Crea sito

Ciao sono Andrea Barbieri e con il mio studio miglioro la comunicazione delle aziende nel mondo. Attraverso la progettazione di siti web, localizzazione sito web, Web Marketing, Copywriting e traduzioni professionali dei loro prodotti o servizi. Non siamo una agenzia web o un’agenzia di traduzione ma uno studio che ha come punto di riferimento il cliente e le sue idee. Da sviluppare insieme per centrare nel minor tempo possibile gli obbiettivi aziendali.

barbieri andrea

Da dove ha origine la lingua inglese?

Da dove ha origine la lingua inglese: la sua storia

La lingua inglese ha una storia linguistica più interessante degli ultimi 500-600. Nella sua storia linguistica è stata in grado di abbracciare le più importanti materie dello scibile umano come per esempio, la medicina, ingegneria e le materie finanziarie. La lingua inglese, si può definire a pieno titolo la lingua delle professioni. Ma quali sono le radici dell’attuale lingua inglese?

Da dove ha origine la lingua inglese

Per capire le radici della lingua è necessario andare indietro nel tempo. Infatti, l’inglese che oggi usiamo deriva da tre periodi storici:

  • Inglese antico o anglosassone,
  • Inglese medioevale,
  • inglese moderno.

Questa suddivisione consente subito di capire l’evoluzione della lingua negli anni. È una mutazione non solo di struttura grammaticale ma di parole e di fonetica.

Questo è quello che accade un po’ in tutte le altre lingue. Vocaboli che un tempo erano di uso comune perché usati in un determinato contesto storico. Nell’evoluzione sono stati rimpiazzati da altri vocaboli che abbracciano un concetto semantico completamente diverso.

 Il primo periodo è detto inglese antico o anglosassone. Questo periodo è definito dalla lingua germanica. Infatti, in quel periodo molte tribù iniziarono a migrare nelle isole britanniche dalla Germania; verso il quinto secolo avanti Cristo. L’inglese li usiamo tutti i giorni, possiede poche relazioni con l’inglese antico come per esempio, him, he ed i loro derivati. Mentre la costruzione tattica della frase ed il lessico più complesso necessitano di un’attenzione maggiore.

Il secondo periodo è detto inglese medievale. Questo periodo è stato chiamato così perché le regole del periodo anglosassone sono state frantumate e contaminate dalle influenze di altri popoli:

  • le invasioni vichinghe,
  • la conquista normanna (1066),
  • il latino, che era la lingua usata dall’zero.

Nell’inglese medievale si nota una grande influenza della lingua romanza presente nel continente europeo. In una modificazione del suono della lingua.

Il terzo periodo storico è descritto dall’inglese moderno. Questo tipo di inglese inizia ad essere utilizzato largamente all’inizio del XVI secolo fino ad arrivare ai giorni nostri. Questo periodo storico viene anche definito “il grande spostamento vocalico” che grazie all’invenzione della stampa e allo sviluppo di nuove tecnologie in per la comunicazione (carta, fino ad arrivare alla radio), ha consentito di allungare il marcare i suoni delle vocali fino a condurre alla standardizzazione nella lingua parlata.

Nello studio della lingua inglese gli italiani hanno grande delle difficoltà. Infatti, per loro è molto semplice imparare lo spagnolo perché è più familiare sia dal punto di vista turistico linguistica questo si spiega perché gli italiani lo spagnolo sono definiti delle lingue romanze. E sia l’una nell’altra condividono con il francese, il portoghese e il romeno la lingua latina.

L’inglese si comporta in maniera totalmente differente alle altre lingue romanze. Infatti, anche se presenta termini molto simili a francese il latino usa regole grammaticali, sintattiche fonetiche molto lontane dalla lingua italiana questo accade perché non appartiene alla famiglia delle lingue romanze. Inoltre, nei suoi periodi storici non si annovera la lingua latina.

Adesso andiamo a ritroso nel tempo per conoscere i popoli che hanno dato origine a questa lingua.

Gli antenati della lingua inglese

La lingua inglese si è evoluta con generazioni di oratori. Che hanno mutato l’aspetto ed il suo suono. E ci ha permesso di risalire alla lingua che ha generato l’inglese, che tutti noi oggi usiamo. Inoltre, ci consente di conoscere di più sui popoli che hanno abitato le isole britanniche. E a capire le ragioni dell’evoluzione della lingua.

