltà.Le idee creative stanno al Web Marketing come il Web Marketing sta alle idee creative. Senza nessuna delle due la formula non funziona. Anche se sembrano due entità distinte lavorano insieme in tutto e per tutto.Vi consiglio inoltre di vedere questo video di Marco Montemagno sul Web Marketing:

 

photo of andrea barbieri

 

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giusepp Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

 

 

 

 

Migliorare posizionamento motori di ricerca con i contenuti

 

 

 

Posizionamento motori di ricerca, attenti al campo semantico

posizionamento motori di ricerca
Per ottenere il posizionamento motori di ricerca non basta conoscere solo le principali regole SEO. Quello sono solo lo scoglio di un iceberg.

Quando scrivi dei contenuti il primo pensiero per un buon posizionamento motori di ricerca è di non svilupparli solo per il motore di ricerca. Ma pensare soprattutto a scrivere un topic che parli di più argomenti possibili di un determinato campo semantico. Un campo semantico è un concetto principale in cui si diramano dei sotto concetti. Ti consiglio anche di leggere posizionamento sui motori di ricerca. Con le tecniche di ottimizzazione spiegate nel dettaglio.Torniamo al campo semantico. Facciamo un esempio per comprendere.Prendiamo in considerazione i termini: uccello, areo, elicottero, deltaplano.Che cosa hanno in comune ?Hanno in comune il concetto del “volare”. Infatti, stiamo parlando del concetto semantico del volare. Quando si scrive un contenuto si trovano molto sotto argomenti.

Prima di pubblicare un articolo domandati se sei stato in grado di sviscerare tutti i sotto concetti.Questo ti consentirà di essere esauriente non solo agli occhi del motore di ricerca ma soprattutto di fronte ai tuoi lettori.Non basterà scrivere o pubblicare un video a caso. Ma devi fare un vero proprio studio della keyword e delle classi semantiche. Definisco le classi semantiche gli argomenti di contorno della keyword principale.Non ti serviranno a niente tutte le tecniche SEO al mondo se non fai questo studio. Perché è inutile basarsi solo sulla keyword principale. Ci sono molte altre keyword da inserire nel contenuto. Da non dimenticare i sinonimi. Se non usi i sinonimi il contenuto agli occhi del motore di ricerca risulterà con un frasario molto povero.Ti aiuterò a fare il primo passo per raggiungere l’ottimizzazione.

Vediamo i passaggi:

  • Trovare un keyword long tail (composta da almeno 3 termini).
  • Digitarla in Google e trovare le keyword secondarie, usando anche i modificatori, come, quando, trucchi, consigli. Prima e dopo la parola chiave principale.
  • Trovare le keyword correlate. Si trovano in fondo alla pagina di Google dopo aver effettuato la ricerca della parola chiave principale.
  • Trovare tutti i sinonimi della parola chiave
  • Trovare tutte le co-occorrenze.

Scegliere un nome di dominio apprezzato dal motore di ricerca

Passo molto tempo a sviluppare siti web localizzati anche per motori di ricerca stranieri come Yandex e spesso capita di sviluppare siti da zero con tutte le problematiche che si hanno all’inizio. La parte che personalmente ritengo più impegnativa è trovare un nome di dominio da usare presso il motore di ricerca che ancora nessuno ha scelto e soprattutto apprezzato dal cliente. Infatti, se prendiamo in considerazione un dominio già esistente da tempo nel motore di ricerca la sua ottimizzazione sarà molto più problematica. Infatti, Google, premia i domini che da più tempo sono presenti nella sua SERP e sviluppano giorno per giorno contenuti di qualità utili agli utenti.

Indicizzazione e ottimizzazione, due cose distinte

Troppe volte leggo ancora che indicizzazione e ottimizzazione presso i motori di ricerca sia la medesima cosa.Facciamo un po’ di chiarezza sull’argomento.L’indicizzazione è effettuata dal motore di ricerca che scansiona il web con spider e crawler con il solo scopo di aggiungere nuovi collegamenti.L’ottimizzazione, invece, è il processo con cui un SEO Specialist ottimizza un sito web ed i suoi contenuti per renderli visibili al maggior numero di persone.

