Come installare Ubuntu da USB su Windows 11: in 10 passaggi

Se l'hai trovato utile condividilo

Come installare Ubuntu da usb ? Ho preparato questa guida con tutti i passaggi necessari per installare Ubuntu su Windows 11. Ance in dual boot con Windows. E’ necessario acere una Ubuntu Live CD. È sufficiente masterizzare un CD o una chiavetta USB e puoi provare il sistema operativo di Canonical senza toccare la partizione in cui è installato Windows. Sono passati gli in cui Linus Torvalds nella sua camera progettava Linux. A quei tempi era tutto da riga di comando. Adesso c’è l’interfaccia grafica come in Windows. Perché non provare Ubuntu Linux ?

come installare ubuntu da usb

Come installare Ubuntu da USB su Windows 11: in 10 passaggi

Vuoi davvero sapere come installare Ubuntu da USB, sei sulla strada giusta per un’installazione senza problemi. L’installazione di Ubuntu da una chiavetta USB è un metodo sempre più popolare e conveniente per ottenere il tuo sistema operativo preferito sul tuo computer oppure per installare Ubuntu su Windows 11.

Per iniziare, avrai bisogno di una chiavetta USB vuota con almeno 4 GB di spazio disponibile. Assicurati che sia formattata correttamente in formato FAT32 o NTFS. Successivamente, dovrai scaricare l’immagine ISO di Ubuntu dal sito ufficiale. Scegli la versione corretta per il tuo sistema e scaricala sul tuo computer.

Una volta completato il download, avvia il programma Rufus o un altro software simile per creare una chiavetta USB avviabile. Seleziona l’immagine ISO di Ubuntu che hai appena scaricato e assicurati che la chiavetta USB sia selezionata come dispositivo di destinazione. Fai clic su “Start” o “Avvia” e attendi che il processo di creazione della chiavetta USB sia completato.

Ora sei pronto per l’installazione effettiva di Ubuntu dal dispositivo USB. Riavvia il tuo computer e accedi al BIOS o all’UEFI del sistema premendo un tasto specifico durante l’avvio (solitamente F2 o Del). Nelle impostazioni del BIOS/UEFI, seleziona la tua chiavetta USB come dispositivo di avvio primario.

Salva le modifiche e riavvia il computer nuovamente. Verrà avviato l’installer di Ubuntu dalla tua chiavetta USB. Segui le istruzioni visualizzate sullo schermo per selezionare la lingua, il fuso orario e altre preferenze di installazione. Potrai anche scegliere se installare Ubuntu accanto a un altro sistema operativo o sostituirlo completamente.

Una volta selezionate tutte le opzioni desiderate, avvia l’installazione effettiva di Ubuntu o per installare Ubuntu su Windows 11. Il processo richiederà qualche minuto e il tuo computer si riavvierà automaticamente una volta completato. A questo punto, potrai rimuovere la chiavetta USB e iniziare a utilizzare Ubuntu sul tuo computer.

Seguendo questi semplici passaggi, sarai in grado di installare Ubuntu da USB senza problemi. Goditi l’esperienza del sistema operativo open-source più popolare al mondo sul tuo computer!

Come Installare Ubuntu da usb: tutto quello che ti serve sapere

Come installare Ubuntu da usb ? Il numero di utenti che decide di abbandonare Windows preferendolo a Ubuntu Linux aumentano sempre di più. E non solo per riportare in vita vecchi computer. Ma usandolo anche per lavoro o svago. Ubuntu è la distribuzione Linux preferita perché è di facile installazione e inoltre è come se avessimo il vecchio Windows ma con una marcia in più.

Ha un’interfaccia utente chiara e semplice da usare. Inoltre, per installare un nuovo programma è sufficiente cercarlo nel Ubuntu Software Center e con un clic installarlo. Se vuoi sruttare al meglio un sistema operativo basato sul Kernel Linux ti consiglio di acquistare il manuale Linux in a Nutshell. Questo manuale spiega tutti i comandi che possono essere usati tramite terminale riducendo il tempo per effettuare le operazioni.

Se non sei pronto a lasciare Windows è possibile installare Ubuntu in dual boot. Questo significa che all’accensione del pc puoi scegliere il tipo di sistema operativo da avviare. Se non ti sei mai avvicinato al mondo Linux ti consiglio di far fare quest’operazione ad un tecnico.

Infatti, in fase d’installazione Ubuntu identifica il sistema operativo già presente sul disco, nel nostro caso Windows. Oppure ti chiede di creare delle partizioni personalizzate (solo per esperti) o di cancellare tutto il disco ed installare solo Ubuntu. Cerchiamo di conoscerlo meglio attraverso la sua installazione.

