40 comandi Linux da terminale che ogni utente dovrebbe conoscere

comandi linux da terminale

40 comandi Linux da terimane che ogni utente dovrebbe conoscere

Imparare le basi dei comandi Linux da terminale può aiutarti a ottenere il massimo dal tuo sistema Linux. È importante capire come utilizzare il terminale e i comandi di base, poiché ti permetteranno di essere più efficiente e produttivo.

Questo articolo fornirà una panoramica di alcuni dei più importanti comandi di Linux che ogni utente dovrebbe conoscere. Discuteremo alcuni utili comandi di Ubuntu Linux per i principianti, nonché comandi più avanzati per utenti esperti. Discuteremo anche di come questi comandi possono essere utilizzati in vari casi d’uso e scenari. Quindi, se vuoi diventare un utente esperto, questo articolo è un ottimo punto di partenza!

Disclaimer: questa pagina include link di affiliazione per il migliora manuale. Se acquistate il manuale direttamente da link presente nell’articolo, potrei guadagnare una commissione che mi permetterà di continuare a creare contenuti utili.

Che cos’è un comando Linux da terminale?

Linux è una famiglia di sistemi operativi Unix open-source basati sul kernel Linux. Tra questi vi sono Ubuntu, Fedora, Debian, openSUSE e Red Hat. L’uso di Linux per gestire un server privato virtuale (VPS) è una pratica comune.

Quando si utilizza Linux, è necessario utilizzare una shell, un programma che consente di accedere ai servizi del sistema operativo. La maggior parte delle distribuzioni Linux utilizza un’interfaccia grafica (GUI) che le rende facili da usare per i principianti.

Tuttavia, si consiglia di utilizzare l’interfaccia a riga di comando (CLI) perché è più veloce e offre un maggiore controllo. Le operazioni che richiedono più passaggi sulla GUI possono essere eseguite in pochi secondi inserendo i comandi nella CLI.

Perciò, se volete usare Linux, imparare le utility o i comandi più comuni vi aiuterà molto. Questo articolo illustra i 40 comandi di base che vi aiuteranno a utilizzare efficacemente la vostra distro Linux.

Un comando Linux è un programma o un’utilità che viene eseguito nella CLI, una console che interagisce con il sistema tramite testi e processi. È simile all’applicazione Prompt dei comandi di Windows.

I comandi Linux vengono eseguiti sul Terminale premendo Invio alla fine della riga. I comandi possono essere eseguiti per svolgere varie attività, dall’installazione di pacchetti alla gestione degli utenti e alla manipolazione dei file. In questo articolo trovi i principali comandi da terminale. Se vuoi approfondire ti consiglio di acquistare Linux in a Nutshel. L’edizione è inglese ma non è necessario essere un anglofono per capire le istruzioni. Le istruzioni sono spiegate come in questo articolo. È lo stesso manuale che uso anche io da anni.

Ecco la sintassi generale di un comando Linux:

CommandName [option(s)] [parameter(s)]

Un comando può contenere un’opzione o un parametro. In alcuni casi, può essere eseguito anche senza. Queste sono le tre parti più comuni di un comando:

  • CommandName è la regola che si vuole eseguire.
  • Options o flag modifica il funzionamento di un comando. Per richiamarlo, utilizzare i trattini (-) o i doppi trattini (-).
  • Parametro o argomento specifica le informazioni necessarie per il comando.

Tenete presente che tutti i comandi di Linux sono sensibili alle maiuscole e alle minuscole (case sensitive).

linux in a nutshell

I 40 comandi Linux ubuntu e altre dsistribuzioni più comunemente usati

Prima di procedere con l’elenco dei comandi di base, è necessario aprire il Terminale. Se non siete ancora sicuri, consultate il nostro tutorial sulla CLI.

Anche se i passaggi possono variare a seconda della distribuzione Linux, l’applicazione Terminale si trova solitamente nella sezione Utilità.

Ecco l’elenco dei comandi di base di Linux:

1. Comando sudo

Abbreviazione di superuser do, sudo è uno dei più popolari comandi linux da terminale di base che consente di eseguire operazioni che richiedono permessi amministrativi o di root.