L’ottimizzazione è un attività complessa e richiede molto tempo. Possiamo avere una ottimizzazione organica presso il motore di ricerca, che io consiglio fortemente ed un ottimizzazione, che io chiamo artificiale (pay per click, come per esempio Adwords di Google o Bing Adwords di Bing).L’ottimizzazione organica presso il motore di ricerca ha bisogno di più tempo per essere raggiunta ma appena ottenuta i contenuti del sito saranno visibili, cliccati e condivisi nei anche presso i Social Media.L’ottimizzazione a pagamento (artificiale) presso il motore di ricerca, può essere funzionale all’inizio e crea molta visibilità. Questo succede perché si paga il motore di ricerca per farvi apparire nelle prime posizione. Nota dolente di questa tecnica, appena si smette di pagare il motore di ricerca considera il vostro sito per quello che è, e se il sito è scadente insieme ai suoi contenuti sarete declassati fortemente.Questo modo di agire si chiama pay per click. Gli strumenti di pay per click GoogleAdwords, Bing Adwords devono essere usati con parsimonia, usarli in maniera sconsiderata portano solo ad un disastro quando si cessa di usare tale servizio.

Analisi Web Server

Prima di passare alle tecniche SEO per invogliare il motore di ricerca a indicizzare i contenuti mi pare sensato spendere qualche parola sul controllo del Server in cui si trova il sito tramite il tool Builtwith.Di fatto, per consentire una buona attività SEO presso il motore di ricerca è molto importante verificare il comportamento del Server in cui si trova il sito. Si deve analizzare la velocità del Web Server ed scovare le eventuali strozzature presenti nel Server. Inoltre, si deve eliminare ogni problema causata dalle intestazioni HTPP.motori di ricerca

10 consigli SEO per migliorare l’ottimizzazione

Oggi vi fornirò 10 consigli di base e altri 10 nel prossimo articolo per far conoscere i vostri articoli al motore di ricerca. Passiamo ad esporli.

1)Ottimizzare il tag title

Il tag Title è il link di colore blue che è mostrato dal motore di ricerca, come per esempio Google. Quando l’utente vede il tag Title viene invogliato a cliccare il link proposto dal motore di ricerca e leggere pagina interessata. È fondamentale trovare un nome per il documento che vogliamo scrivere da presentare poi al motore di ricerca per essere indicizzato. Questo nome deve esprimere il concetto dell’articolo che sarà poi proposto al motore di ricerca. Il titolo deve sempre contenere la parola chiave. La parola chiave è quell’elemento che permette all’utente di raggiungere la pagina web attraverso la ricerca con il motore di ricerca. Oltre a questo tipo di parole chiave ne esistono altre le parole chiave semantiche. Ne parleremo in seguito in una altro articolo.

2) Google Keyword Planner per trovare un titolo convincente

Usare gli strumenti gratuiti del motore di ricerca Google come Google Keyword Planner e Buzzsumo per individuare in base al traffico di ricerca, la parola chiave più adatta per il tuo articolo. Questo procedimento può anche essere adottato per il titolo.

3) Ottimizzare il tag Metadescription

La Metadescription è il testo che compare su tutti i motori di ricerca ed è collocato sotto al link della pagina. La sua funzione principale è attirare sempre di più l’attenzione degli utenti. La Metadescription deve contenere la parola chiave scelta, per far si di stimolare l’utente a cliccare il link per raggiungere la pagina web collegata. Anche durante una ricerca con il motore di ricerca è importante inserire la parola chiave che sarà presentata in grassetto nel rich snippet della pagina web.

Come creare una metadescription

Per creare una metadescription appetibile per il motore di ricerca si deve riassumere il contenuto e creare una call to action in un limitato numero di caratteri. La call to action dovrebbe provocare all’utente un senso d’urgenza per fargli cliccare il link presentato dal motore di ricerca. È consigliabile non superare i 156 caratteri, ma per una migliore indicizzazione restare tra i 137 caratteri a 140 caratteri per evitare che il motore di ricerca tronchi la metadescription.

4) Usare titoli e sottotitoli

Quando scrivete i vostri contenuti non dimentica mai, di usare titoli in formato H2 e sottotitoli in formato H3 e H4.In questo modo renderete la formattazione gradevole agli occhi dei vostri lettori che saranno in grado di prendere delle pause durante la lettura; potranno individuare i concetti espressi nel testo più velocemente. La formattazione H1, H2, H3, H4 è gradita anche agli algoritmi dei motori di ricercaQuesto tipo di formattazione è molto importante per i motori di ricerca per indicizzare al meglio il contenuto di un articolo. Ricordo che per posizionare al meglio il vostro contenuto è importante ripetere la parola chiave sia nel titolo che nei sottotitoli.