Come installare Ubuntu da usb: Prerequisiti di installazione

Come installare Ubuntu da usb ? Questi sono i requisiti minimi per poter far girare la distribuzione Ubuntu e per eseguire l’installazione Ubuntu da USB per installare Ubuntu su Windows 11:

  • un processore da almeno 2 Ghz, meglio se multicore,
  • almeno 2 GB di memoria Ram: il mio consiglio è di avere installata 8 GB di Ram per evitare blocchi del sistema operativo. Inoltre, questo quantitativo di memoria consente di usare più programmi. Soprattutto quando i usano i browser per navigare su Internet come Firefox, Chrome, Cromium e altri. Al di sotto di 8 GB non ha senso installare Ubuntu.
  • almeno 25 GB di spazio libero di disco,
  • connessione ad Internet.

se non si rispetta uno dei parametri sopra esposti è completamente inutile pensare usare ancora i tuoi computer con Ubuntu o installare Ubuntu su Windows 11. Ma bisogna valutare caso e caso. Naturalmente siamo molto lontani dai requisiti tecnici per far girare Windows 10. Posso affermare che Ubuntu girerà con fluidità i tutti i pc che avevano installato Windows 7 (ormai non più supportato da Microsoft) oppure per installare Ubuntu su Windows 11 come vedrai nel proseguo della guida..

Questo e’ un video Youtube di ExplainingComputers con Ubuntu 22.04.02 LTS (Long Term Support) nome in codice Jelly Fish che spiega le caratteristiche di questo nuova versione del sistema operativo di casa Canonical.

Ho scelto parlare della versione LTS perché offre tutti gli aggiornamenti delle versioni precedenti ed è la più stabile. Per un uso aziendale questa è la versione migliore da installare. Il su supporto è per 5 anni. Mentre per le versioni non LTS il supporto è solo per 9 mesi. Infatti, ogni 6 mesi Canonical sviluppa una versione di Ubuntu che ha nuovi aggiornamenti.

Ubuntu jelly fish per fa rivivere vecchi pc

Adesso ti mostro il consumo di memoria RAM del mio portatile solo con il Monitor di Sistema attivato:

ubuntu monitor di sistema

Come puoi vedere dall’immagine non arriviamo 1,8 GB di RAM e ci fermiamo 1,2 GB comunque consiglio avere almeno 8 GB di Ram per usare il pc con altri programmi ed evitando noiosi blocchi della macchina. Per di più, questo dipende anche dal tipo di macchina e da quanti anni ha. Infatti, prima di un’installazione è bene valutare il tipo di hardware e quanti anni ha il computer. Altrimenti si può valutare di comprare dei nuovi computer e di installarci Ubuntu. Risparmiando parecchi soldi di licenze.

Queste lo fotografie dell’installazione nel mio portatile:

Come installare Ubuntu su Windows 11 e altri PC

Come si installa Ubuntu da usb ? Per installare Ubuntu è sufficiente masterizzare l’immagine iso di Ubuntu in una chiavetta USB da almeno 8 GB vuota. Prima ancora di iniziare l’installazione è importante conoscere come arrivare al BIOS della scheda madre. I comandi per arrivare al BIOS dipendono dal costruttore della scheda madre. Di solito sono i tasti F1 e gli altri oppure il tasto F2. Nel caso del mio portatile ASUS il tasto per giungere al BIOS è F2; ma potrebbe non essere lo stesso per altri pc.

Sconsiglio ai non esperti di toccare qualsiasi configurazione del BIOS. Rivolgetevi solo a tecnici esperti in questo campo. Questi sono paragrafi che hanno lo scopo di far capire che è possibile installare Ubuntu nei più svariati pc desktop e portatili.

Preparazione chiavetta USB

Adesso si deve scegliere la versione di Ubuntu e per il tipo di piattaforma hardware 32 bit o 64 bit. Se hai un computer di 10 anni fa l’architettura è a 64 bit. Quando vai a scaricare l’ISO di Ubuntu scegli AMD 64 desktop. Adesso non resta che masterizzare l’ISO sulla chiavetta. Come fare ?

Al termine del download scarica il software Rufus disponibile per qualsiasi versione di Windows anche portable (senza bisogno di installazione). Ecco l’interfaccia del programma:

ubuntu linux rufus

Come installare Ubuntu su Windows 11

Ubuntu è una delle distribuzioni Linux più popolari ed è ampiamente utilizzata per vari scopi come lo sviluppo web, l’analisi dei dati e l’apprendimento automatico. Se siete utenti di Windows 11 e volete installare Ubuntu, potete farlo facilmente utilizzando il Windows Subsystem for Linux (WSL)che consente di installare Ubuntu su Windows 11. In questo paragrafo, vi guideremo attraverso il processo di installazione di Ubuntu su Windows 11, passo dopo passo.

