Crea sito
IpCeI-Pagina-Facebook
0577980092 3296664935

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Ciao sono Andrea Barbieri, il mio studio migliora la comunicazione delle aziende. Con la progettazione di siti web, localizzazione sito web, Web Marketing, Social Media Manager, Copywriting e traduzioni professionali.

andrea barbieri
btf freccia

Come scrivere un comunicato stampa a prova di cestino

Come creare un comunicato stampa: a cosa serve ?

Saper come scrivere un comunicato stampa è fondamentale per le aziende che vogliono far conoscere il loro brand ed i loro prodotti o servizi. Per scrivere un buon comunicato stampa aziendale basta tenere a mente semplici regole. Questo tipo di comunicato non e’ solo usato nella politica ma anche aziende e liberi professionisti per far conoscere nuove notizie di se. Questo tipo di comunicazione e’ molto importante anche nel posizionamento Google. Infatti, consente di creare dei backlink, molto utili per il posizionamento e l’autorevolezza di un sito web. Alla fine dell’articolo si trova una lista di siti web in cui pubblicare i comunicati del tuo ufficio stampa gratuitamente. Le stesse regole che trovi nell’articolo si applicano anche al comunicato stampa in inglese.

Read moreCome scrivere un comunicato stampa a prova di cestino

Traduzione italiano inglese perfetta, la traduzione professionale

traduzione italiano inglese perfetta
traduzione italiano inglese perfetta

Le traduzioni professionali sono svolte da traduttori professionisti con anni di esperienza e molti studi alle spalle. Questo articolo spiega in modo semplice ma dettagliato come si sviluppa una traduzione. E perché è meglio evitare un traduttore automatico e le varie traduzioni gratis online. Tradurre non significa soltanto tradurre parola per parola. Ma significa prendere un concetto (un’astrazione) in un altra lingua. Considerando anche la cultura e le leggi della lingua di arrivo. Una traduzione non sarà mai economica. E se continuerai a leggere l’articolo capirai il perché.

Read moreTraduzione italiano inglese perfetta, la traduzione professionale

Call to Action e le conversioni salgono

call to action

Call to action per la Lead Generation

Call to Action un elemento chiave in ogni pagina web volta ad acquisire clienti (lead) da saper gestire al meglio. In altri articoli abbiamo trattato della Lead Generation. Inseguito, ti ho parlato del modello Funnel Marketing.

La Call to Action l’elemento che vi condurrà alla conversione fino alla vendita. Osservando lo schema notate che i visitatori in ingresso (sito/ blog, social media) sono degli sconosciuti per te. Però grazie, ai tuoi contenuti li hai attratti verso una tua piattaforma web. E questo è molto positivo. Da questo momento in poi, fino alla fine del processo, si avrà una forte scrematura delle persone iniziali.

call to action
La strategia per condurre un potenziale cliente alla call to action.

Nello schema si trova la fase piu importante, la call toaction. Quando un potenziale cliente ti offre un suocontatto, di solito una email. E come possiamo ottenere uncontatto ?

Utilizzando una Call to Action (chiamata all’azione). Nel proseguo di questo articolo useremo delle immagini di Neil Patel e Kiss Metric per comprendere meglio il funzionamento di una CTA.

Cosa è una Call to Action 1.1

La Call to Action è una piccola frase che ha lo scopo di invitare un tuo utente a fare una determinata azione. Molto spesso, nella creazione di queste frasi si usa il verbo imperativo del tipo: “Iscriviti ora”, Contattaci” o “Clicca qui”.

Lo scopo della Call to Action è di spingere l’utente acontinuare il percorso all’interno del Funnel Marketing.Questo ti consentirà di aumentare le conversioni fino a concluderedelle vendite. Come si presentano le Call to Action ?

Le Call to Action hanno la forma di grandi bottoni colorati. Più questi bottoni sono vistosi e più saranno visibili ai tuoi visitatori. Se sono cliccati porteranno il tuo visitatore in un’altra pagine del sito.

Quanti tipi di call to action ci sono ? 1.2

Le call to action spesso sono collegate con altri tipi di risorse messe a disposizione del sito web all’utente. Naturalmente devono essere dei contenuti che aiutano l’utente a risolvere un suo problema. Oppure si può offrire qualche cosa di gratuito come una consulenza o un ebook.

Ma possono diventare dei veri propri collegamenti interni del sito. Creando un”efficace rete di contenuti che sviluppa un’efficace internal linking molto gradita da Google. La call to action sviluppa questi collegamenti:

  • link interni: che conducono nella stessa pagina, come per esempio dall’above the fold oppure ad un modulo informazioni.
  • risorse esterne: creando dei collegamenti in uscita, i cosiddetti outbond link.

Ma ci sono sono altri tipi di strutture che classificano una call to action:

  • call to action formate da un semplice anchor text, i link testuali nei post,
  • bottoni che interagiscono con l’utente,
  • immagini con testo.

Call to action come funziona ?

Le Call to Action hanno lo scopo di invitare una persona e detenere un certo comportamento. Le azioni sono molteplici ma vediamo le principali:

  • acquistare o aggiungere un prodotto al carrello ,
  • scaricare un file gratuito,
  • iscrizione alla newsletter,
  • richiesta di informazioni sull’azienda o i suoi prodotti e servizi,
  • iniziare un free trial.