5) Non scrivere per i motori di ricerca ma scrivere sempre per gli utenti

Non dovete scrivere mai per i motori di ricerca. È fondamentale creare contenuti che forniscono informazioni interessanti ed utili per gli utenti. Utilizzate nel testo quesiti che spingono i futuri lettori a completare la lettura o ad iniziarla e ad partecipare ai commenti.

6) Aprire l’articolo sfruttando un immagine che avvolge l’interesse del lettore

Iniziare a leggere un articolo con un immagine ad effetto avvolge l’attenzione del lettore e lo convince a fare lo scrolling su tutto il testo per continuare a leggerlo. Utilizzare un immagine ad effetto e’ positivo anche per il posizionamento nei motori di ricerca, sopratutto per le ricerche di immagini.

7) Usate diversi elementi multimediali come corredo del vostro articolo

Esistono molti tipi di elementi multimediali da includere nel vostro articolo, come per esempio i pdf, gli audio, i video e le iconografie.Qual’è lo scopo di questi elementi multimediali in un testo ?Questi componenti aiutano il lettore a concentrarsi e a prendersi delle pause durante la lettura. Questo modo di agire aumenta il tempo di permanenza sulla pagina e sul vostro sito web, riducendo la frequenza di rimbalzo e migliorando il posizionamento della pagina web e del sito web. Inoltre, le immagini che avete proposto saranno usate dal motore di ricerca per la ricerca per immagini. Non sottovalutate mai questa ricerca. Molte persone sfruttano questo modo di ricerca offerto dal motore di ricerca per acquistare beni o servizi.

8) Inserite sempre i tag Alt alle immagini

Non dimenticate mai di dare un titolo e un testo alternativo (tag Alt) per le immagini inserite nei vostri articoli. Durante la scansione della vostra pagina da parte dei motori di ricerca, l’algoritmo dello stesso valuta anche la coerenza delle immagini che avete inserito nell’articolo.

9) Controllare sempre la densità della parola chiave presente nel vostro articolo

Non superare mai il 2 % o 3 % di densità delle keyword altrimenti l’algoritmo del motore di ricerca le considererà soltanto spam. Non dimenticare mai di scrivere contenuti di qualità e originali, insieme alla leggibilità del testo. La parola chiave e’ posizionata all’inizio, nella parte centrale e nella parte finale dell’articolo.Se possibile usare anche dei sinonimi della parola chiave da inserire in altri punti dell’articolo.Inoltre, ci sono motori di ricerca che indicizzano le pagine basandosi sui sinonimi presenti nel testo.

10) Adoperare indirizzi url seo friendly

In ogni vostro articolo usate dei link url seo in cui compare la vostra parola chiave. Questo modo di agire aiuta i motori di ricerca a ottimizzare la catalogazione dei contenuti presenti nel tuo sito web. Tutto ciò consente a tutti gli utenti di raggiungere con più facilità le pagine presenti nel sito.h

Un accenno sui microfromati e i microdati

I consigli precedenti sono molto importanti ma ricordate che il contenuto deve piacere ai motori di ricerca, come Google, Bing o Yandex se si lavora con la Russia.. Oggi è di estrema importanza usare i microdati ed i microformati per avere una maggiore comunicazione con i motori di ricerca.Ma cosa sono ?Questi oggetti molto importanti per i motori di ricerca danno informazioni ulteriori sul contenuto della pagina web migliorandone l’ottimizzazione e la fruibilità della pagina da parte degli utenti. Sono argomenti non molto complessi ma che per maggiore chiarezza saranno trattati in altro articolo. L’importante che iniziate a chiedervi cosa sono e cosa servono, è il primo passo per comprenderli è usarli al meglio presso i motori di ricerca.Dai consigli che avete appreso in questo articolo, ottimizzare un sito web per i motori di ricerca non è poi cosi difficile ma ci vuole molto impegno e costanza. Iniziate da questi consigli e migliorerete piano piano.

photo of andrea barbieri

 

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giusepp Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,