Se stai cercando di installare Ubuntu da USB o vuoi installare Ubuntu su Windows 11, sei nel posto giusto! L’installazione di Ubuntu da una chiavetta USB è un metodo semplice e affidabile per ottenere il tuo sistema operativo preferito sul tuo computer. In questa guida, ti mostrerò passo dopo passo come installare Ubuntu da USB in modo rapido e senza problemi.

Prima di iniziare, assicurati di avere a disposizione una chiavetta USB con almeno 4 GB di spazio libero e l’immagine ISO di Ubuntu scaricata sul tuo computer. Una volta pronto, segui questi semplici passaggi. I passaggi principali sono riassunti in questa infografica.

installazione uubntu da usb

Condividete questa immagine sul tuo sito

1. Prerequisiti

Prima di iniziare, assicuratevi che il vostro sistema soddisfi i seguenti requisiti:

  • Una versione a 64 bit di Windows 11
  • Una connessione Internet attiva
  • Almeno 4GB di RAM
  • 15GB di memoria libera

2. Prepara la chiavetta USB:

Collega la tua chiavetta al computer e assicurati che non ci siano dati importanti su di essa, poiché verranno cancellati durante il processo di installazione.

3. Formatta la chiavetta USB:

Apri il programma “Dischi” sul tuo computer e seleziona la tua chiavetta dalla lista dei dispositivi. Clicca su “Format” e scegli il formato “FAT32”. Assicurati anche che l’opzione “Avvia creazione disco avviabile” sia selezionata.

4. Carica l’immagine ISO

Apri il programma “Creatore dischi d’avvio” sul tuo computer e seleziona l’immagine ISO di Ubuntu che hai precedentemente scaricato. Seleziona anche la tua chiavetta USB come dispositivo target per l’installazione per installare Ubuntu su Windows 11 o altri pc.

5. Avvia l’installazione

Riavvia il tuo computer e accedi al BIOS o all’impostazione del boot menu (solitamente premendo F2 o F12 durante l’avvio). Assicurati che la tua chiavetta USB sia impostata come dispositivo di avvio prioritario e salva le modifiche.

6. Segui l’installazione guidata

Il tuo computer si avvierà da USB e verrai guidato attraverso il processo di installazione di Ubuntu. Segui le istruzioni sullo schermo, inclusa la scelta della lingua, la configurazione delle partizioni del disco e la creazione dell’account utente.

7. Completa l’installazione

Una volta completata l’installazione, riavvia il tuo computer e rimuovi la chiavetta USB. Ora sarai pronto per utilizzare Ubuntu sul tuo sistema!

Seguendo questi semplici passaggi, potrai installare Ubuntu da USB senza problemi e godere di un sistema operativo affidabile e potente. Buona fortuna nella tua installazione!

8. Abilitazione del sottosistema Windows per Linux

Il primo passo consiste nell’abilitare la funzione Windows Subsystem for Linux sul sistema Windows 11. A tale scopo, procedere come segue:

  1. Aprite il menu Start e cercate “Funzioni di Windows”.
  2. Selezionate “Attiva o disattiva le funzioni di Windows” dai risultati della ricerca.
  3. Scorrete verso il basso e individuate “Sottosistema Windows per Linux”.
  4. Selezionate la casella accanto e fate clic su “OK”.
  5. Riavviare il computer quando viene richiesto.

9. Installare Ubuntu su Windows 11

Dopo aver abilitato la funzione Windows Subsystem for Linux, è possibile installare Ubuntu sul sistema Windows 11 seguendo i seguenti passaggi:

  1. Aprite il Microsoft Store e cercate “Ubuntu”.
  2. Selezionate “Ubuntu” dai risultati della ricerca e fate clic su “Ottieni”.
  3. Una volta completata l’installazione, avviate Ubuntu dal menu Start.
  4. Al primo avvio, Ubuntu richiederà un po’ di tempo per essere configurato. Attendete il completamento dell’installazione.
  5. Al termine dell’installazione, verrà richiesto di creare un nuovo account utente e una nuova password. Seguite le istruzioni sullo schermo per completare la configurazione.

Congratulazioni! Sei riuscito a installare Ubuntu su Windows 11 è stata completata con successo.

10. Utilizzo di Ubuntu su Windows 11

Ora che avete installato Ubuntu sul vostro sistema Windows 11, potete usarlo per eseguire comandi e applicazioni Linux. Per avviare Ubuntu, basta aprire il menu Start e selezionare “Ubuntu”.