Non sappiamo molto delle prime tribù che hanno colonizzato le isole britanniche. Iniziamo a sapere qualcosa dalle invasioni dei Celti che arrivarono sulle coste dell’attuale Inghilterra verso l’ottavo secolo avanti Cristo. In questo periodo incominciamo ad avere delle testimonianze scritte più approfondita. Ma chi erano questi popoli?

Questi popoli si chiamano celti della Britannia o britanni. Erano delle erano delle popolazioni guerriere ed erano organizzate in tribù. Esse non raggiunsero mai un’unità politica. E per questo motivo la loro conquista da parte dell’impero romano fu molto facile.

La dominazione Normanna

Nel periodo della dominazione Latina, i celti sono stati protetti dai romani. La protezione romana era contro le invasioni delle tribù germaniche. Ma quando i romani abbandonarono l’isola, la popolazione celtica perse la protezione dell’impero romano contro le rappresaglie dei popoli germanici.

Infatti, tra il quinto e il sesto secolo dopo le degli Angli, Sassoni e Juti conquistarono l’isola. Queste popolazioni si stabilirono portando la loro cultura e i propri. E con il passare del tempo si fusero in una nuova lingua. La nuova lingua scaturita dalla fusione delle tre culture è chiamata lingua. Anglosassone. Questi popoli, furono gli unici colonizzatori dell’isola?

Tra il VII e XI secolo le isole britanniche ebbero un nuovo attore. I vichinghi scandinavi iniziarono la colonizzazione delle isole britanniche. Stabilirono il loro avamposti nei territori più a Nord dell’isola. Mentre nelle zone del sud di avamposti dei sassoni rimasero indipendente. L’Inghilterra era divisa in due sfere d’influenza. E lentamente le culture e le lingue di questi due popoli, entrambi di origine germanica cominciarono a fondersi nella fase storica chiamata Old English. Ma cosa accadde alla lingua dopo queste invasioni?

Successivamente a queste invasioni la lingua celtica si indebolì fortemente. Anche se rimase una lingua minoritaria nelle aree più isolate delle isole britanniche. Con la Cornovaglia, il Galles, la Scozia, l’Irlanda e l’isola di Mann. Queste sono le zone in cui viene, ancora oggi parlata in tutte le sue evoluzioni e delle varianti territoriali.

Ceppo Germanico

La lingua inglese durante i secoli ha avuto svariate influenze linguistiche. L’Anglosassone è l’antenato principale dell’inglese. Mentre la lingua latina ha avuto un’influenza minima nell’evoluzione del celtico. Ma com’è possibile che questa lingua presenta similitudini con il francese oppure con il latino?

Tutti questi termini sono entrati a far parte del vocabolario successivamente alla dominazione Normanna. Queste parole presi in prestito alle altre lingue, hanno permesso di sviluppare il dualismo tra il linguaggio alto e basso dell’inglese moderno. Ma chi erano i normanni?

I normanni erano dei conquistatori vichinghi. Essi si stabilirono in Francia nell’ultimo quarto del nono secolo e nell’arco temporale di due generazioni furono in grado di assimilare quasi completamente la lingua, la cultura e la religione dei Franchi. Tutto ciò ha portato a un avvenimento storico molto importante.

Nell’anno 1066 William the Conqueror guidò i normanni alla conquista dell’isola. Per gli anglosassoni non si rivelò soltanto un cambio politico, ma anche linguistico. Infatti, questa conquista portò una grande mole di parole francesi e la fine. Entrando prepotenza nel linguaggio e nella cultura Anglosassone. Dando vita ad una nuova lingua: Middle English. Adesso andremo a vedere l’origine dell’anglosassone.

Ceppo Germanico

Le parole di origine francese la fine sono soltanto dei prestiti e non fanno parte della struttura originale dell’Anglosassone. Questo dimostra ancora una volta che non è una lingua romanza e non deriva neanche dalla lingua latina. L’anglosassone, deriva dal ceppo germanico. E dalla famiglia di lingue della penisola scandinava e dell’Europa settentrionale.