Quando si usa sudo, il sistema chiede agli utenti di autenticarsi con una password. Poi, il sistema Linux registrerà un timestamp come tracker. Per impostazione predefinita, ogni utente root può eseguire comandi sudo per 15 minuti/sessione.

Se si tenta di eseguire sudo nella riga di comando senza autenticarsi, il sistema registrerà l’attività come evento di sicurezza.

Ecco la sintassi generale:

sudo (comando)

Si può anche aggiungere un’opzione, ad esempio:

  • -k o -reset-timestamp invalida il file dei timestamp.
  • g o –group=group esegue i comandi come nome o ID del gruppo specificato.
  • h o -host=host esegue i comandi sull’host.

2. Comando pwd

Utilizzate il comando pwd per trovare il percorso della vostra directory di lavoro corrente. Inserendo semplicemente pwd si ottiene il percorso corrente completo, ovvero un percorso di tutte le directory che inizia con una barra in avanti (/). Ad esempio, /home/username.

Il comando linux da terminale pwd utilizza la seguente sintassi:

pwd [option]

Ha due opzioni accettabili:

  • -L o -logical stampa il contenuto delle variabili d’ambiente, compresi i collegamenti simbolici.
  • -P o -physical stampa il percorso effettivo della directory corrente.

3. Comando cd

Per navigare tra i file e le directory di Linux, utilizzare il comando cd. A seconda della directory di lavoro corrente, richiede il percorso completo o il nome della directory.

Se si esegue questo comando senza un’opzione, si accede alla cartella home. Tenete presente che solo gli utenti con privilegi sudo possono eseguirlo.

Supponiamo di trovarci in /home/username/Documents e di voler andare a Photos, una sottodirectory di Documents. Per farlo, digitate il seguente comando:

cd Photos .Se si vuole passare a una directory completamente nuova, per esempio /home/username/Movies, bisogna inserire cd seguito dal percorso assoluto della directory:

cd /home/username/Movies

Ecco alcune scorciatoie per aiutarvi nella navigazione:

  • cd ~[nomeutente] va alla home directory di un altro utente.
  • cd .. si sposta di una directory in avanti.
  • cd- si sposta nella directory precedente.

4. Comando ls

Il comando ls elenca i file e le directory di un sistema. Se viene eseguito senza un flag o un parametro, mostra il contenuto della directory di lavoro corrente.

Per visualizzare il contenuto di altre directory, digitare ls seguito dal percorso desiderato. Ad esempio, per visualizzare i file nella cartella Documenti, digitare ls:

ls /home/username/Documents

Ecco alcuni comandi linux da terminale che si possono usare con il comando ls:

  • ls -R elenca tutti i file nelle sottodirectory.
  • ls -a mostra i file nascosti oltre a quelli visibili.
  • ls -lh mostra le dimensioni dei file in formati facilmente leggibili, come MB, GB e TB.

5. Comando cat

Concatenare, o cat, è uno dei comandi Linux da terminale più utilizzati. Elenca, combina e scrive il contenuto dei file sullo standard output. Per eseguire il comando cat, digitate cat seguito dal nome del file e dalla sua estensione. Ad esempio:

cat filename.txt

Ecco altri comandi linux da terminale per utilizzare il comando cat (di prossima pubblicazione):

  • cat > filename.txt crea un nuovo file.
  • cat filename1.txt filename2.txt > filename3.txt unisce filename1.txt e filename2.txt e memorizza il risultato in filename3.txt.
  • tac filename.txt visualizza il contenuto in ordine inverso.

6. Comando cp

Usate il comando cp per copiare file o directory e il loro contenuto. Si vedano i seguenti casi d’uso.