È anche possibile utilizzare il Terminale di Windows per avviare Ubuntu. Per farlo, seguite i seguenti passaggi:

  • Aprite il menu Start e cercate “Terminale Windows”.
  • Selezionate “Terminale Windows” dai risultati della ricerca.
  • Nel Terminale di Windows, fate clic sulla freccia verso il basso accanto al segno “+” e selezionate “Ubuntu”.
  • Ubuntu verrà avviato in una nuova scheda del Terminale di Windows.

Come eseguire il dual-boot di Windows 11 e Linux sul PC

Se vuoi usare Windows 11 e Linux sullo stesso computer, la soluzione migliore è il dual boot. Ecco come configurare il PC. Windows 11 è ora disponibile per tutti i tipi di PC e contiene molti miglioramenti rispetto alle versioni precedenti. C’è un nuovo linguaggio di design molto più bello, l’integrazione di Teams, un pannello di widget e, con l’aggiornamento alla versione 22H2 di Windows 11, ci sono ancora più miglioramenti, come nuovi gesti touch, un Task Manager modernizzato e così via.

Ma per quanto buono possa essere, Windows 11 non è per tutti. E se preferite Linux o ne avete bisogno per determinate attività? In questa guida vi mostreremo come configurare il vostro PC in modo da poter effettuare il dual-boot con Linux o Windows 11 ogni volta che lo desiderate.

Per questa guida, supponiamo che hai già installato Windows sul vostro PC, poiché questo è il caso della maggior parte delle persone. Seguiremo i passi necessari per creare una partizione e installarvi Linux in dual-boot.

Per seguire questa guida, è necessario avere un PC con Windows 11 (anche se gli stessi passaggi funzionano anche con Windows 10), una chiavetta USB (da 8 GB o più) per il supporto di installazione e un altro metodo di archiviazione esterno per eseguire il backup dei dati nel caso in cui qualcosa vada storto.

Preparazione al dual-boot di Linux

Prima di fare qualsiasi altra cosa, c’è qualcosa di cui dovete essere consapevoli. I moderni computer Windows sono dotati di una funzione chiamata Secure Boot, che ha lo scopo di migliorare la sicurezza del dispositivo impedendo al software dannoso di caricarsi sul PC.

Tuttavia, il Secure Boot può causare problemi con molte distribuzioni Linux che non supportano questa funzione. In questa guida utilizziamo Ubuntu, che supporta Secure Boot, quindi non dovreste preoccuparvi. Tuttavia, questo non è il caso di molte distribuzioni. Ciò significa che dovete disabilitare il Secure Boot se volete usare Linux sul vostro PC, e questo può essere un rischio significativo per la sicurezza.

Per disabilitare il Secure Boot, è necessario seguire i seguenti passaggi:

  1. Aprite il menu Start e aprite il menu di alimentazione nell’angolo in basso a destra. Tenete premuto Shift sulla tastiera e fate clic su Riavvia. Verrà visualizzata una schermata blu dall’aspetto simile a questo.
windows recovery environment troubleshoot
  1. Qui, scegliere Risoluzione dei problemi, seguito da Opzioni avanzate.
  2. Selezionare Impostazioni firmware UEFI.
windows recovery environment uefi firmware settings1
  1. In questo modo si accede alle impostazioni del BIOS del PC, dove è possibile disattivare il Secure Boot. Ogni BIOS è un po’ diverso, per cui è necessario dare un’occhiata in giro. Nel portatile HP che stiamo usando, è possibile navigare nella scheda Configurazione del sistema in alto e trovare l’opzione Secure Boot. Per impostazione predefinita, è impostata su Enabled e si desidera cambiarla in Disabled.

Salvare le modifiche e riavviare il computer per seguire il resto della procedura.

Creare un supporto di installazione di Linux

Se il PC è pronto per l’avvio di Linux, è necessario disporre di una chiavetta USB da cui installare Linux. Per trasformare la chiavetta in un supporto di installazione, tutto ciò che contiene verrà cancellato, quindi assicuratevi di aver fatto un backup di tutto ciò che potrebbe servirvi.

  1. Trovate e scaricate la distribuzione Linux (distro) che volete usare. Ce ne sono molte in circolazione, ma per questa guida useremo Ubuntu. La maggior parte dei passaggi dovrebbe essere simile se si utilizzano altre distribuzioni, quindi non c’è da preoccuparsi. Una volta completato il download, dovreste avere un file con estensione ISO.
  2. Successivamente, avrete bisogno di uno strumento che crei unità USB avviabili dai file ISO. A questo scopo potete scaricare Rufus.
  3. Eseguite Rufus e inserite la chiavetta che volete usare come supporto di installazione. Quindi, fare clic su Seleziona e scegliere il file ISO scaricato. Tutte le opzioni verranno compilate automaticamente.
rufus create ubuntu boot drive

Fate clic su Start, quindi su OK nel prompt visualizzato. Lasciate che il processo faccia il suo corso e avrete creato un supporto di installazione per Linux.