Analizzare le parole che hanno un suono simile non è sufficiente per dimostrare la parentela di entrambe le lingue. Perché questi prestiti, come nel caso dei termini di derivazione normanna non ci consentono di dimostrare la loro parentela. Per confrontare le due lingue e comprendere che esiste una parente a è sufficiente studiare le strutture grammaticali, la sintassi o il vocabolario di base come pronomi, numeri o nomi dei familiari. Ma tutte queste osservazioni dove hanno portato?

Il processo di confronto tra le due lingue ha consentito agli induisti di individuare l’antenato dell’Anglosassone. L’antenato della lingua inglese è il Proto germanico. Una lingua che era parlata all’incirca 500 anni prima di Cristo. E di cui non abbiamo testimonianze scritte. Ci sono altre lingue appartenenti al ceppo germanico come il tedesco, l’olandese e il milanese. Anche queste lingue si sono evolute in base alle abitudini e alla geografia di popoli che provenivano da luoghi diversi. Eppure la lingua inglese ha in comune con l’italiano una caratteristica molto importante.

L’inglese e l’italiano sono delle lingue non molto diverse. Sicuramente hanno similitudini rispetto all’italiano ed il russo oppure l’italiano e il giapponese. Anche se, seguono una grammatica e una logica diversa nella strutturazione della frase, entrambe condividono degli elementi comuni fondamentali:

  • l’alfabeto,
  • la coniugazione verbale,
  • la declinazione nominale, anche se nella lingua inglese è molto più povera della lingua italiana.

Studiando più a fondo la lingua gli studiosi sono riusciti a trovare una parentela tra il germanico ed il latino. Applicando gli stessi principi di linguistica comparativa al germanico e al latino sono stati in grado di risalire ad una lingua ancora più antica, il Proto Indoeuropeo. Che tipo di linguaggio è piccoli sono le sue caratteristiche?

Questa lingua era parlata da 600 anni prima. Questo linguaggio era originario della steppa Pontica, una regione tra l’Ucraina e la Russia conseguentemente alle immigrazioni dei popoli che usavano questa lingua per comunicare, l’Indoeuropeo non si è diffuso soltanto in Europa ma anche nel Medio Oriente fino all’Asia meridionale. Questa lingua si è diffusa così velocemente che la quasi totalità di tutte le lingue del continente europeo deriva dal proto indo europeo. Mentre il proto germanico mantenne il carattere lesivo della lingua. Che a sua volta viene trasmesso all’Anglosassone e all’Old English mantenuto ancora oggi nel tedesco moderno. Ma cosa accadde durante gli anni alla lingua inglese?

Con il passare del tempo i casi e le coniugazioni dell’inglese sono andati perduti. Il motivo più probabile di questo mutamento è dovuto ad un insieme di invasioni che le isole britanniche hanno avuto. Infatti, sia i conquistatori che i colonizzatori stranieri hanno dovuto imparare la lingua già in età adulta. In un periodo storico in cui l’old English e l’anglosassone non erano lingue divulgate con la scrittura. Infatti, la drammatica la sintassi non aveva regole rigide come invece lo è per i giorni nostri. Allora come è composta la grammatica della lingua inglese?

La grammatica inglese è molto semplificata. Anche se possiede un vocabolario molto vasto. Questo vocabolario si è sviluppato grazie ad una miriade di nuove parole che venivano inserite a seguito delle diverse dominazioni.

Non condivideremo i tuoi dati con terze parti
photo of andrea barbieri
BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web
Piazza Giuseppe Mazzini, 46
Poggibonsi, Siena, 53036 Italia
+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

About Andrea Barbieri

Andrea Barbieri e’ il titolare dello studio BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web. Si occupa di traduzioni professionali, progettazione siti web WordPress, Joomla, Drupal, HTML/CSS, E-commerce, Localizzazione siti web, posizionamento sui motori di ricerca, programmazione per piattaforme web e per microcontrollori. Inoltre si occupa nella progettazione e sviluppo di landing page ed ottimizzazione di testi per landing page e siti web con l’uso del Copywriting. Effettua anche consulenza SEO in Italia e all’estero. Per parlare direttamente con lui clicca sulla casella delle email sotto questa biografia.











Leave a Comment