Ogni call to action deve essere personalizzata in base almercato di riferimento e per ogni buyer personas. Più laCTA sarà efficace e più conversioni otterrai. Se una CTA nonottiene conversioni è da rivedere tutto.

La CTA non deve essere solo bella ma deve esprimere delle emozioni. Chi frequenta il web, non è un motore di ricerca ma una persona con emozioni. Il fattore emozioni gioca un ruolo determinante in una CTA. Niente emozioni, niente CTR (click trought rate). Ovvero nessuna conversione.

Questo non significa che si deve usare la propria creatività alle emozioni di felicita’ e dolore. Fare leva sulle emozioni delle persone e’ la tua carta vincente. Inoltre,ricorda che coloro che cliccheranno devono comprendere che avranno in cambio un contributo interessante.

Questo non significa che si deve usare la propria creatività alle emozioni di felicita’ e dolore. Fare leva sulle emozioni delle persone e’ la tua carta vincente. Inoltre, ricorda che coloro che cliccheranno devono comprendere che avranno in cambio un contributo interessante.

Come scrivere una call to action 2.2

Per scrivere una call to action e’ avvalersi della professionalità di copywriter. Per sviluppare una chiamata all’azione ci vogliono studi specifici e molta esperienza.

La prima cosa da evidenziare sono i vantaggi che siavranno cliccandola.  Nessuno cliccherà la tuacall to action se non gli spieghi per filo e per segno la tua offerta e i vantaggi che otterrà.

10 modi per dimagrire senza dieta in 30 giorni“: questa call to action sottolinea il problema da eliminare. In che modo può essere eliminati (10 modi). E il tempo con cui e’ possibile dimagrare. Anche se e’ una buona call to action e’ sempre possibile migliorarla.

Come fare CTA efficaci

Ecco alcuni consigli su come creare ed usare una Call to Action. Naturalmente, questi sono i consigli che reputo fondamentale. Non basterebbe un articolo per contemplarli tutti.

  • Descrivi nel migliore dei modi l’azione richiesta: per far si che il tuo utente comprenda il vantaggio che otterrà cliccando la Call to Action usa verbi come “Iscriviti”, “Scarica”, “Richiedi informazioni” ed altro.
  • Crea un messaggio breve ma efficace:  devi trovare una Call to Action breve in cui è chiaro da subito il vantaggio che porta all’utente. Per esempio: “Clicca per scaricare l’ebook SEO gratis” invece di un semplice e banale “Clicca qui”.
  • Sviluppa nell’utente una sensazione di urgenza: un componente fondamentale in una Call to Action è il senso di urgenza. Cosa significa senso di urgenza ? Significa mettere fretta ai tuoi utenti. In questo modo, non gli permetti di perdere del tempo nel cliccare il bottone. Devono sbrigarsi punto e basta.
  • Inserisci delle informazioni supplementari: molto spesso, per creare una CTA di successo è utile inserire nella Call to Action delle informazioni supplementari. Da una parte offri una rassicurazione al tuo utente Facciamo un esempio calzante. Per un tuo prodotto offri un periodo di prova. Dall’altro lato, ti impegni a dare informazioni utili specificando l’arco temporale in cui la promozione vale. Esempio:Prova il prodotto per 30 giorni e restituiscilo.
  • La posizione è tutto: posiziona la Call to Action un posizione ben visibile dello schermo. Di solito si posiziona nella prima metà della pagina. In questo modo, il visitatore non scorra la pagina versi il basso.
cos'è una call to action
La call to action è inserita in una posizione strategia. Dove l’utente si aspetta di trovarla.

La call to action deve essere inserita in una posizione strategia. Dove l’utente si aspetta di trovarla.

  • Scelta dei Colori, font e spazi: per sviluppare Callto Action funzionali adopera colori a contrastoe font di grandi dimensioni e leggibili. Inoltre,rendi maggiormente visibile la CTA che ritieni più importanteAverepiù Call to Action in una pagina è possibile. Nonsi distrugge il messaggio che ogni CTA esprime. Ma ci vuole unapiccola accortezza: creare un ordine in scala gerarchica. E’importante stabilire una priorità fra le varie Call toAction per rendere più visibile quella ritenuta piùimportante.
frasi call to action
In questo caso ci sono due call to action. Si decide di dare maggiore priorita usando il colore.

In questo caso ci sono due call to action. Si decide di daremaggiore priorita usando il colore.

  • Questo tipo di call to action è usata nelle prenotazioni. Di voli, treni e alberghi, agriturismo ed altro.Vediamo un esempio calzante dal sito Booking.Comepuoi osservare ci sono più di una CTA. La più importante inazzurro e l’altra evidenziata con un pulsante bombato in giallo.
call to action esempi
Ci sono due call to action. E si da più’ importanza alla call to action CERCA

Ci sono due call to action. E si da più’ importanza alla call to action CERCA

  • Le immagini e le icone, un fonte d’ispirazione: nella creazione di una Call to Action, quando credi opportuno, puoi usare anche immagini ed icone. Questo ti consentirà di migliorare il messaggio inviato all’utente. Facciamo un esempio pratico.Se nella tua CTA scrivi: “Scarica software gratis” puoi inserire una freccia rivolta verso il basso. Infatti, la freccia verso il basso rappresenta l’azione di download.
call to action digital marketing
In questo caso Kiss Metrics con la call to action invoglia l’utente a saperne di più