Creare una partizione per il dual-boot di Linux

Successivamente, è necessario creare una seconda partizione sul disco per Linux. Le partizioni sono come divisioni virtuali di un disco rigido che sono contrassegnate come dischi diversi. Per l’uso generale, le partizioni non hanno un grande scopo, ma sono necessarie per il dual-boot. Ecco come crearne una.

In questo articolo vi abbiamo mostrato come installare Ubuntu su Windows 11 utilizzando il sottosistema Windows per Linux. Con Ubuntu installato, è possibile eseguire i comandi e le applicazioni Linux sul sistema Windows 11. Speriamo che questa guida vi sia stata utile. Se avete domande o commenti, non esitate a lasciarli qui sotto.

disk management default
  1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla partizione principale (dovrebbe essere quella etichettata come C:) e scegliere Riduci volume…
  2. Specificare la quantità di spazio che si desidera rimuovere dalla partizione. La quantità di spazio sarà limitata dai file già presenti nella partizione e la quantità immessa corrisponderà allo spazio disponibile per l’installazione di Linux.

Attenzione

Per funzionare correttamente, sono necessarie almeno un paio di dozzine di gigabyte (moltiplicare per 1024 per i MB), ma si può arrivare fino a un massimo di spazio. Assicuratevi solo di avere spazio sufficiente su entrambe le partizioni di Windows e Linux.

  1. Lo spazio scelto verrà detratto dalla partizione e sarà elencato come spazio non allocato nella finestra Gestione disco. È possibile lasciarlo così com’è e chiudere la finestra.
disk management unallocated space 1
  1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’icona del menu Start (o premere il tasto Windows + X sulla tastiera) e scegliere Gestione disco. Verrà visualizzato un elenco di unità e partizioni che dovrebbe avere un aspetto simile a questo.

Installazione di Linux in dual-boot con Windows 11

Ora che avete i due pezzi principali del puzzle, siete pronti a installare Linux sulla vostra partizione vuota. Se avete rimosso il supporto di installazione USB dal PC, inseritelo di nuovo (rimuovete le altre unità flash), quindi seguite questi passaggi:

  1. Aprire il menu Start, quindi fare clic sul pulsante di accensione e, tenendo premuto Shift sulla tastiera, fare clic su Riavvia.
    • In alternativa, aprite l’app Impostazioni e andate su Sistema, quindi scegliete Ripristino e poi Riavvia ora accanto a Avvio avanzato.
  2. Verrà visualizzata una serie di opzioni di avvio. Fate clic su Usa un dispositivo, quindi scegliete la chiavetta USB inserita e il PC si avvierà da essa.
windows recovery environment boot device
  1. A questo punto si aprirà il menu di avvio di Ubuntu. Premete Invio per avviare Ubuntu.
  2. Ubuntu e altri sistemi operativi Linux consentono di provare l’avvio dall’unità USB senza installarla. Per installare Linux sulla partizione vuota, fare clic su Installa Ubuntu.
ubuntu installer launch
  1. Seguite l’esperienza di configurazione scegliendo il layout della tastiera e collegandovi al Wi-Fi (opzionale). Scegliete le opzioni che preferite fino ad arrivare a questa pagina.
install ubuntu alongside windows
  1. In questo caso, si consiglia di scegliere la prima opzione predefinita, almeno se si desidera il modo più semplice di fare le cose. Questo installerà Ubuntu sullo spazio non allocato creato in precedenza, lasciando intatta l’installazione di Windows.
  2. Da qui in poi, si tratta per lo più di cose banali. Scegliete la regione e impostate il vostro profilo Ubuntu e l’installazione avrà inizio. Una volta terminata, sarete in grado di avviare Ubuntu senza la chiavetta USB.

Passaggio da Windows 11 a Linux

Una volta installato Linux sul PC, si dovrebbe avere la possibilità di avviarlo subito, ma ciò potrebbe non accadere. Se la partizione di Windows è impostata come prioritaria nelle impostazioni del BIOS, è possibile che l’avvio avvenga costantemente in Windows. Il comportamento varia a seconda del computer, quindi potrebbe non essere necessario intervenire.

