Page Rank

« Back to Glossary Index
page rank per scalare Google

Che cosa e’ il Page Rank ?

Il PageRank (PR) è uno degli algoritmi di Google che determina l’importanza relativa di una pagina nel World Wide Web. Lo fa osservando la quantità e la qualità delle altre pagine che la linkano e assegnandole un valore in base a questi backlink.

I cofondatori di Google Sergey Brin e Larry Page hanno ideato il PageRank nel 1997, nell’ambito di un progetto di ricerca dell’Università di Stanford. Da allora, è diventato una parte fondamentale dell’algoritmo di Google, alla base del Google che conosciamo oggi.

Inizialmente, esisteva una formula chiara per calcolare il PageRank:

PR(A) = (1-d) + d (PR(T1)/C(T1) + … + PR(Tn)/C(Tn))

con

  • T1… TN è la classifica delle pagine rispetto alla pagina A.
  • d è un fattore di smorzamento.
  • C(A) è il numero di link in uscita dalla pagina A.

Anche se può sembrare complicato, conoscere il PageRank di una pagina era facile in passato, poiché Google ha incluso un misuratore di PageRank nella Toolbar lanciata nel 2000. Nel corso degli anni, Google ha reso possibile il calcolo del punteggio anche a strumenti di terze parti.

Con l’aumento della popolarità della metrica, è cresciuto anche l’abuso da parte dei SEO (per saperne di più) e, dopo anni di discussioni sul valore della condivisione del PageRank, nel 2016 Google ha smesso di aggiornare pubblicamente il PR e lo ha rimosso dalla sua Toolbar.

Tuttavia, Google sostiene di utilizzare ancora oggi il PageRank come parte del suo algoritmo. Lo studio di Ahrefs sull’importanza dei backlink come fattore di ranking sembra confermare la loro affermazione, ma sospettano che l’attuale formula del PageRank sia cambiata parecchio dalla sua creazione.

UR e DR

UR è l’acronimo di URL Rating. Indica la forza del profilo di link di una singola pagina su una scala da 0 a 100. Più alto è il punteggio, più forte è il profilo di collegamento.

DR è l’acronimo di Domain Rating. Indica quanto è forte il profilo di backlink di un intero sito web su una scala da 0 a 100.

Il problema del PageRank

Uno dei motivi principali per cui Google ha smesso di mostrare il PageRank è l’afflusso di link spam che ha causato. Poiché era l’unica metrica di ranking disponibile pubblicamente, i webmaster, i SEO e altri marketer facevano di tutto per aumentare il PR delle pagine dei loro clienti.

Questo includeva molte attività di Black Hat SEO, come l’uso di PBN e l’acquisto di link.

Se il PageRank doveva misurare la qualità di un sito in base ai link ricevuti, la visibilità della metrica l’ha resa meno efficace e la link building è diventata una pratica sempre più losca.

La compravendita di link è ancora oggi un grande business e il web è pieno di post “how-to” sulla link building. Ogni volta che Google fa un passo per limitare l’influenza dei link innaturali, i SEO vanno alla ricerca di soluzioni.

Questo gioco probabilmente non finirà mai, ma con ogni aggiornamento la costruzione di link innaturali sembra diventare meno efficace, l’acquisto di link più rischioso e il guadagno di link attraverso il networking e la creazione di contenuti di valore più riconosciuto come la strada da seguire.

Le migliori pratiche SEO per mantenere e migliorare il PageRank

L’influenza dei backlink non si ferma quando raggiungono una pagina del sito. Se la vostra pagina A si collega alla vostra pagina B, una parte del link juice che la pagina A riceve dai link esterni viene trasferita alla pagina B.

Questo significa che non dovete pensare solo a raccogliere backlink, ma anche a come organizzare i vostri link internamente.

Collegati dalle pagine più forti del vostro sito web (come la homepage) alle pagine a cui volete dare una spinta in più. Sebbene non possiate sempre controllare il modo in cui un altro sito vi rimanda, avete il pieno controllo sui link interni che create. Questo include la posizione e l’anchor text utilizzato.

Se hai backlink che vanno a pagine 404 (“morte”), stai sprecando il loro link juice. Reindirizza queste pagine 404 a un’altra pagina pertinente del sito web. Non avete una pagina rilevante a cui reindirizzarla? Prendete in considerazione l’idea di reindirizzarle alla homepage per mantenere il succo di link in circolo.

Quando si creano backlink, è bene privilegiare la qualità rispetto alla quantità. Ciò significa non solo creare link da pagine che hanno un PR elevato, ma anche tenere in considerazione:

  • la qualità complessiva del sito che ti collega
  • se il contenuto della pagina che ti linka è pertinente a quello della tua pagina.

Google è molto più intelligente di un tempo e tiene conto della rilevanza più di quanto non facesse in passato.

Le nostre attività di Posizionamento SEO

Faq

Google utilizza ancora il PageRank?

Google sostiene di utilizzare ancora il PageRank come parte del suo algoritmo, anche se è cambiato da quando è stato creato nel 1997.

No, i link con l’attributo nofollow non trasmettono PageRank.

No. Il PageRank di una pagina è determinato dai link che arrivano alla pagina stessa. I link verso altre pagine non riducono il PageRank di una pagina.

« Torna all'indice del glossario
Ottimizzato da Optimole