Per copiare un file dalla directory corrente a un’altra, digitate cp seguito dal nome del file e dalla directory di destinazione. Ad esempio:

cp nomefile.txt /home/nomeutente/Documenti

Per copiare i file in una directory, inserire i nomi dei file seguiti dalla directory di destinazione:

cp nomefile1.txt nomefile2.txt nomefile3.txt /home/nomeutente/Documenti

Per copiare il contenuto di un file in un nuovo file della stessa directory, digitate cp seguito dal file di origine e dal file di destinazione:

cp nomefile1.txt nomefile2.txt

Per copiare un’intera directory, passare il flag -R prima di digitare la directory di origine, seguita dalla directory di destinazione:

cp -R /home/username/Documents /home/username/Documents_backup

7. Comando mv

L’uso principale del comando mv (di prossima pubblicazione) è quello di spostare e rinominare file e directory. Inoltre, non produce un output al momento dell’esecuzione.

È sufficiente digitare mv seguito dal nome del file e dalla directory di destinazione. Ad esempio, si desidera spostare nomefile.txt nella directory /home/username/Documents:

mv nomefile.txt /home/username/Documents.

È possibile utilizzare il comando mv anche per rinominare un file:

mv nome_vecchio.txt nome_nuovo.txt

mv old_nomefile.txt new_nomefile.txt

8. Comando mkdir

Usare il comando mkdir per creare una o più directory in una sola volta e impostare i permessi per ciascuna di esse. L’utente che esegue questo comando deve avere il privilegio di creare una nuova cartella nella directory madre, altrimenti potrebbe ricevere un errore di autorizzazione negata.

Ecco la sintassi di base:

mkdir [opzione] nome_directory

Ad esempio, si vuole creare una directory chiamata Musica:

mkdir Musica

Per creare una nuova directory chiamata Songs all’interno di Music, utilizzate questo comando:

mkdir Musica/Canzoni

Il comando mkdir accetta molte opzioni, come ad esempio:

  • p o -parents creano una directory tra due cartelle esistenti. Ad esempio, mkdir -p Musica/2020/Canzoni creerà la nuova cartella “2020”.
  • -m imposta i permessi dei file. Ad esempio, per creare una directory con permessi di lettura, scrittura ed esecuzione completi per tutti gli utenti, immettere mkdir -m777 nome_directory.
  • -v stampa un messaggio per ogni directory creata.

9. Comando rmdir

Per eliminare definitivamente una directory vuota, utilizzare il comando rmdir (di prossima pubblicazione) Ricordate che l’utente che esegue questo comando deve avere i privilegi sudo nella directory madre.

Ad esempio, si desidera rimuovere una sottodirectory vuota denominata personal1 e la sua cartella principale mydir:

rmdir -p mydir/personal1

10. Comando rm

Il comando rm viene utilizzato per eliminare i file all’interno di una directory. Assicurarsi che l’utente che esegue il comando abbia i permessi di scrittura.

Ricordate la posizione della directory, perché questo comando rimuove i file e non può essere annullato.

Ecco la sintassi generale:

rm nomefile

Per rimuovere più file, digitate il seguente comando:

rm nomefile1 nomefile2 nomefile3

Ecco alcune opzioni accettabili che si possono aggiungere:

  • -i richiede la conferma del sistema prima di eliminare un file.
  • -f permette al sistema di eliminare senza conferma.
  • -r elimina file e directory in modo ricorsivo.

11. Comando touch

Il comando locate (di prossima pubblicazione) può trovare un file nel sistema di database.

Inoltre, aggiungendo l’argomento -i si disattiva la sensibilità alle maiuscole e minuscole, in modo da poter cercare un file anche se non si ricorda il suo nome esatto.

Per cercare contenuti che contengono due o più parole, utilizzare un asterisco (*****). Ad esempio:

locate -i school*note

Il comando cercherà i file che contengono le parole school e note, sia con lettere maiuscole che minuscole.

13. Comando find

Usate il comando find per cercare i file all’interno di una directory specifica ed eseguire le operazioni successive. Ecco la sintassi generale:

find [opzione] [percorso] [espressione]

Ad esempio, si vuole cercare un file chiamato note.txt all’interno della directory home e delle sue sottocartelle:

find /home -nome note.txt

Ecco altre varianti dell’uso di find:

  • find -name filename.txt per trovare i file nella directory corrente.
  • find ./ -type d -name directoryname per cercare le directory.