Tuttavia, se vi ritrovate bloccati in Windows 11, ecco cosa potete fare:

  1. Aprite l’app Impostazioni, quindi fate clic su Ripristino > Riavvia ora accanto a Avvio avanzato.
  2. Fate clic su Risoluzione dei problemi e poi su Opzioni avanzate.
  3. Qui, scegliere Impostazioni firmware UEFI.
  4. Potrebbe essere necessario premere uno dei tasti funzione per aprire il setup del BIOS. Una volta arrivati a questo punto, il processo varia a seconda del PC in uso. Stiamo cercando le opzioni relative all’avvio. Sul portatile HP che stiamo usando, le opzioni di avvio si trovano nella scheda Configurazione del sistema.
  5. Trovate un’opzione relativa all’ordine di avvio (UEFI Boot Order, nel nostro esempio) e assicuratevi che l’unità Linux sia sopra l’unità Windows. Nel nostro esempio, dobbiamo selezionare l’opzione OS Boot Manager, quindi utilizzare i tasti F5/F6 per spostare Ubuntu in cima. Anche in questo caso, la procedura può variare a seconda del portatile, ma lo stesso principio dovrebbe valere per qualsiasi dispositivo.
ubuntu first boot order
  1. Uscire e salvare le modifiche. Dopo il riavvio, dovrebbe apparire il menu di avvio di Linux, che consente di proseguire con la distribuzione Linux o di avviare Windows. Questo menu viene visualizzato ogni volta che si riavvia il computer, in modo da poter scegliere sempre l’opzione di avvio preferita.
ubuntu boot manager

Ecco come è possibile eseguire il dual-boot di Windows 11 e Linux fianco a fianco. Il dual-boot non è una soluzione perfettamente elegante, ma è il modo migliore per avere due sistemi operativi che si intende utilizzare regolarmente.

Tenete presente che potrebbe essere necessario trovare un modo per trasferire i file tra i due sistemi operativi, ad esempio utilizzando un’unità flash o un cloud storage. Non è sempre possibile accedere ai file sull’unità di avvio di un altro sistema operativo, quindi potrebbe essere necessario un workaround.

Se si desidera tornare a utilizzare solo Windows 11, è sempre possibile utilizzare Gestione disco per eliminare la partizione creata ed espandere la partizione principale per occupare tutto lo spazio. Altrimenti, è possibile utilizzare GParted su Linux per eliminare la partizione di Windows. In ogni caso, assicuratevi di eseguire un backup dei dati prima di farlo.

Perché scegliere l’installazione Ubuntu da usb rispetto a Windows

Motivazione 1: il costo della copia di Windows

Una copia originale del sistema operativo Windows costa in media dai 250 € fino ai 500 € a copia; il costo dipende anche dal tipo di versione. Immagina un’azienda, che ha un parco pc non del tutto nuovo e deve spendere migliaia di euro per nuovi pc ed una licenza per ogni macchina. Mentre Ubuntu essendo totalmente gratuita consente di risparmiare. Inoltre, è possibile utilizzarlo con computer con 3 o 4 anni di attività o più.

Ubuntu è sviluppato da un team di volontari che lavorano per Canonical CanonicalCanonica fondata da Mark Shuttleworth ed è l’azienda che supporta questa distribuzione Linux.

Motivazione 2: Ubuntu è più sicuro

Come tutte le distribuzioni Linux, anche Ubuntu difficilmente può essere attaccato da virus. Questo perché i sistemi operativi Linux non consento ai virus informatici di entrare nei file di sistema. Infatti, se abbiamo bisogno di modificare i file di sistema è necessario inserire la password di amministratore. I virus non conoscendo la password ottengono solo un accesso negato.

Motivazione 3: Ubuntu è la distribuzione che per te

Se non sai quale distribuzione Linux scegliere con Ubuntu vai sul sicuro. Infatti, come ho già detto, dietro ad Ubuntu c’è una grande azienda Canonical. Essa offre un grande supporto e verificherà sempre l’andamento dello sviluppo di questo sistema operativo (vedi www.canonical.co e www.ubuntu.com) . E che cosa accade se Canonical fallisce ?

No c’è da preoccuparsi perché esiste la Fondazione Ubuntu che detiene 10 milioni di dollari di fondo per mantenere lo sviluppo del sistema operativo. Ma non finisce qui ?

Ubuntu ha una vasta ed attiva comunità che si occupa di risolvere il maggior numero possibile di problemi riscontrati sul sistema operativo vedi www.ubuntuforums.org o www.askubuntu.com. Molte persone, ogni giorno, da tutto il pianeta segnalano bug per la correzione. Tutto ciò aiuta gli utenti e gli sviluppatori di Ubuntu a portare avanti il progetto senza tanti problemi.

Motivazione 4: Ubuntu è facile da usare

Ubuntu è stato pensato con una priorità: deve essere facile da usare. Infatti, uno dei suoi motti è “Linux per essere umani”. Uno dei fattori più importanti che ha decr+etato il successo di Ubuntu è la facilità di installazione. E cosa che non guasta per i neofiti è il suo funzionamento senza aver bisogno di conoscenze tecniche. Cosa che non avviene per esempio per altri distribuzioni come Debian (Ubuntu è una sua derivata), Gentoo Linux o Arch Linux per esempio.