In questo caso la call to action invoglia l’utente a saperne dipiù

  • Ogni pagina ha una sua Call to Action: le Call to Action hanno lo scopo di invitare gli utenti a interagire con il tuo sito. Creare una CTA adatta per ogni pagina è una punto di forza in una strategia di Web Marketing. Infatti, non tutte le CTA presenti nel tuo sito devono invitare l’utente a comprare o iscriversi alla tua newsletter. Grazie allo strumento della Call
  • to Action puoi consigliare ai tuoi potenziali clienti delle risorse gratuite. Magari, tali risorse si trovano proprio nell’articolo che stanno leggendo. Oppure richiede all’utente l’opinione di quell’articolo.
  • Sperimentare sempre e comunque: non sarà facile trovare un Call toAction che funzioni subito. Per questo sperimentare è l’unica possibilità che hai per sviluppare una macchina che sputa fuori i contatti. Ricorda che i contatti, detti anche leads, sono quelli che ti porteranno a concludere una vendita.
  • Eseguire degli split test: ti suggerisco di effettuare degli split test del tipo A/B per comprendere quale bottone funziona meglioed in quale situazione. Lo split test A/B è fondamentale per raggiungere il massimo numero di conversioni. E consentirà ditrovare un messaggio migliore ed una forma più gradita dai tuoiutenti.
    La Call to Action è unaparte fondamentale della tua strategia di web marketing:saperla usare bene di ha la possibilità di avere dei leads(contatti) per trasformarli in futuro in clienti potenziali.
    Non confondere il lettore con una miriade di chiamate all’azione. Una call to action e’ già una soluzione valida.
    Ma ci sono altre strade da percorrere per promuovere la tua azienda:si può usare una landing page oppure inserirla above the fold ed un altra alla fine.

Evita call to action incomprensibili o scontate 3.1

Il verbo imperativo vie spesso usato all’interno di una chiamata all’azione. Ma questo non significa che dobbiamo usarlo sempre e senza nessun criterio. Perché a volte una call to action di questo tipo stizzisce il potenziale cliente e lo fa scappare via. Inoltre, ne paga le spese la chiarezza della chiamata all’azione.

Come scrivere una buona call to action

Come detto all’inizio, una chiamata all’azione può essereanche un semplice anchor text. Ma questa sicuramente non e’la soluzione migliore per una CTA efficace. Infatti, molte volte percatturare l’attenzione del pubblico può essere necessario usareun’elemento grafico.

L’elemento grafico e’ una call to action a forma dibottone cliccabile. Deve avere delle caratteristiche benprecise. Inoltre, deve avere le misure adatte per poterlovisualizzare e usare nei dispositivi mobili come, Smartphone, Iphonee Tablet. Ma come deve essere questo bottone ?

Queste sono le caratteristiche di base che un buon bottonecliccabile deve avere:

  • il bottone deve essere abbastanza distanziati dagli altri elementi della pagina web;
  • deve essere ben visibile ma non eccessivamente grande;
  • deve essere sempre ottimizzato per tutti i dispositivi mobili;
  • deve simulare l’azione del click quando il mouse ci passa sopra;
  • usare sempre un colore che ispira fiducia e ed e’ legato a prodotto o servizio che vuoi proporre.

Come creare una call to action: alcuni consigli 5.1

Inserisco alcuni consigli utili per migliorare l’efficacia delle tue call to action. Nessuno ha la bacchetta magica o la sfera di cristallo per creare una chiamata all’azione di successo. Ma questi consigli possono fare la differenza tra una conversione ed un’utente che fugge via:

  • Evita d’inserire nella call to action il testo “Invia”: e’ sempre meglio usare una struttura lessicale che affermi il valore dell’azione, quindi il vantaggio che l’utente ne trarrà per se stesso. Questo per aumentare la quantità di clic.
  • Evita sempre di nascondere la call to action: lo scopo principale della chiamata e’ di attirare l’attenzione dell’utente. Se la sottrai alla vista non solo nessuno la vedrà ma non potrai aspirare a nessuna conversione. Posizionala nel percorso visivo degli utenti: in alto,centro o nel footer.
  • I colori sono un pilastro delle call to action: non usare lo stesso colore. Questo e’vero soprattutto per le chiamate all’azione composte da bottoni cliccabili. Infatti, il contrasto tra lo sfondo della pagina ed il bottone deve essere chiaro.
  • Evita CTA piccole:anche se si rispetta il contrasto con lo sfondo ed il percorso visivo dell’utente potrebbero diventare del tutto inutili. La chiamata all’azione deve essere evidente fin da subito.
  • Evita CTA piatte:il bottone ideale per la call to action e’ di tipo bombato. Naturalmente modellato con le ombre giuste. Di fatto, i bottoni bombati richiamano in modo automatico il clic nella mente dell’utente.
  • Non ti prolungare oltre il dovuto: l’attenzione degli utenti avviene in mendo di 3 secondi. A volte anche di meno. per questo motivo la chiamata all’azione deve essere diretta ad uno specifico bisogno. Infatti, iltasto deve richiamare una data necessita della persona.
  • Non illudere le persone:colui che clicca sulla tua call to action si fida di te e del tuo messaggio. E’ inutile promettere l’impossibile. In questo modo si perde solo credibilità. E per raggiungere credibilità si devono spendere molte energie ed anni di duro lavoro online e offline. Inoltre, per ottenere la fiducia hai bisogno di un design professionale, un copy curato e le riprove sociali.
  • Le CTA non devono mai essere collegate alla home page: la chiamata all’azione deve essere collegata ad una pagina di vendita. Quella e’ la pagina ideale per una CTA.
  • Non riempire la pagina di CTA: come ho già detto, l’obbiettivo della call to action e’ di attirare l’attenzione su se stessa. E’ sufficiente inserirne una primaria ed una secondaria. Immagina, se ogni elemento della pagina attirasse l’attenzione quale sarebbe il risultato.
  • Fare promozione alla CTA: ci sono molti canali a tua disposizione per la promozione come: il sito web, il blog oppure le newsletter. Non usare la stessa call to action per molto tempo. E’ sempre bene averne di fresche e soprattutto con un nuovo copy. Inoltre, fai uno split test A/B per comprendere quale CTA sia più efficace.
  • Non abbandonare la SEO: se sviluppi CTA con elementi visuali ottimizza le immagini per caricarsi il più velocemente possibile.
  • Una CTA non va bene per tutti: fai uno studio sulle buyer personas. Per individuare tutte le necessita dei tuoi utenti. E scrivi un copy personalizzato.