14. Comando grep

Un altro comando di base di Linux presente nell’elenco è grep o stampa di espressioni regolari globali. Consente di trovare una parola cercando in tutti i testi di un file specifico.

Quando il comando grep (di prossima pubblicazione) ****trova una corrispondenza, stampa tutte le righe che contengono lo schema specifico. Questo comando aiuta a filtrare i file di registro di grandi dimensioni.

Ad esempio, si vuole cercare la parola blu nel file notepad.txt:

grep blue notepad.txt

L’output del comando mostrerà le righe che contengono blue.

15. Comando df

Utilizzate il comando df (di prossima pubblicazione) ****per visualizzare l’utilizzo dello spazio su disco del sistema, in percentuale e in kilobyte (KB). Ecco la sintassi generale:

df [opzioni] [file]

Per esempio, digitate il seguente comando se volete vedere l’utilizzo dello spazio su disco della directory corrente in un formato leggibile:

df -h

Queste sono alcune opzioni da utilizzare:

  • df -m visualizza informazioni sull’utilizzo del file system in MB.
  • df -k visualizza l’utilizzo del file system in KB.
  • df -T mostra il tipo di file system in una nuova colonna.
linux in a nutshell

16. Comando du

Se si desidera verificare quanto spazio occupa un file o una directory, utilizzare il comando du. È possibile eseguire questo comando per identificare quale parte del sistema utilizza eccessivamente lo spazio di archiviazione.

Quando si usa il comando du, è necessario specificare il percorso della directory. Ad esempio, per controllare /home/user/Documents inserire:

du /home/user/Documents

L’aggiunta di un flag al comando du ne modifica l’operazione, ad esempio:

  • -s offre la dimensione totale di una cartella specificata.
  • -m fornisce informazioni su cartelle e file in MB.
  • -k visualizza le informazioni in KB.
  • -h informa sulla data dell’ultima modifica delle cartelle e dei file visualizzati.

17. Comando head

Il comando head consente di visualizzare le prime dieci righe di un testo. L’aggiunta di un’opzione consente di modificare il numero di righe visualizzate. Il comando head viene utilizzato anche per inviare dati in piping alla CLI.

Ecco la sintassi generale:

head [opzione] [file]

Ad esempio, si desidera visualizzare le prime dieci righe di note.txt, che si trova nella directory corrente:

head note.txt

Di seguito sono riportate alcune opzioni che si possono aggiungere:

  • -n o –lines stampa il primo numero personalizzato di righe. Ad esempio, immettere head -n 5 filename.txt per visualizzare le prime cinque righe di filename.txt.
  • -c o –bytes stampa il primo numero personalizzato di byte di ciascun file.
  • -q o -quiet non stampa le intestazioni che specificano il nome del file.

18. Comando tail

Il comando tail visualizza le ultime dieci righe di un file. Consente di verificare se un file contiene nuovi dati o di leggere messaggi di errore.

Ecco il formato generale:

tail [opzione] [file]

Ad esempio, si desidera visualizzare le ultime dieci righe del file colors.txt:

tail -n colori.txt

omando diff

19. Comando diff

Il comando diff confronta i contenuti di un file riga per riga. Dopo averli analizzati, visualizza le parti che non corrispondono.

I programmatori usano spesso il comando diff per modificare un programma invece di riscrivere l’intero codice sorgente.

Ecco il formato generale:

diff [opzione] file1 file2

Ad esempio, si vogliono confrontare due file di testo: -note.txt e note_update.txt:

diff nota.txt nota_aggiornamento.txt

Ecco alcune opzioni accettabili da aggiungere:

  • c visualizza la differenza tra due file in forma contestuale.
  • -u visualizza l’output senza informazioni ridondanti.
  • -i rende il comando diff insensibile alle maiuscole e alle minuscole.

20. Comando tar

Il comando tar archivia più file in un file TAR, un formato comune di Linux simile a ZIP, con compressione opzionale.

Ecco la sintassi di base:

tar [opzioni] [file_archivio] [file o directory da archiviare].