Inoltre, la scelta delle applicazioni installate di default sono soddisfacente e si integrano bene nel sistema operativo. Ubuntu aiuta l’utente a installare driver proprietario qualora fosse necessario per il buon funzionamento del computer.

Motivazione 5: Ubuntu è una referenza

Ho iniziato a conoscere le distro Linux attraverso Ubuntu, per poi passare a Debian e Gentoo Linux. Ma questo on significa che Ubuntu sia una distribuzione poco potente o che viene usata soltanto dai neofiti.

Ubuntu è oramai una grande realtà anche nelle grazi aziende. Oppure per gli sviluppatori che hanno intenzione di rendere un loro software disponibile GNU/Linux e hanno come priorità di rendere compatibile il loro lavoro prima con un Ubuntu. Invece, che con altre distribuzioni Linux.

Questi sono risultati molto importanti che Ubuntu ha raggiunto in anni. Infatti, è un punto di riferimento all’interno dei sistemi GNU/Linux.

Qualche volta può sembrare che i software liberi sono molto caotici. Infatti, ognuno può fare quello che vuole. Questo è anche il bello e la filosofia GNU/Linux.

Motivazione 6: Facilità di installazione

Con pochi clic, tutti possono avere il sistema operativo Ubuntu sul proprio computer.

Motivazione 7: Lentezza del sistema operativo Windows

Windows ha la caratteristica di diventare lento giorno dopo giorno. E questo avviene anche nella disinstallazione dei programmi. Mentre Ubuntu sarà veloce come quando è stato installato.

Motivazione 8: Nessun riavvio dopo gli aggiornamenti

Ogni volta che ci sono aggiornamenti oppure si installano programmi di un certo rilievo è necessario riavviare Windows. E dopo ogni aggiornamento Windows ci ricorda di riavviare il sistema. E molto spesso si riavvia da solo cancellando il nostro lavoro che non era stato ancora salvato.

Con Ubuntu questo non accade. L’unico riavvio necessario è quando c’è l’aggiornamento del kernel Linux, nell’istallazione driver per la scheda grafica oppure l’aggiornamento di versione di Ubuntu. Ma di rado dovrai riavviare il sistema e solo nei casi sopra esposti.

Motivazione 9: Quanto ti ha fatto dannare Windows con i suoi bug di sistema ?

Sicuramente molto. Ci sono passato tante volte anche io. E molto spesso non può agir sui file di sistema essere un programma a codice chiuso. Mentre Ubuntu essendo un sistema open source sarà sempre possibili sui file di sistema. Inoltre, è sempre possibile esporre un problema agli sviluppatori della comunità. E troveranno sicuramente la soluzione al problema nel più breve tempo possibile.

Motivazione 10: E’ possibile installare Ubuntu anche su computer più datati

Le nuove versioni di Windows hanno bisogno sempre di più di risorse sia dal punto di vista della Ram, CPU e scheda grafica. Invece, è possibile installare e far funzionare senza problemi Ubuntu anche in macchine più datate. Sicuramente non avrai la macchina

Come installare Ubuntu da usb: conclusione

Se sei interessato a installare Ubuntu da USB, sei sulla strada giusta per un’installazione senza problemi. L’installazione di Ubuntu da una chiavetta USB è un modo conveniente e veloce per ottenere il tuo sistema operativo preferito sul tuo computer.

Per iniziare, avrai bisogno di una chiavetta USB vuota con almeno 4 GB di spazio disponibile. Assicurati anche di avere accesso a un altro computer con connessione Internet per scaricare l’immagine ISO di Ubuntu.

Il primo passo è scaricare l’immagine ISO di Ubuntu dal sito ufficiale. Assicurati di selezionare la versione corretta in base alle tue esigenze e al tuo hardware. Una volta completato il download, sarai pronto per creare la tua chiavetta USB avviabile.

Per creare una chiavetta USB avviabile, avrai bisogno di uno strumento come Rufus (disponibile gratuitamente online) o UNetbootin. Connetti la tua chiavetta USB al computer e apri lo strumento scelto. Seleziona l’immagine ISO che hai appena scaricato e scegli la tua chiavetta USB come dispositivo di destinazione.

Una volta che il processo di creazione della chiavetta USB è completo, riavvia il tuo computer e accedi al BIOS o all’UEFI del sistema. Assicurati che la tua chiavetta USB sia impostata come dispositivo di avvio primario.

Dopo aver confermato le impostazioni del BIOS/UEFI, salva le modifiche e riavvia nuovamente il computer. Verrai guidato attraverso il processo guidato dell’installazione di Ubuntu. Segui attentamente le istruzioni sullo schermo e seleziona le opzioni di installazione che meglio si adattano alle tue preferenze.