Hai bisogno di aiuto ?


(richiesto) GDPR: Ho preso visione della Privacy Policy e do il consenso al trattamento dei dati personali.
photo of andrea barbieri
BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web
Piazza Giuseppe Mazzini, 46
Poggibonsi, Siena, 53036 Italia
+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

Come trovare nuovi clienti potenziali

Come trovare nuovi clienti potenziali con l'uso dell'inbound marketing

Come trovare nuovi clienti potenziali online

Non sai come trovare nuovi clienti potenziali ? Allora questo articolo fa al caso tuo.
Con l’inbound marketing sei in grado di trovare nuovi clienti gratis. A patto che sviluppi dei contenuti di valore mirati al tuo target di cliente. Questa metodologia consente di capire come trovare nuovi clienti online ma funziona al meglio se abbinata con il Content Marketing ed il SEO Copywriting.

Trovare nuovi clienti online non è stato cosi facile. La strategia consente di individuare nuovi clienti per molte professioni come l’avvocato, il commercialista, l’architetto ed anche le imprese di pulizie, per esempio Inoltre, vale anche per tutti gli altri liberi professionisti che hanno bisogno di promuovere la proprie competenze online.

Questa metodologia è molto più di una strategia di vendita. Significa far conoscere le proprie competenze e il proprio valore professionale ai potenziali clienti. Ti fornisco una definizione che descrive nel miglior modo questo nuovo modo di fare marketing:

Questa strategia sviluppa fiducia ed autorevolezza intorno al tuo brand. Tutto questo grazie alla pubblicazione di contenuti che educano il potenziale cliente. Inoltre, i contenuti aiuteranno il potenziale cliente a risolvere un determinato problema.

Andrea Barbieri

Non sarà più necessario fare una guerra di web marketing per accaparrarsi i clienti. Ma saranno gli stessi clienti spinti dalla bontà delle tua pubblicazioni a venire da te. Questo non significa rimanere seduto in poltrona ed aspettare i risultati. C’è bisogno di molto lavoro e molta sperimentazione prima di raggiungere l’obbiettivo di individuare nuovi clienti online.
Poco importa che tipo di business hai. Puoi essere un assicuratore, un legale, un impresa di pulizie ma devi seguire queste due regole se vuoi avere successo:

  • Sviluppare contenuti interessanti ed utili.
  • Acquisire visibilità online.

E come è possibile è possibile sviluppare le due regole sopra esposte ?

Ho assumi un Copywriter ed un Social Media Manager oppure continui a seguirmi.
Ti ho già spiegato più di una volta che i contenuti sono il fulcro di questa nuova tecnica di promozione. Non ti fermare solo a creare sei semplici articoli da blog, anche se molto utili. Abituati a dare al tuo lettore un omaggio per ringraziarlo per aver letto l’articolo o per essere tornato sul sito.

Facciamo due esempi: con lo studio legale e’ l’impresa di pulizie. Vanno molto di moda le contese di condominio. Un ufficio legale potrebbe scrivere un articolo che tratta di discussioni condominiali. Così può aiutare gli utenti a risolvere un problema. Ma sicuramente questo contenuto è un articolo generalista. Come è l’articolo che stai leggendo. Ma se lo studio legale scrive un ebook che parla di tutte le possibili cause condominiali, avrà un duplice vantaggio.

Il primo vantaggio è di offrire un ebook che attesta la propria professionalità. Quindi la propria autorevolezza in materia condominiale. Adesso ci troviamo nel processo di attirare il cliente.

Il secondo vantaggio è di ottenere l’email del potenziale cliente. Infatti, per poter scaricare l’ebook e’ necessario inserire la propria email. Adesso siamo nella fase di convertire. Ma lo studio legale non ha ancora venduto nulla per il momento.

Quello che deve fare lo studio legale è continuare ad educare il cliente tramite i loro consigli gratuiti. Solo quando il cliente percepirà la loro autorevolezza fisserà un appuntamento per quello studio legale.

Nell’esempio dell’impresa di pulizie i passaggi sono i medesima. Con la sola differenza che stavolta si daranno consigli su come pulire e quali prodotti usare. Se hai altri esempi da proporre lascia un commento.

5 motivazioni per cui i clienti non acquistano

Prima di andare avanti e’ opportuno spiegare brevemente perché le persone acquistano.
I clienti non acquistano per caso o grazie ad una formuletta da guru del web marketing. Per condurli all’acquisto è necessario ragionare sul loro comportamento. Infatti, il primo passaggio da fare è individuare il cliente ideale. Come si può trovare il cliente ideale ?

Sembra paradossale ma è necessario rispondere a delle domande. Per stabilire il tipo di comunicazione da usare a seconda della persona con cui ci rivolgiamo.
Vediamo le domande:

  1. Sono persone o gruppi di persone che cercano il tuo prodotto o servizio ?
  2. Ne ha bisogno ?
  3. E’ in grado di usarlo ?
  4. Ha disposizione il denaro per poterlo acquistare ?

Spesso molti commettono un grave errore nel proporre i loro prodotti e servizi a chi non e’ interessato. E’ una perdita di tempo e denaro proporre il nostro prodotto o servizi ha persone che non hanno le caratteristiche precedentemente elencate. Quindi è importante creare un modello di comunicazione che come scopo di lavorare sul valore percepito dalla comunità. Questo serve soprattutto per un ulteriore miglioramento del punto 1 e 3.

Se le persone non cercano il tuo prodotto o servizio è inutile che glielo offri. Non lo compreranno mai. Anche se spendi migliaia di euro in campagne Google Ads o Facebook Ads.

Se le persone a cui proponi il tuo prodotto o servizio non sono in grado di usare quello che offri non lo compreranno mai da te. Ma andranno dalla concorrenza dove soddisfaranno il loro bisogno con uno strumento più facile da usare. Sono riflessioni che tutti ci dovremmo fare. Ma siamo sicuri che almeno una volta ci hai pensato ?

Un sistema per individuare i clienti giusti per la tua attività

Mettiamoci nei panni di un cliente potenziale. Ma perché un individuo cerca un prodotto o servizio ? Lo cerca perché ha bisogno di risolvere un problema. E la tua attività ha i prodotti o servizi che possono aiutarlo. Infatti, i clienti non acquistano prodotti ma solo soluzioni ai loro problemi.

In questa fase, è estremamente importante definire il problema del cliente potenziale. Per delineare le caratteristiche del prodotto che dovrà risolvere il problema. Non è semplice definire il problema del cliente potenziale, come potrebbe sembrare. La migliore cosa è usare carta e penna. E scrivere tutte le idee che vengono in mente. Ti accorgerai che tutto ciò che hai scritto non ha un filo conduttore. E dovrai pensare di nuovo. Ma questo è normale.

Ti faccio il primo esempio che mi viene in mente: il cheratocono. Il cheratocono è una malattia degenerativa degli occhi che assottiglia e deforma la cornea. Conseguentemente la visione peggiorerà sempre di più. Definiamo il problema:

  1. il paziente non vuole più mettersi le lenti a contatto.
  2. le lenti contatto costano molto.
  3. il paziente non vuole più inserire le lacrime artificiali.
  4. il paziente ha paura di perdere totalmente la vista.
  5. Il paziente vuole avere una buona vita sociale.

Adesso definiamo i prodotti per i pazienti affetti da questa patologia:

  1. Cross Linking corneale.
  2. Anelli intrastromali.
  3. Trapianto di cornea.
  4. Test di Schirmer per la quantità di lacrimazione.

Se avessi proposto questi servizi ad un miope, astigmatico, ipermetrope o presbite gli sarebbero interessati ?

Sicuramente no. Come vedi la comunicazione varia in base al problema da risolvere. In funzione del bisogno del cliente potenziale. Adesso vediamo singolarmente i 5 fattori che creano una vendita.

Bisogno

Il potenziale cliente necessita che il prodotto o servizio che offri riesca a risolvere il suo problema. E’ completamente inutile cercare dei clienti e convincerli che hanno bisogno di quello che vendi. Fare il lavaggio del cervello nel web marketing non porta risultati. Ma è meglio individuare dei clienti che hanno realmente bisogno di quello che proponi. Ma ancora non hanno ancora deciso se comprarlo oppure no. Adesso devi definire sempre con carta e penna i prodotti che risolvono il problema del cliente. A cui il cliente è disposto a pagare un determinata somma di denaro.

Obbiettivo

Di solito, le persone comprano qualcosa perché hanno l’obbiettivo di raggiungere un traguardo. E questo è reso possibile dall’acquisto di beni e servizi che permettono di raggiungerlo in modo più rapido e con minore fatica. Infatti, le persone non acquistano prodotti o servizi ma acquistano il modo con cui possono raggiungere i loro scopi.
Poniti sempre queste domande:

  • Qual è l’obbiettivo finale del tuo cliente ?
  • Per quale motivo acquistando il tuo prodotto o servizio può raggiungere in maniera più semplice il suo obbiettivo ?
  • Devi essere molto trasparente sugli obbiettivi che i tuoi clienti posso raggiungere acquistando i tuoi prodotti o servizi.

Miglioramento della vita

I clienti comprano un miglioramento che è in grado d’influire in modo positivo nella vita della persona. Oppure verso altri campi, come il lavoro, o sulle varie condizioni che influenzano la vita di un uomo. Ancora una volta porsi delle domande semplifica il tuo lavoro:

  • In quale maniera il tuo prodotto o servizio cambia in meglio la vita del tuo potenziale cliente ?

Più grande è il miglioramento e più immediata sarà la vendita. Inoltre sarà possibile chiedere un prezzo ancora più alto.

L’analisi non deve essere eseguita sono in base ai tuoi prodotti o servizi. È necessario anche analizzare i punti di forza e debolezza della concorrenza. E chiederti:


L’analisi non deve essere eseguita sono in base ai tuoi prodotti o servizi. È necessario anche analizzare i punti di forza e debolezza della concorrenza.

Andrea barbieri

Di solito, gli individui cercano prodotti che facciano il proprio lavoro in determinati momenti della loro vita o anche mentre stanno lavorando.

Quante volte a pranzo o a cena in televisione presentano in televisione un robot tutto fare in casa. Usando questo prodotto l’utente può spendere il suo tempo come meglio crede. Ancora una volta usiamo delle domande per impostare il lavoro:

  • Qual è il tipo di lavoro che il tuo prodotto potrebbe fare tanto bene da spingere il cliente potenziale a farne uso ?
  • In quale maniera lo aiuterebbe ?
  • Cosa ci guadagnerebbe il tuo cliente ?
  • Qual è la qualità del lavoro ?
  • In quanto tempo ?

Come attrarre i clienti: tutti i passaggi

Il marketing attuale è completamente diverso dalla vecchie tecniche di vendita del passato. Oggi esiste un nuovo metodo di vendita incentrato su ’(outside-in). Questo è il nuovo modo di promuovere il proprio business che tutti devono conoscere per attirare soddisfare e fidelizzare i clienti.

Quest’articolo è una buona introduzione su come usare la nuova tecnica. E come comportarsi per rendere visibili i tuoi prodotti o servizi per attirare soddisfare e fidelizzare i clienti. Ma solo questo metodo non è sufficiente per acquisire potenziali clienti. Devi avere un blog in cui pubblicherai i tuoi contenuti che dovranno essere unici. Inoltre. Ti permetterà di essere primi sui motori. Ti consiglio di leggere la mia guida SEO posizionamento siti internet.

Questo consente di sviluppare e condividere contenuti con tutto il mondo e ti consente di trovare clienti online. Sviluppando contenuti di qualità e realizzati espressamente per risolvere i problemi dei tuoi potenziali clienti, sarai in grado raccogliere l’interesse di chi ancora non ti conosce ancora. I tuoi potenziali clienti scoprendo che offri contenuti di qualità, saranno interessati a leggerli e torneranno nel tuo sito nuovamente.

Un’immagine che rappresenta bene il funzionamento di questa formula di marketing e la calamita. E’ uno dei migliori esempi che fanno capire la sua efficacia. Diversamente dal vecchio modo di fare marketing (outbound), che il suo pilastro fondamentale era sull’acquisto di elenchi di contatti per tele marketing, spazi pubblicitari su giornali e riviste. Il nuovo metodo focalizza il suo centro d’azione con la creazione di contenuti educativi che hanno un interesse verso un potenziale cliente fino a portarlo nel sito web aziendale. Ma quali sono i pilastri di questa strategia ?

I mattoni su cui si fonda questa metodologia sono:

  • Contenuto: sviluppare contenuti online con buona ottimizzazione SEO, per la ricerca da parte di un potenziale cliente. Con lo scopo d’attrarre soddisfare e fidelizzare i clienti.
  • Contesto: comprendere che tipo di contenuti desiderano gli utenti (basandoti sulla tua nicchia di mercato). Intuito il tipo di contenuto è necessario studiare un marketing personalizzato con promozioni e messaggi accattivanti che saranno condivisi attraverso il tuo sito web nei canali sociali (come Facebook, Twitter, Instangram, Flipboard, Pinterest ed altri ).
  • SEO: utilizzare un’analisi SEO per l’ottimizzazione del sito.
  • Social: usare i social media per diffondere il messaggio.

I passi principali di questo metodo di marketing sono quattro:

  • Attirare.
  • Convertire.
  • Concludere.
  • Fidelizzare.

Per ognuno di questi passi ci sono differenti strumenti di gestione e strategie per acquisire nuovi clienti. Adesso in riferimento alla figura seguente spieghiamo passaggio per passaggio come spiegare la strategia.

Come trovare nuovi clienti potenziali con l'uso dell'inbound marketing

Prima di andare avanti nell’articolo ti consiglio di visionare il seminario della Unicom su “L’inbound marketing per una comunicazione di contenuto“. Ti mostrerà i passi principali di questa nuova metodologia di promozione.

Step 1: attirare il traffico verso il tuo sito

Ogni giorno vengono effettuate ricerche su Google ed è molto importante per un’azienda conoscere come trovare nuovi clienti online. Tutto ciò per aumentare la propria visibilità online, perché quasi il 79 % dei potenziali clienti che naviga su Internet esegue ricerche presso i motori di ricerca. Il traffico giunge da desktop ma anche da mobile ed è molto importante in fase di progettazione del sito web di rendere il sito responsive.

Un sito responsive riesce ad adattarsi allo schermo in cui viene visualizzato. Per riuscire ad attirare traffico di qualità è importante avere cura dello stile grafico del sito. Non dimenticare la scelte delle migliori keyword per la vostra nicchia di mercato e il posizionamento del tuo sito web al fine di attirare, soddisfare e fidelizzare i clienti.

Non resta che inserire contenuti di qualità e condividerli sui social media. Incrementando il numero di potenziali clienti che visitano il tuo sito. Non siamo interessati a generare ogni tipo di traffico, ma ci serve un traffico organico targhettizzato che ci permetta di vendere i nostri prodotti o servizi.

Ci servono visitatori che hanno l’interessa ad essere nostri potenziali clienti. Per renderli poi clienti soddisfatti. Quali visitatori sono migliori per il nostro sito ? Immaginiamo un cliente ideale con un profilo del cliente tipo per il nostro business. È importante quindi definire il profilo di un cliente tipo, con le sue richieste e le domande che potrebbe rivolgerci.

Sul profilo dei potenziali clienti va costruito il tuo business. Ci sono degli strumenti forniti dal web che ci aiutano nell’attirare la persona giusta nel sito. E per ognuno viene spiegata la loro funzione all’interno di questa strategia di marketing:

  • Blog: Il blog è la strategia migliore per attirare nuovi potenziali visitatori nel sito web. Con lo scopo di ottenere una visibilità verso il potenziale cliente è fondamentale sviluppare contenuti formativi capaci di risolvere i dubbi del potenziale cliente.
  • Social Media: Usando i social media, diffondi i tuoi migliori contenuti con lo scopo di coinvolgere nuovi potenziali clienti. È di estrema importanza interagire con i social network con le persone che hanno desiderio di ottenere maggiori informazioni su noi o il nostro contenuto.
  • Parole chiave: Il potenziale cliente usa un motore di ricerca per effettuare delle ricerche che risolvono i suoi problemi o desideri. È sempre bene essere sicuro che i contenuti che hai scritto, siano visualizzatati quando sono inserite le parole chiave scelte nel motore di ricerca. È molto importante individuare le parole chiave migliori della tua nicchia di mercato ed ottimizzare al meglio le pagine del sito web per le parole chiavi scelte. Ricordati di usare le parole a coda lunga (long tail) e le ricerche correlate che ti da Google dopo ogni ricerca. Creare nuovi contenuti con un profilo prodotto che un potenziale cliente potrebbe cercare.
  • Pagine web: Il potenziale cliente usa un motore di ricerca per cercare di risolvere i suoi problemi o desideri. È sempre bene essere sicuro che i contenuti che hai scritto, siano visualizzatati quando sono inserite le parole chiave scelte nel motore di ricerca. È molto importante individuare le parole chiave migliori della tua nicchia di mercato ed ottimizzare al meglio le pagine del sito web per le parole chiavi scelte. Creare nuovi contenuti con un profilo prodotto che un potenziale cliente potrebbe cercare. Inoltre, prendi in considerazione d’installare come motore interno del sito Elastic Search. Consentira’ di conosce con quali parole o insieme di parole usano i potenziali clienti per trovare un prodotto o servizio.

Step 2: Convertire i visitatori in leads

Hai terminato il primo passaggio e puoi convertire il traffico che hai acquisito in leads. Per fare questo devi sviluppare delle landing page con all’interno form in cui è presente un call to action (chiamata all’azione). È fondamenta che all’interno di una pagina pubblichi un contenuto di qualità, talmente valido che ogni visitatore che atterra su quella pagina è propenso ad inserire i suoi dati personali per avere in cambio un servizio gratuito di prova. Oppure un ebook che risolva il problema dell’utente.

Una valida landing page non deve presentare elementi distrazione al suo interno. La pagina web va sviluppata chiara ed intuiva con al suo interno un richiamo all’azione; per questo motivo le call to action devono essere chiare e ben posizionate.

Step 3: Convertire (trasformare) la lead in cliente (Concludere)

Siamo giunti al penultimo passaggio in cui ti devi occupare di sviluppare contenuti di qualità mirati per i tuoi lead. Arrivati a questo punto possiedi tutte le informazioni dei contatti che sei riuscito a profilare.

Step 4: Fidelizzare i clienti per ottenere ottimi feedback

Siamo giunti all’ultima fase ed adesso devi rimanere sempre in contatto con i tuoi clienti. Per mantenere vivo il rapporto con loro devi organizzare eventi che superino l’approccio virtuale. Per avere una comunicazione più umana. In fondo siam umani, non macchine come lo sono i computer. Non dimenticare mai l’importanza dei social media monitorando le conversazioni e le interazioni nei tuoi account. Come approfondimento ti propongo, questo paragrafo sull’evoluzione di questo metodo di marketing.

Come trovare nuovi clienti potenziali, il vecchio modo di fare marketing

Lo storytelling veicolava sia in maniera implicita che esplicita i valori delle persone. Come lo spot, immagini, jingle, emozioni, valori e stili di vita che avevano lo scopo di rendere il consumatore più propenso all’acquisto di un determinato prodotto o servizio. Prima che nascesse Internet reclamizzare un marchio o un prodotto (ma anche politici) aveva un procedimento univoco.

Si investivano ingenti somme in campagne pubblicitarie sia televisive sia radiofoniche. Si cercava anche di occupare più spazi possibili e si procedeva anche ad acquistare pagine di giornali, spazio radiofonici o televisivi. Questo era il modo per acquisire clienti ed è chiamato outbound marketing.

Il venditore cercava in tutti i modi di andare a cercare clienti anche infastidendoli fino al limite di sopportazione. Un esempio lampante sono i call center che continuano a telefonare fino a quando non si accettava il loro contratto. A quel punto si era arrivati allo sfinimento. Questi sono esempi del vecchio modo di fare marketing.

Questo tipo di marketing non funziona più ed è preferibile farsi trovare dai clienti. Per questo motivo era necessario introdurre un strategia che non disturbasse il cliente ma accogliesse il cliente dandoli le soluzione di cui aveva bisogno.

Questa è stata la soluzione al vecchio stereotipo di marketing. Si è sviluppato negli USA nel 2006 e cerca di ottenere il massimo rendimento usando le peculiarità del Web e dei molti utenti che ogni giorno navigano in esso per aiutarli a scegliere un prodotto o un servizio che possa risolvere i propri problemi. Questo modo di operare ha anche una altro scopo, oltre alla vendita di un servizio o prodotto, ed è di creare un relazione duratura con il cliente, ottenendo una fidelizzazione che sarà molto importante in futuro.

Hai bisogno di aiuto ?


(richiesto) GDPR: Ho preso visione della Privacy Policy e do il consenso al trattamento dei dati personali.
photo of andrea barbieri
BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web
Piazza Giuseppe Mazzini, 46
Poggibonsi, Siena, 53036 Italia
+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

Consulente SEO, come diventarlo davvero ?

Questo articolo offre interessanti spunti per coloro che desiderano entrare nel mondo della Seo come professionisti. Aumentare la visibilità di un sito web è un pilastro fondamentale per tutti gli imprenditori che hanno deciso di sfruttare le potenzialità del web. La visibilità online ha la capacità di far esplodere tutte le strategie di inbound marketing. Con il solo obbiettivo d’intercettare i potenziali clienti in target per poi condurli verso i contenuti del Corporate Blog. E’ assolutamente sbagliato pensare che questa figura professionale si occupi solo di ottimizzazione Seo. E’ un professionista multidisciplinare. Infatti, deve conoscere materie come il Seo Copywriting, marketing, sociologia, programmazione HTML e CSS. Ma in concreto che cosa fa un consulente Seo

Read moreConsulente SEO, come diventarlo davvero ?

Come usare SQL: una guida per programmare i database

Come usare SQL: una guida per programmare i database

come usare sql
guida gratuita sql

SQL si pronuncia SEQUEL ed e’ l’acronimo di Structured Query Language.SQL appartiene alla famiglia dei linguaggi di gestione dei database. E’ il linguaggio piu’ importante nella programmazione dei database. Questo linguaggio consente di:

  • creare e modificare schemi di database;
  • Inserire, modificare e gestire i dati memorizzati;
  • Interrogare i dati memorizzati;
  • creare e gestire strumenti di controllo;
  • accesso a tutti i dati sopra citati;

Di seguito trovi una guida base per programmare con il linguaggio SQL.Questa guida e’ un semplice corso SQL con molti esempi.

Si capisce che SQL non è solamente un query language (linguaggio di ricerca) , ma ha anche funzioni di gestione e controllo di database tipiche di altri linguaggi di programmazione.
Infatti, SQL possiede tutte le caratteristiche di in linguaggio di programmazione.

Prima di giungere a questo linguaggio e’ stato necessario individuare un modello matematico che mettesse in relazione tutte le componenti di un database.
Il database e’ un archivio di dati strutturati che consente in modo pratico di gestire i dati al suo interno. Tutto ciò consente l’aggiornamento delle informazioni (inserire nuovi dati, cancellare dati oppure cercare dati). Questo modello e’ stato sviluppato
è stato sviluppato negli anni 70 dall’informatico Edgar F. Cood e si chiama RDBMS (Relational Database Management System)

Edgar F Codd
Edgar F Codd

Questo tipo di sistema viene gestito attraverso varie applicazioni. Ti fornisco i link alle applicazioni gratuite che ti consentiranno di creare e programmare un database:

Hanno tutti un’interfaccia simile. Tutti gli strumenti che ti ho indicati rappresentano database relazionali
I requisiti minimi per il sistema RBDMS sono:

  • deve presentare i dati all’utente sotto forma di relazioni (una presentazione a tabelle può soddisfare questa proprietà)
  • deve fornire operatori relazionali per manipolare i dati in forma tabellare.
photo of andrea barbieri
BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web
Piazza Giuseppe Mazzini, 46
Poggibonsi, Siena, 53036 Italia
+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

Come scrivere una lettera formale inglese ad un’azienda

Non come ci si rivolge ad un’azienda quando si scrivere un lettera formale inglese ? Allora questa guida fa al caso tuo. La globalizzazione ha totalmente cambiato il mondo del lavoro e della comunicazione. E questo ha modificato anche la comunicazione tra le aziende nello sviluppo della lettera commerciale inglese. Come scrivere una lettera in inglese diventa una priorità fondamentale se l’azienda ha intenzioni di affermarsi fuori dall’Italia. In questa guida viene spiegata gli elementi base per scrivere un email inglese efficace. Sono presentate tutte le strutture linguistiche e i vocaboli utili per scrivere una lettera commerciale, che sia un’email oppure la classica lettera commerciale.

Questo tutorial consente di capire come scrivere una comunicazione aziendale in inglese. Nell’articolo ti consiglio un dizionario che contiene nella sua appendice molti formati di lettere commerciali in inglese. Che puoi usarli come modello per comunicare con i tuoi clienti.

Read moreCome scrivere una lettera formale inglese ad un’azienda