Per esempio, si vuole creare un nuovo archivio TAR chiamato newarchive.tar nella directory /home/user/Documents:

tar -cvf newarchive.tar /home/user/Documents

Il comando tar accetta molte opzioni, come ad esempio:

  • -x estrae un file.
  • -t elenca il contenuto di un file.
  • -u archivia e aggiunge a un file di archivio esistente.

Per saperne di più sulle altre funzioni, consultate gli esempi pratici (di prossima pubblicazione)

21. comando chmod

chmod è un comando comune che modifica i permessi di lettura, scrittura ed esecuzione di un file o di una directory. In Linux, ogni file è associato a tre classi di utenti: proprietario, membro di un gruppo e altri.

Ecco la sintassi di base:

chmod [opzione] [permesso] [nome_file]

Ad esempio, il proprietario è attualmente l’unico ad avere i permessi completi per modificare note.txt. Per consentire ai membri del gruppo e ad altri di leggere, scrivere ed eseguire il file, cambiate il tipo di permesso -rwxrwxrwx, il cui valore numerico è 777:

chmod 777 note.txt

Questo comando supporta molte opzioni, tra cui:

  • c o -changes visualizza le informazioni quando viene effettuata una modifica. -f o -silent sopprime i messaggi di errore. -v o -verbose visualizza una diagnostica per ogni file elaborato.

22. comando chown

Il comando chown consente di cambiare la proprietà di un file, di una directory o di un collegamento simbolico a un nome utente specificato.

Ecco il formato di base:

chown [opzione] proprietario[:gruppo] file(s)

Ad esempio, si vuole rendere linuxuser2 il proprietario di nomefile.txt:

chown linuxuser2 nomefile.txt

23. comando jobs

Un lavoro è un processo che la shell avvia. Il comando jobs visualizza tutti i processi in esecuzione con il loro stato. Ricordate che questo comando è disponibile solo nelle shell csh, bash, tcsh e ksh.

Questa è la sintassi di base:

jobs [opzioni] jobID

Per controllare lo stato dei lavori nella shell corrente, basta inserire jobs nella CLI.

Ecco alcune opzioni che si possono utilizzare:

  • -l elenca gli ID dei processi con le relative informazioni.
  • -n elenca i lavori il cui stato è cambiato dall’ultima notifica.
  • -p elenca solo gli ID dei processi.

La riga di comando di Linux è un potente strumento che può aiutare gli utenti a ottenere il massimo dal proprio sistema Linux. Consente loro di eseguire rapidamente e facilmente attività che normalmente richiederebbero molto più tempo con un’interfaccia grafica.

Per i principianti, il vasto numero di comandi disponibili nel terminale Linux può sembrare scoraggiante. Tuttavia, ci sono alcuni comandi di base che ogni utente dovrebbe conoscere per iniziare a utilizzare il proprio sistema Linux. In questo articolo, abbiamo già vist0 23 comandi Linux essenziali che ogni utente dovrebbe conoscere per iniziare il proprio viaggio nel mondo di Linux.

24. comando kill

Usate il comando kill per terminare manualmente un programma che non risponde. Segnala le applicazioni che si comportano male e le invita a chiudere i loro processi.

Per uccidere un programma, è necessario conoscere il suo numero di identificazione del processo (PID). Se non si conosce il PID, eseguire il seguente comando:

ps ux

Dopo aver conosciuto il segnale da utilizzare e il PID del programma, digitate la seguente sintassi:

kill [signal_option] pid

I segnali che si possono usare sono 64, ma questi due sono tra i più usati:

  • SIGTERM chiede a un programma di interrompere l’esecuzione e gli concede un po’ di tempo per salvare tutti i suoi progressi. Il sistema lo usa per default se non si specifica il segnale quando si immette il comando kill.
  • SIGKILL costringe i programmi a fermarsi, perdendo i progressi non salvati.

Ad esempio, il PID del programma è 63773 e si desidera forzarne l’arresto:

kill SIGKILL 63773

25. comando ping

Il comando ping è uno dei comandi di base di Linux più utilizzati per verificare se una rete o un server sono raggiungibili. Inoltre, viene utilizzato per risolvere vari problemi di connettività.

Ecco il formato generale:

ping [opzione] [nome_ospite_o_indirizzo_IP]

Ad esempio, si vuole sapere se è possibile connettersi a Google e misurare il suo tempo di risposta:

ping google.com

26. Comando wget

La riga di comando di Linux consente di scaricare file da Internet utilizzando il comando wget. Funziona in background senza ostacolare gli altri processi in esecuzione.

Il comando wget recupera i file utilizzando i protocolli HTTP, HTTPS e FTP. Può eseguire download ricorsivi, che trasferiscono parti di siti web seguendo strutture di directory e collegamenti, creando versioni locali delle pagine web.

Per utilizzarlo, digitate il seguente comando:

wget [opzione] [url]

Ad esempio, inserite il seguente comando per scaricare l’ultima versione di WordPress:

wget https://wordpress.org/latest.zip

27. Comando uname

Il comando uname o unix name stampa informazioni dettagliate sul sistema Linux e sull’hardware. Queste includono il nome della macchina, il sistema operativo e il kernel. Per eseguire questo comando, basta inserire uname nella CLI.

Ecco la sintassi di base:

uname [opzione]

Queste sono le opzioni accettabili da utilizzare:

  • -a stampa tutte le informazioni sul sistema.
  • -s stampa il nome del kernel.
  • -n stampa il nome host del nodo del sistema.

28. Comando top

Il comando top nel Terminale Linux visualizza tutti i processi in esecuzione e una vista dinamica in tempo reale del sistema corrente. Riassume l’utilizzo delle risorse, dalla CPU alla memoria.

Il comando top può anche aiutare a identificare e terminare un processo che potrebbe utilizzare troppe risorse di sistema.

Per eseguire il comando, è sufficiente inserire top nella CLI.

29. Comando history

Con la cronologia, il sistema elenca fino a 500 comandi eseguiti in precedenza, consentendo di riutilizzarli senza doverli reinserire. Tenete presente che solo gli utenti con privilegi sudo possono eseguire questo comando. Il funzionamento di questa utility dipende anche dalla shell Linux utilizzata.

Per eseguirla, digitate il comando seguente:

cronologia [opzione]

Questo comando supporta molte opzioni, come ad esempio:

  • -c cancella l’intero elenco della cronologia.
  • d offset elimina la voce della cronologia nella posizione OFFSET.
  • -a aggiunge le righe della cronologia.

30. Comando man

Il comando man fornisce un manuale per l’utente di tutti i comandi o le utilità che si possono eseguire nel Terminale, compresi il nome, la descrizione e le opzioni.

È composto da nove sezioni:

  • Programmi eseguibili o comandi di shell
  • Chiamate di sistema
  • Chiamate di libreria
  • Giochi
  • File speciali
  • Formati e convenzioni dei file
  • Comandi di amministrazione del sistema
  • Routine del kernel
  • Varie

Per visualizzare il manuale completo, immettere:

man [nome_comando]

Ad esempio, si vuole accedere al manuale del comando ls:

man ls

Inserite questo comando se volete specificare la sezione visualizzata:

man [opzione] [numero_sezione] [nome_comando]

Ad esempio, si desidera visualizzare la sezione 2 del manuale del comando ls:

man 2 ls

31. Comando echo

Il comando echo è un’utilità integrata che visualizza una riga di testo o una stringa utilizzando lo standard output. Ecco la sintassi di base:

echo [opzione] [stringa]

Ad esempio, è possibile visualizzare il testo Hostinger Tutorials inserendo:

echo “Tutorial Hostinger”

Questo comando supporta molte opzioni, come ad esempio:

  • n visualizza l’output senza la newline finale. -e consente di interpretare i seguenti escape di backslash:
  • \a riproduce un avviso sonoro.
  • \b rimuove gli spazi tra un testo e l’altro.
  • \c non produce altro output.
  • -E visualizza l’opzione predefinita e disabilita l’interpretazione degli escape di backslash.

32. Comandi zip e unzip

Usare il comando zip per comprimere i file in un file ZIP, un formato universale comunemente usato in Linux. Può scegliere automaticamente il miglior rapporto di compressione.

Il comando zip è utile anche per archiviare file e directory e ridurre l’utilizzo del disco.

Per utilizzarlo, digitate la seguente sintassi:

zip [opzioni] zipfile file1 file2….

Ad esempio, si ha un file chiamato note.txt che si desidera comprimere in archive.zip nella directory corrente:

zip archivio.zip nota.txt

D’altra parte, il comando unzip estrae i file zippati da un archivio. Ecco il formato generale:

unzip [opzione] nome_file.zip

Quindi, per decomprimere un file chiamato archivio.zip nella directory corrente, digitate:

unzip archivio.zip

33. Comando hostname

Eseguite il comando hostname per conoscere il nome dell’host del sistema. È possibile eseguirlo con o senza opzione. Ecco la sintassi generale:

hostname [opzione]

Ci sono molti flag opzionali da utilizzare, tra cui:

  • -a o -alias visualizza l’alias dell’hostname. -A o -all-fqdns visualizza il nome di dominio completamente qualificato (FQDN) della macchina. -i o -ip-address visualizza l’indirizzo IP del computer.

Ad esempio, inserire il seguente comando per conoscere l’indirizzo IP del computer:

hostname -i

34. Comandi useradd, userdel

Linux è un sistema multiutente, il che significa che più persone possono usarlo contemporaneamente. useradd serve a creare un nuovo account, mentre il comando passwd permette di aggiungere una password. Solo chi ha i privilegi di root o sudo può eseguire il comando useradd.

Quando si usa il comando useradd, questo esegue alcune modifiche importanti:

  • Modifica i file /etc/passwd, /etc/shadow, /etc/group e /etc/gshadow per i nuovi account creati.
  • Crea e popola una home directory per l’utente.
  • Imposta i permessi e le proprietà dei file nella home directory.

Ecco la sintassi di base:

useradd [opzione] nome utente

Per impostare la password:

passwd la_password_combinata

Ad esempio, per aggiungere una nuova persona di nome John, inserite contemporaneamente il seguente comando:

useradd John

passwd 123456789

Per eliminare un account utente, utilizzare il comando userdel:

userdel username

35. Comando apt-get

apt-get è uno strumento a riga di comando per gestire le librerie Advanced Package Tool (APT) in Linux. Consente di recuperare informazioni e pacchetti da fonti autenticate per gestire, aggiornare, rimuovere e installare il software e le sue dipendenze.

L’esecuzione del comando apt-get richiede i privilegi di sudo o di root.

Ecco la sintassi principale:

apt-get [opzioni] (comando)

Questi sono i comandi più comuni che si possono aggiungere ad apt-get:

  • update sincronizza i file dei pacchetti dalle loro fonti. upgrade installa l’ultima versione di tutti i pacchetti installati. check aggiorna la cache dei pacchetti e controlla le dipendenze interrotte.

36. Comandi nano, vi, jed

Linux consente agli utenti di modificare e gestire i file tramite un editor di testo, come nano, vi o jed. nano e vi sono forniti con il sistema operativo, mentre jed deve essere installato.

Il comando linux da terminale nano indica le parole chiave e può funzionare con la maggior parte delle lingue. Per utilizzarlo, digitate il seguente comando:

nano [nome file]

vi utilizza due modalità operative: insert e command. insert viene utilizzato per modificare e creare un file di testo. Il command, invece, esegue operazioni come salvare, aprire, copiare e incollare un file.

Per utilizzare vi su un file, immettere:

vi [nome file]

jed ha un’interfaccia a menu a discesa che consente agli utenti di eseguire azioni senza inserire combinazioni o comandi da tastiera. Come vi, dispone di modalità per caricare moduli o plugin per scrivere testi specifici.

Per aprire il programma, basta inserire jed nella riga di comando.

37. Comandi alias e unalias

Il comando linux da terminale alias consente di creare una scorciatoia con la stessa funzionalità di un comando, un nome di file o un testo. Quando viene eseguito, indica alla shell di sostituire una stringa con un’altra.

Per utilizzare il comando alias, inserite la seguente sintassi:

alias Nome=Stringa

Ad esempio, si vuole rendere k l’alias del comando kill:

alias k=’kill’

Il comando unalias, invece, cancella un alias esistente.

Ecco la sintassi generale:

unalias [nome_alias]

38. Comando su

Il comando linux da terminale switch user o su consente di eseguire un programma come utente diverso. Cambia l’account amministrativo nella sessione di accesso corrente. Questo comando è particolarmente utile per accedere al sistema tramite SSH o per utilizzare il display manager della GUI quando l’utente root non è disponibile.

Ecco la sintassi generale del comando:

su [opzioni] [nome utente [argomento]]

Quando viene eseguito senza alcuna opzione o argomento, il comando su viene eseguito con i privilegi di root. Verrà richiesto di autenticarsi e di utilizzare temporaneamente i privilegi sudo.

Ecco alcune opzioni accettabili da utilizzare:

  • -p o –preserve-environment mantiene lo stesso ambiente di shell, composto da HOME, SHELL, USER e LOGNAME.
  • -s o -shell consente di specificare un ambiente di shell diverso da eseguire.
  • -l o -login esegue uno script di login per passare a un nome utente diverso. L’esecuzione richiede l’immissione della password dell’utente.

39. Comando htop

Il comando linux da terminale htop è un programma interattivo che monitora le risorse di sistema e i processi del server in tempo reale. È disponibile sulla maggior parte delle distribuzioni Linux e si può installare utilizzando il gestore di pacchetti predefinito.

Rispetto al comando top, htop presenta molti miglioramenti e caratteristiche aggiuntive, come l’uso del mouse e gli indicatori visivi.

Per utilizzarlo, eseguite il seguente comando:

htop [opzioni]

È anche possibile aggiungere delle opzioni, come ad esempio:

  • -d o -delay mostra il ritardo tra gli aggiornamenti in decimi di secondo.
  • -C o -no-color attiva la modalità monocromatica. -h o -help visualizza il messaggio di aiuto e l’uscita.

40. Comando ps

Il comando linux da terminale ps produce un’istantanea di tutti i processi in esecuzione nel sistema. I risultati statici sono presi dai file virtuali del file system /proc.

Eseguendo il comando ps senza un’opzione o un argomento, i processi in esecuzione vengono elencati nella shell insieme a:

  • L’ID univoco del processo (PID)
  • Il tipo di terminale (TTY)
  • Il tempo di esecuzione (TIME)
  • Il comando che lancia il processo (CMD).

Ecco alcune opzioni accettabili da utilizzare:

  • -T visualizza tutti i processi associati alla sessione di shell corrente.
  • -u username elenca i processi associati a un utente specifico.
  • -A o -e mostra tutti i processi in esecuzione.
linux in a nutshell

Comandi Linux da terminale: conclusione

Linux è il sistema operativo open source più popolare. È utilizzato da milioni di utenti in tutto il mondo e la sua popolarità continua a crescere.

Per ottenere il massimo da Linux, è importante conoscere alcuni comandi di base che possono aiutarti a navigare nel tuo sistema e apportare modifiche. Abbiamo esaminato, 40 comandi Linux da terminale essenziali che ogni utente dovrebbe conoscere. Tratteremo i comandi di Ubuntu Linux per principianti e comandi più avanzati per utenti esperti. Con questi comandi sarai in grado di utilizzare il terminale in modo più efficace ed efficiente.

Andrea Barbieri
Andrea Barbieri

Sono Andrea Barbieri titolare della BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web. La mia azienda si occupa di Consulenza SEO, realizzazione siti web, sviluppo app, traduzioni professionali, localizzazione siti web e Web Marketing. Insieme al mio team metto al servizio delle aziende la mia formazione tecnica e linguistica nel settore della Information Technology, sviluppo siti web e App e Web Marketing. Trovando le migliori soluzioni digitali e linguistiche con il minor costo possibile.

Leggi tutti gli articoli di Andrea Barbieri

Articoli: 214

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 16 =

Ottimizzato da Optimole