Durante l’installazione, potrai scegliere di mantenere il tuo sistema operativo esistente o sostituirlo completamente con Ubuntu. Assicurati di fare una scelta informata in base alle tue esigenze.

Una volta completata l’installazione, riavvia il computer e rimuovi la chiavetta USB. Ora dovresti essere pronto per goderti il tuo nuovo sistema operativo Ubuntu.

Seguendo questi semplici passaggi, sarai in grado di installare Ubuntu da USB senza problemi e iniziare a sfruttare tutte le fantastiche funzionalità offerte da questo sistema operativo open-source. Buona fortuna!

Se l'hai trovato utile condividilo
Andrea Barbieri
Andrea Barbieri

Andrea Barbieri il consulente per la tua crescita online

Andrea Barbieri è il fondatore e proprietario di BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web, un’azienda situata a Poggibonsi specializzata nella divulgazione della SEO di qualità e nella realizzazione di siti web professionali. Con una passione inarrestabile per il mondo digitale, Andrea ha dedicato la sua carriera a fornire servizi di consulenza SEO, sviluppo web e consulenze linguistiche per aziende che mirano a crescere e affermarsi online.

Un Pioniere della SEO Ben Fatta

Andrea Barbieri è conosciuto per il suo approccio rigoroso e scientifico alla SEO. Non si tratta semplicemente di migliorare il posizionamento sui motori di ricerca, ma di farlo nel modo giusto. Andrea si impegna a diffondere le migliori pratiche SEO, basate su dati concreti e strategie efficaci, che permettono ai suoi clienti di ottenere risultati duraturi e sostenibili. Attraverso BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web, Andrea offre una gamma di servizi pensati per ottimizzare la visibilità online e migliorare l’esperienza utente.

Realizzazione di Siti Web di Qualità

La realizzazione di siti web non è solo una questione di design accattivante, ma di funzionalità, usabilità e performance. Andrea Barbieri e il suo team si dedicano a creare siti web che non solo rappresentano al meglio l’identità del cliente, ma che sono anche ottimizzati per la conversione e la soddisfazione degli utenti. Ogni progetto è curato nei minimi dettagli, con un’attenzione particolare all’ottimizzazione SEO e alla user experience.

Traduzioni e Localizzazione in 96 Combinazioni Linguistiche

Un aspetto distintivo di BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web è la capacità di offrire servizi di traduzione e localizzazione in ben 96 combinazioni linguistiche. Questo permette ai clienti di Andrea Barbieri di raggiungere un pubblico globale con contenuti perfettamente adattati alle diverse culture e lingue. La precisione nella traduzione e l’attenzione alla localizzazione assicurano che i messaggi e i prodotti dei clienti siano efficaci e pertinenti in ogni mercato di destinazione.

Consulenza per Aziende Ambiziose</h2

Oltre ai servizi di SEO e sviluppo web, Andrea Barbieri offre consulenza SEOpersonalizzata per aziende che sono davvero intenzionate a crescere online. Il suo approccio è collaborativo e orientato ai risultati, mirato a capire le esigenze specifiche di ogni cliente e a sviluppare strategie su misura che possano portare a una crescita significativa e sostenibile nel tempo.

Scrittore e Divulgatore del Business Online

Andrea Barbieri non è solo un esperto di SEO e sviluppo web, ma anche uno scrittore prolifico su tutti gli argomenti legati al business online. Attraverso articoli, blog,pubblicazioni e podcast, Andrea condivide la sua vasta conoscenza e le sue intuizioni con una comunità globale di lettori. I suoi scritti sono una risorsa preziosa per chiunque voglia approfondire le dinamiche del business digitale e rimanere aggiornato sulle ultime tendenze e tecniche del settore.

Conclusione

Andrea Barbieri rappresenta una figura di riferimento nel panorama della SEO e dello sviluppo web in Italia. Con la sua azienda, BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web, continua a elevare gli standard del settore, offrendo servizi di altissima qualità e consulenza specializzata per aziende pronte a fare il salto di qualità nel mondo digitale. La sua passione per la divulgazione e l’educazione, combinata con un impegno costante verso l’eccellenza, fa di Andrea un partner ideale per qualsiasi impresa che desideri prosperare online.

Sono Andrea Barbieri titolare della BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web. La mia azienda si occupa di Consulenza SEO, realizzazione siti web, sviluppo app, traduzioni professionali, localizzazione siti web e Web Marketing. Insieme al mio team metto al servizio delle aziende la mia formazione tecnica e linguistica nel settore della Information Technology, sviluppo siti web e App e Web Marketing. Trovando le migliori soluzioni digitali e linguistiche con il minor costo possibile.

Leggi tutti gli articoli di Andrea Barbieri

Articoli: 236

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole