Crea sito
IpCeI-Pagina-Facebook
0577980092 3296664935

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Ciao sono Andrea Barbieri, il mio studio migliora la comunicazione delle aziende. Con la progettazione di siti web, localizzazione sito web, Web Marketing, Social Media Manager, Copywriting e traduzioni professionali.

andrea barbieri
btf freccia

Come scrivere un articolo per un blog ed aumentare la leggibilità

Come scrivere un articolo per un blog ed aumentare la leggibilità

Come scrivere un articolo per il blog

Sei davvero sicuro di ottimizzare al meglio i tuoi articoli ? Se la risposta è No, in questo articolo troverai ottimi consigli per migliorare la conversione dei tuoi testi. Ogni articolo ha una struttura predeterminata ancora prima ancora di pensare a come scrivere un articoli. Inoltre, deve rispettare delle regole precise. Tutti gli articolo devono presentare una coerenza sia dal punto di vista strutturale che stilistico. Ciò non significa che i contenuti sono delle copie di se stessi. Gli articoli che proponi devono rispettare gli argomenti del tuo blog. Ti faccio un esempio pratico. Nel mio blog parlo del mondo delle traduzioni e di tutto ciò che riguarda l’informatica. Non scriverei mai una guida su come fare un chignon o farsi lo smalto alle unghie. Se il tuo blog è di grandi dimensioni molto spesso è necessario avere dei bravi collaboratori per poterlo portare avanti. Avere dei bravi collaboratori è molto importante ma i collaboratori non possono scrivere con i loro stile di scrittura. Ma devono cercare di avvini carsi il più possibile allo stile di scrittura del proprietario del blog. Chi legge gli articoli deve avere l’impressione che quel contenuto è stato scritto dal proprietario del blog.Tutto quanto scritto sopra ci conduce ad avere un obbiettivo. L’obbiettivo è l’azione che speri che facciano i tuoi lettori. L’obbiettivo deve essere specifico e misurabile. Di fatto, l’obbiettivo di deve permettere di verificare il successo del tuo articolo.Devi capire fin da subito qual è il tuo target di riferimento.Se ti occupi di parlare di skateboard parlerai ai dei teenager ma non ai dei quarantenni. Per convincere un utente a compiere una determinata azione (cliccare sul tuo articolo) lo devi persuadere. Adesso ci occupiamo delle parti che compongono un articolo.

Titolo (H1)

La scelta del titolo è molto importante. Il titolo deve incuriosire il lettore e deve invogliarlo a leggerlo. Il titolo è il primo contatto visivo e sarà l’esca per portare traffico al tuo blog. Creare un titolo accattivante di consente anche di avere maggiore attenzione da Google. Infatti, Google è sempre alla ricerca di contenuti interessanti in cui inserire le proprie pubblicità. In ottica SEO, il titolo deve avere al massimo la lunghezza di 70 caratteri. Il titolo deve contenere la keyword scelta. La keyword va posta all’inizio del titolo. Per aiutarti ti propongo una serie di titoli suddivisi in base alle categorie proposti da Alessio Casarolli. Devi solo aggiungere le parole inerenti alla tua attività / professione.

Numeri

  • Come ___ in __ facili passi
  • ___ tendenze per il (ANNO)
  • ___ che tutti ___ dovrebbero possedere
  • ___ che ti motiverà a __
  • ___ che (noi) amiamo
  • ___ domande che dovresti porti prima di ___
  • __ segreti per ___
  • __ risorse che ti aiuteranno a diventare ___
  • __ segnali che potrai ___
  • __ modi per assicurarti che il tuo ___ non è ___
  • __ modi per ___ senza __
  • __ utili suggerimenti da ___ per __
  • __ suggerimenti a prova di errore per ___
  • __ suggerimenti per impegnati a ___
  • __ modi più popolari per ___
  • __ errori che commetti quando ___
  • __ motivi per i quali non sei riuscito a ___
  • __ esempi di___ per ispirarti
  • __ benefici chiave di ___
  • __ cose essenziali per___
  • __ abitudini di ___ per __
  • __ regole per ___
  • __ cose che non vuoi sentirti dire riguardo ___
  • __ fatti riguardo ___ che stupiranno i tuoi amici
  • __ fantastiche immagini di ___
  • __ fantastici video di ___
  • __ cose che il tuo capo si aspetta che tu sappia su ___
  • __ inaspettati usi per ___
  • __ facili test che ogni ___ dovrebbe superare
  • __ suggerimenti per scegliere la giusta ___ per la tua azienda
  • __ dei migliori video YouTube su ___

Comparazione

  • ___ contro ___ : di quale hai bisogno?
  • ___ contro ___ : quale tra questi è veramente super?
  • Perché ___ è meglio di ___

Come / Cosa / Perché

  • Come cambiare completamente ___
  • Come creare ___ che attiri ___
  • Come usare ___ per emergere dalla massa
  • Come sbarazzarsi di ___
  • Come sapere se il tuo ___ ha uno scopo
  • Come ___ in solo poche ore
  • Come salvare te stesso da ___
  • Come aggiungere più ___ al tuo ___
  • Come essere impopolari nel mondo di/del ___
  • Come avere il controllo del tuo ___
  • Come ___ può ispirarti per ___
  • Come __ mi ha fatto ___
  • Come ___ potrebbe salvare la tua ___
  • Come ___ può essere la tua arma segreta per ___
  • Come evitare efficacemente le insidie in ___
  • Cosa nessuno ti dice riguardo ___
  • Dove trovare ___Cosa fare con ___
  • Cosa Wikipedia non ti può dire riguardo ___
  • Perché non tutto ___ è stato creato allo stesso modo

Guide rapide

  • Una guida completa a ___
  • Guida per principianti: ___
  • Guida avanzata: ___
  • Guida definitiva: ___
  • Diventare furbo con ___
  • Fai da te: ___
  • __ Modi poco conosciuti per ___
  • Ecco un modo rapido per ___

Varie

  • Le uniche risorse ___ di cui avrai mai bisogno
  • Un esperto intervistato riguardo ___
  • L’articolo definitivo per ___
  • Pensi di conoscere ___ ? fai questo test
  • Un nuovo modo di guardare ___
  • __ sorprendenti segreti di ___

Il corpo del testo

Il corpo del testoIl corpo del testo è detto anche body copy. All’interno del body copy si trova tutto ciò che scrivi, compreso immagini, video ed altro. Lo scopo del body è di non far sfuggire il lettore.Come si può agganciare l’utente per non farlo scappare ?Le prime frasi dell’articolo hanno lo scopo di confermare ed incrementare la curiosità sviluppata dal titolo. Questo è un passaggio fondamentale tra un contenuto di scarso interesse e un contenuto che converte.Dopo la fase di agganciamento del lettore è ora di spiegare l’argomento principale dell’articolo. In questa fase è importante approfondire e fare ricerche per soddisfare ogni curiosità del tuo lettore. Le sole informazioni non bastano per creare un articolo vincente. Tutte le informazioni presenti nel contenuto devono convergere nel risolvere il problema del tuo utente. Come si suole dire, devi fare un operazione di Content Marketing.Il corpo del testo finisce con un breve riassunto di tutto ciò che è stato espresso nell’articolo. Cosa importante da ricordare. Alla fine dell’articolo cerca di coinvolgere il più possibile il lettore. Cerca di creare un invito che coinvolge. Gli potresti chiedere di commentare l’articolo oppure a seguire successivi articoli che trattano del medesimo tema.

Sottotitoli (H2, H3, H4, H5, H5)

sottotitoli
La figura mostra i vari sottotitoli che puoi usare.
Ogni testo dovrebbe avere almeno due sottotitoli. Naturalmente, ci si basa sulla lunghezza dell’articolo. Ma qual è la funzione del sottotitolo ?Serve per dividere il testo in più paragrafi. In questo modo il contenuto risulta più leggero anche agli occhi. Inoltre, viene stimolata la curiosità del lettore.Usa sempre nomi accattivanti che riprendono l’argomento di cui stai trattando.Per usare i sottotitoli n HTML devi usare i vari headings come in figura.

Come scrivere un articolo e aumentare la leggibilità per gli utenti ed i motori di ricerca

occhialiQuando si scrive un articolo per il web non sappiamo come scrivere un articolo davvero. Migliorare la lettura del testo è il primo passo per avere più visibilitàSicuramente la leggibilità di un testo influenza in maniera pesante la percezione che i lettori hanno verso le informazioni proposte. Infatti, si può proporre dei buoni contenuti. Ma per farli diventare dei contenuti eccellenti e vriali è necessario prestare attenzione anche alla formattazione della pagina. Di fatto, una scarsa leggibilità del testo oppure una carente formattazione creeranno un forte abbandono da parte dei lettori. Mentre, una pagina curata in ogni dettaglio spingerà il lettore a leggerla fino in fondo.Nel 1997 Shari Thurow ha scritto le cinque regole del Web Design. E’ passato molto tempo ma sono valide tutt’oggi. Queste regole sono molto semplici ma fondamentali per fornire agli utenti un’ esperienza d’uso positiva.Vediamo le cinque regole:

  • facile da leggere
  • facile da navigare
  • facile da trovare
  • con un layout e un design pulito e coerente
  • veloce da scaricare.

Anche Google vede di buon occhio l’uso di queste regole per l’user expirience e la velocità di caricamento delle pagine.Di fatto, una pagina web deve essere facile da leggere e scansionare. Sempre nello stesso anno, Jakob Nielsen ha scritto Come gli utenti leggono sul web. Inoltre, fornì alcune linee guida per scrivere le pagine web.Entrambi gli scritti portano a questa conclusione:“Gli utenti del web amano di solito una scrittura concisa. Questo tipo di scrittura è facile da scansionare e deve avere uno stile oggettivo (non promozionale”Gli utenti del web mettono in relazione la leggibilità con l’impegno necessario a portare a termine la lettura;“Di fatto, i lettori hanno una propensione ad impegnarsi verso attività che richiedono uno sforzo minore.”Secondo l’esperienza di Shari Thurow anche se una pagina ha un buon posizionamento SEO gli utenti preferiscono abbandonarla se:

  • Il sistema di navigazione è troppo complicato
  • Il contenuto è molto complicato da leggere.

Adesso ti mostrerò come fare per migliorare la lettura e scansione del tuo testo web. Ance questo è importante per creare un contenuto di qualità.

Usare paragrafi corti e concisi

Usare questo tipo di formattazione rende il testo più leggibile, si scansiona più velocemente e stanca meno gli occhi.Invece di scrivere un paragrafo di questo tipo:

testo campione
Un testo di che stanca gli occhi.
E’ meglio scrivere:
lorem ipsum
Un testo suddiviso in piccoli paragrafi facilita la lettura.
È universalmente riconosciuto che un lettore che osserva il layout di una pagina viene distratto dal contenuto testuale se questo è leggibile. Lo scopo dell’utilizzo del Lorem Ipsum è che offre una normale distribuzione delle lettere (al contrario di quanto avviene se si utilizzano brevi frasi ripetute, ad esempio “testo qui”), apparendo come un normale blocco di testo leggibile. Molti software di impaginazione e di web design utilizzano Lorem Ipsum come testo modello. Molte versioni del testo sono state prodotte negli anni, a volte casualmente, a volte di proposito (ad esempio inserendo passaggi ironici).Come ho già scritto in scrivere per il web si deve utilizzare una forma di scrittura a piramide. Nella parte alta della pagina, di solito dopo il titolo, è bene inserire poche righe con i concetti chiave dell’articolo. Infatti, tanti lettori rinunciano a leggerlo perché non trovano i concetti chiave nel primo paragrafo.

Link di testo con contenuto rilevante

Inserire i link testuali con contenuti rilevanti, incoraggia a cliccarci per un ulteriore approfondimento. Questa tecnica ha anche una grande valenza SEO. Infatti, l’utente rimarrà ancora più tempo sul sito. Infatti, anche in questo modo si acquisisce autorevolezza secondo Google.Anche se i link testuali sono una buona strategia è meglio non abusarne. Se stai lavorando in un contenuto lungo ne potrai usare di più.

link di testo
Link cliccabili di contenuti rilevanti.

Titoli e sottotitoli

Se il contenuto è stato ideato per la lettura digitale è meglio usare titoli e sottotitoli. Inoltre, aggiungere un colore o un carattere differente consente di attrarre l’occhio di chi legge. Cromaticamente è meglio evitare il colore grigio per titoli o sottotitoli. Infatti, il grigio è un colore che risalta poco agli occhi. Inoltre, è molto più difficile leggere i caratteri in schermi molto piccoli (smartphone, Iphone, tablet).Per titoli che spiccano usa colori ad alto contrasto. Ho trovato uno strumento che può aiutarti Color Constrast Checker.

titoli e sottotitoli
Un testo con titoli e sottotitoli migliora la leggibilità.

Elenchi puntati e numerati

Se stai sviluppando delle pagine molto lunghe gli elenchi puntati e numerati ti vengono in aiuto la leggibilità del testo. Inoltre, puoi inserire dei link nella zona above the fold diretti alla sottosezione della pagina.Una frase che contiene molte virgole è più efficiente se scritta all’interno di un elenco puntato o numerato..

Usare le citazioni

Un altro modo per rendere più leggibile un testo è quello di usare le citazioni. E’ importante dare a questi piccoli blocchi di testo un layout rappresentativo. Il layout distintivo ha il compito di aiutare l’utente a focalizzarsi sulle parole chiave.Il testo della citazione andrebbe allineato sulla sinistra. Per facilitare la lettura e la scansione oculare..Sarebbe opportuno opportuno evitare l’uso del javascript o altri sistemi che impediscono la corretta indicizzazione del contenuto presso i motori di ricerca. Valutate caso per caso.

Usare le didascalie nelle immagini

Quando s’inizia a sviluppare un’idea per un nuovo post o articolo non si pensa soltanto a come scrivere un articolo ma anche a come presentare l’articolo ai lettori.Lo scopo di un articolo è dare delle informazioni al lettore. Deve presentare un argomento con uno stile accattivante. Questa regola si applica anche alle immagini. Le foto usate con l’obbiettivo di riempire il contenuto non hanno nessun significato. E’ sempre bene perdere del tempo per fare una ricerca per la migliore foto da inserire nell’articolo. Quando s’inizia a sviluppare un’idea per un nuovo post o articolo non si pensa soltanto a come scrivere un articolo ma anche a come presentare l’articolo ai lettori.Le immagini inserite in un contenuto devono avere un scopo. Non si mettono solo perché tutti lo fanno. Infatti, l’uso dell’immagine va oltre l’estetica. Il compito dell’immagine è di aiutare ad aumentare le conversioni. L’immagine guida l’occhio del lettore verso una parte interessante del contenuto. Inoltre, fa riposare gli occhi dalla lettura.All’interno delle immagini si possono scrivere delle:

  • Intestazioni
  • Didascalie
  • Testo correlato

Per consentire ai motori d ricerca e agli utenti di comprendere meglio l’argomento proposto.E’ preferibile allineare a sinistra il titolo dell’immagine o della didascalia per aumentare la leggibilità.

Video con didascalie

Come per le immagini, anche i video devono avere uno scopo che non sia solo estetico. Anche nei video è bene usare del testo pertinente che serva a capire meglio di cosa si parla nel testo.

Grassetto e corsivo

Un altro modo semplice per migliorare la leggibilità di un testo è usare il grassetto oppure il corsivo per enfatizzare i concetti chiave del contenuto. Inoltre, è possibile usare il grassetto in un elenco puntato o numerato.Il corsivo deve essere usato con molta parsimonia perché implica a peggiorare la leggibilità del testo.

Numeri, maiuscole e caratteri speciali

I numeri incrementano la leggibilità del testo. Questo è utile soprattutto quando gli utenti cercano dei dati di fatto.Il numero 3, scritto con il simbolo decimale, cattura maggiormente l’attenzione dello stesso numero scritto in lettere. Si può dire lo stessi per i caratteri speciali come la percentuale (%) oppure i simboli delle valute (€ o $). Anche inserire parole di uso raro o straniere può catturare l’attenzione del lettore

Annotazione e note a piè di pagina

Un contenuto deve fornire informazioni utili al lettore. Questo elemento molto trascurato può aggiungere molte informazioni, contesto incluse le parole chiave del testo.

Come scrivere un articolo: scegli l’immagine migliore per il tuo contenuto

tramonto
Un immagine suggestiva in relazione con l’articola oltre a far riposare gli occhi, invoglia il lettore a continuare la lettura.
Come ho detto precedentemente l’immagine in un articolo è impostante non ha soltanto un valore estetico. E perderci del tempo per trovarla ci ripagherà in futuro con l’aumento delle visualizzazioni. Ho scelto 14 siti web che offrono immagini ad alta risoluzione gratuite. Adatte sia per i web designer sia ai designer. Non impazzire per cercare la tua foto adatta prova questi siti prima. Non dimenticare di fare l’ottimizzazione immagini prima di caricarle sul proprio sito. Le immagini sono importanti anche in ottica SEO. Se hai dei dubbi su come fare SEO leggi posizionamento siti internet.Questa è la lista di siti web che ho scelto per te.

Pixbay

leopardo albero
Un esempio di foto che puoi trovare su Pixbay.
Pixbay è una piattaforma web di livello internazionale per condividere foto, illustrazioni, grafica vettoriale e video senza nessun diritto d’autore. Tutte le immagini sono pubblicate su licenza Creative Commons. Nel settembre 2016 erano presenti su Pixbay oltre 750.000 foto, illustrazione e 3100 video.Le immagini proposto sono tutte favolose e spaziano in molti campi. Scegli il motore di ricerca interno per trovare le foto più attinenti al tuo progetto. Per scaricare la foto ti sarà richiesto di risolvere un captcha. Per evitarlo iscriviti al sito. L’iscrizione è gratuita. Inoltre, puoi anche scegliere la dimensione della foto.

Unsplash

cielo stellato
Un esempio di paesaggio che puoi trovare su Unsplash.
Ogni 10 giorni, aggiunge 10 nuove e meravigliose foto gratis. Di solito, le foto rappresentano meravigliosi paesaggi ad alta risoluzione. Ogni foto presente nel sito è sotto licenza Creative Common Zero. Questa licenza consente di copiare, modificare, distribuire e usare le foto anche per scopi commerciali. Senza essere obbligati ad chiedere permessi o attribuzioni al fotografo o ad Unsplash. Tutto ciò è riassunto nella citazione presente nel sito:

All photos published on Unsplash are licensed under Creative Commons Zero which means you can copy, modify, distribute and use the photos, even for commercial purposes, all without asking permission from or providing attribution to the photographer or Unsplash.

Superfamous

mare
Una splendida foto marina che puoi trovare su Superfamous.
Superfamous è un sito curato dall’artista danese Folert Gorter ed i suoi colleghi graphic designer. Il sito raccoglie stupende immagini ad alta risoluzione. Queste foto si adattano per essere usare nel design di un sito web oppure come sfondo per computer.

Picijumb

colazione di mattina
Un esempio di foto che puoi trovare su PicJumbo.
Picijumb è un sito con una navigazione molto semplice e tutte le sue foto sono ad alta risoluzione. Questo sito pubblica foto di cibi, prodotti alimentari. Se gestisci un ristorante o comunque un’azienda che si trova nell’enogastronomia questo è un sito molto adatto.

IM Free

smartphone in Manhattan
Un esempio di foto .tecnologia presente su IM Creator
IM Free. Questo sito offre uno strumento online per creare siti web. E’ una collezione di foto gratuite di elevata qualità. Queste foto necessitano però dell’attribution. Sono foto talmente belle che dare l’attribution non sarà un problema.Se hai intenzione di ottimizzare un testo per il web hai bisogno di tutti i consigli che trovi in questo articolo.Se hai altri metodi per ottimizzare un testo lascialo nei commenti.

come scrivere un articolo andrea barbieri

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giuseppe Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

Come scrivere un articolo macchina da scrivere" macchina da scrivere

Rated 5/5 based on 650 customer reviews

Descrizione del prodotto: Come scrivere un articolo migliorandone la leggibilità. Piccoli accortezze per migliorare la conversione dei tuoi contenuti. Recensione dei clienti:

Come scrivere un articolo per un blog ed aumentare la leggibilità – di , June 17, 2017

5/ 5stars

Esercizi linguaggio C, lezione 1

Esercizi linguaggio C, un programma d’esempio

programmatore principiante

Esercizi in linguaggio C lezione 1 prende in considerazione le basi di questo linguaggio di programmazione. Ho creato un report che è un approfondimento della lezione 1. Lo puoi scaricare gratuitamente cliccando su linguaggio C lezione 1. Analizziamo subito la struttura di un programma per capire come si scrive in linguaggio C. Una curiosità, il primo programma che è stato scritto in C si chiamava Hello World. Passiamo al programma d’esempio.

esercizi linguaggio c
  • Nella riga 2 si trova un commento. I commenti non vengono presi in considerazione durante la compilazione. Servono per indicare il nome e cosa fa il programma. Sono molto utili nella stesura di grandi programmi scritti in modo modulare.
  • Nella riga 4 si trova la direttiva d’inclusione. Questa direttiva rappresenta i file d’inclusione di una libreria. In questo caso è presa in esame la libreria standard input ed ouput. Si trovano funzioni come printf() e puts() per la stampa di caratteri e stringhe e scanf() per l’immissione di dati e numeri.
  • Nella riga 6 si trova la funzione main(). E’ una funziona propria del C. Deve essere presente in ogni programma. Se non è presente il compilatore genera un errore.
  • Dalla riga 7 alla 13 si trova un blocco istruzioni: le parentesi graffe rappresentano un blocco istruzioni. Nel blocco istruzioni si inseriscono le istruzioni in C.
  • Nella riga 8 c’è un istruzione che stampa su video la stringa letterale “Ciao a tutti”. Inoltre, si trova anche la funzione di escape \n. Questa funzione di escape ordina al computer di andare a capo dopo aver scritto la stringa letterale.
  • Nella riga 12 è presente un istruzione che restituisce un valore al programma chiamante. In questo caso, è restituito come valore lo zero. Significa che il programma è stato eseguito senza errori.
  • Sempre nella riga 10 si trova il punto è virgola. Il punto e virgola deve essere sempre presente in un programma in linguaggio C, tranne che nei costrutti condizionali come if, for, while e do while.

In questo video trovi le parti fondamentali di ogni programma in C. In questo caso è stato usato il compilatore gcc in una distribuzione. Ti farò vedere come si compila un programma da terminale usando gcc in Ubuntu.

Esercizi linguaggio C, editor di testo per linguaggio C

Per poter scrivere qualsiasi tipo di programma in un qualsiasi linguaggio è necessario scaricare il compilatore c. E saper usare un editor di testo come:

  • Notepad in Windows
  • Gedit in Linux
  • Xcode in Mac

. Questo semplifica la scrittura del programma e aiuta a trovare gli errori dello stesso.Ti consiglio un software disponibile sia per Linux che per Windows. Si chiama Code Blocks. Code Blocks presenta una buona interfaccia grafica per scrivere programmi in C e non solo. Ma in questo momento ci interessa solo la programmazione in C. Per installare il programma dovete recarvi all’home page del software Code Bloks Cliccare su downlods e poi su donwload binary release. Nella pagine successiva trovate il pacchetto software per diversi sistemi operativi Windows, le distribuzioni Linux e MacOsx. Se il tuo sistema operativo è Windows devi cliccare su codeblocks-n.n.mingw-setup.exe. Se ti trovi in Debian oppure in una sua derivata come Ubuntu, Linux Mint, Backtrack è sufficiente andare sul software center e digitare su cerca CodeBlocks. Se usi il terminale puoi usare questo comando d’installazione: sudo apt-get install codeblocks per Debian e derivate.

Ricorda che quando andrai a salvare il tuo programma C dovrai dargli un nome ed un estensione. Per i programmi C l’estensione è .c. Mentre per i programmi in C++ l’estensione è .ccp. Quando si salva il file sorgente è bene dargli un nome che descriva la funzione del programma.Esempio: cane. c estensione c, cane.ccp estensione c++

Puoi scegliere anche altri compilatori da scaricare online come:

  • gcc per c/c++ disponibilie per Linux e Windows
  • bcc32 compilatore della Borland da usare da terminale
  • lcc-win32: compilatore gratuito con ambiente integrato

Ti consiglio sempre di leggere il manuale del compilatore da te scelto per verificare se ha incluso un editor di testo. Attenzione, prima di scarica il pacchetto software controlla se il tuo pc è a 32 bit o 64 bit[/info]Come si può fare a scoprirlo ? Apri il terminale e digita uno di questi due comandi:

  • uname –r
  • uname –m

Entrambi dicono che tipo di sistema hai ma il primo comando oltre a dire che sistema hai dice anche il tipo di kernel della tua distribuzione Linux in uso.

uname -r
Il comando riporta sul terminale la versione del Kernel Linux in uso, in questo caso, la 3.16.0-4.amd64. La dicitura amd64 rappresenta un sistema operativo a 64 bit.
uname m
Il comando riporta sul terminale solo la versione del Kernel, in questo caso X86_64.

Come prepararsi alla programmazione in C

Lo scopo della programmazione è di risolvere un determinato problema. Quando si tenta di risolvere un problema è necessario seguire un metodo detto ciclo di sviluppo di un programma:

  1. Il primo passo da fare è conoscere il problema sotto ogni aspetto
  2. individuare una strategia che risolve il problema
  3. individuato la strategia metterla in pratica
  4. verificare se i risultati ottenuti risolvono il problema.

Quello che hai appena letto è un algoritmo. Il passo numero 1 è il più semplice. Abbiamo un problema e cerchiamo la soluzione. Facciamo un esempio per capire meglio. Sei un commercialista ed hai bisogno di uno strumento che ti aiuti nella contabilità. Che cosa può essere questo strumento ?Forse hai già capito. Un foglio di calcolo come Excel per esempio. Il passo numero 2 consiste nella strategia da adottare per scrivere il programma. Prima di scrivere un programma rispondi a queste domande:È necessario un programma per risolvere il problema ?Quali informazioni si devono considerare ?Quali formule si devono usare ?Nel presente passaggio si individuano le informazioni necessarie e come usarle per giungere alla soluzione del problema.Facciamo un esempio pratico. Si deve scrivere un programma che calcola l’area del cerchio. Il primo passo da fare è individuare l’obbiettivo, in questo caso, l’area del cerchio. Il secondo passaggio è individuare gli elementi indispensabili per calcolare tale area. Sulla base dei precedenti ragionamenti si può applicare la formula per il calcolo dell’area A=πr^2 per dare risoluzione al problema. Adesso si può scrivere il programma

Il ciclo di sviluppo di un programma in C

Il ciclo di sviluppo di un programma è composto da diverse parti:

  1. Si usa un editor di testo per creare un file su disco che contiene il codice sorgente
  2. si compila il codice sorgente per creare un codice oggetto
  3. si usa un programma detto linker per creare un file eseguibile a partire dal file oggetto
  4. Far funzionare il programma e verificare il suo funzionamento.

Come creare codice sorgente in C

Il codice sorgente è una ,serie di istruzioni o comandi usati per istruire il computer in modo che esegua un determinato compito. Il primo passaggio del ciclo di sviluppo è composto nello scrivere del codice sorgente usando un editor di testo. In ambiente Windows puoi usare Blocco note o Note Pad. In ambente Linux ti consiglio di usare Gedit. E’ possibile usare Gedit in ambiente Windows.Adesso ti propongo un istruzione del C:printf(“Ciao Mamma”);Questa istruzione chiede al computer di stampare una stringa di testo, in questo caso Ciao Mamma. Il comando che permette di fare questo è la funzione di libreria printf().Ricordati che ogni istruzione C alla fine si chiude con il punto e virgola. Questo non accade nelle istruzioni condizionali come if, for, while e do while. Ma vedremo meglio tutto ciò nel proseguo di articoli successivi.

Come compilare il codice sorgente

Il computer non è capace di capire quello che il programmatore ha scritto nel codice sorgente. Ma necessita di un ulteriore passaggio. Il computer ha bisogno di istruzioni binarie o digitali scritte in linguaggio macchina o linguaggio assembly. Infatti, prima che un programma possa girare su un computer deve essere tradotto dal formato sorgente al linguaggio assembly. Questo procedimento, che è il secondo passaggio del ciclo di sviluppo di un programma, è effettuato dal un programma detto compilatore che svolge il procedimento di compilazione di un programma in C.

Creazione del file eseguibile attraverso il linking per il linguaggio C

Prima di far girare un programma in linguaggio C è fondamentale un ultimo passaggio. Il linguaggio possiede varie librerie che contengono il codice oggetto di tutte le funzioni del linguaggio. Questo codice oggetto è già precompilato. Di fatto, rappresentano le funzioni predefinite di questo linguaggio. Le funzioni predefinite C hanno un codice già pronto da passare direttamente al compilatore per creare il codice eseguibile. Queste funzioni svolgono molte funzioni, fra cui per esempio la stampa di caratteri a video come printf(). Oppure l’inserimenti di caratteri grazie all’uso della funzione scanf(). Le funzioni di libreria che ho sopra descritto le incontrerete in ogni programma perché saranno indispensabili. Il file oggetto creato a partire dal codice sorgente sarà combinato con le funzioni di libreria del C. In questo modo è possibili generare un programma eseguibile. Questo procedimento è chiamato linking. Il procedimento di linker è condotto a termine da un programma che si chiama linker.

Completamento del ciclo di sviluppo del linguaggio C

Terminata la compilazione e linkato il software si esegue digitando il nome nel prompt di sistema. Se dal suo funzionamento si ottengono dei risultati diversi da quelli voluti è necessario tornare al primo passaggio. Si deve fare un processo di debugging e correggere il codice sorgente.Quando si esegue una modifica al codice sorgente si deve rieseguire la compilazione e linkare nuovamente per generare la nuova versione. Si ripete questo passaggio fino a quando il programma non risponde alle specifiche richieste. Ho parlato del processo di compilazione e linking come se fossero due processi separati. Di fatto, la maggior parte dei compilatori esegue questi due processi in un solo procedimento. Ma si deve fare un distinzione. Il processo di compilazione e di linking sono due procedimenti distinti.

Storia e caratteristiche del linguaggio C

Il linguaggio C è stato sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie e Ken Thompson presso i laboratori della Bell Telephone. Questo linguaggio fu progettato per consentire lo sviluppo del sistema operativo UNIX, un sistema ancora attivo in molti computer. Una curiosità il nome C è derivato da un precedente linguaggio, chiamato appunto B. Il linguaggio fu realizzato da Ken Thompson sempre per la Bell Telehpone. E’ facile intuire perché si chiamava linguaggio B; b era la prima lettera della Bell. Il linguaggio C è stato pensato per essere il più pratico possibile. Fin dalle prime sperimentazioni questo linguaggio dimostrava di essere potente e flessibile. Questo ebbe una diffusione rapida anche esternamente ai laboratori della Bell Telephone.

Infatti, molti programmatori iniziarono ad usarlo per i loro progetti.La diffusione di questo linguaggio di programmazione portò anche una conseguenza negativa. Prima di andare avanti diamo la sua definizione per comprendere meglio il ruolo che il linguaggio ha in uno processo di programmazione applicata. Il linguaggio di programmazione è un linguaggio formale costituito da una sintassi ben definita. E’ usato per scrivere dei programmi che implementano degli algoritmi.[/quote]Molte aziende iniziarono ad usare delle versioni proprietarie di questo linguaggio e si svilupparono sottili differenze di implementazione che ancora oggi causano problemi ai programmatori.

Per arginare questo problema l’istituto statunitense degli standard ANSI (American National Standard Institute) mise in piedi, nel 1983, un comitato per definire in maniera univoca uno standard da seguire che da quel momento è stato chiamato ANSI C.Se sei interessato a studiare linguaggio di programmazione Java per lo sviluppo delle tue applicazioni web, studiare il C ti aiuterà a comprendere meglio il linguaggio orientato ad oggetti Java. In questo video tutorial sono state spiegate le parti fondamentali del linguaggio che ti consiglio di vedere prima di proseguire la lettura dell’articolo.

Con che linguaggio iniziare a programmare ? Il C è il primo linguaggio da prendere in considerazione. Di fatto, programmare in C permette di costruire il primo pilastro per diventare un programmatore esperto in altri linguaggi. Le strutture di questo linguaggio sono fondamentali per comprendere come imparare a programmare in altri linguaggi di orientati agli oggetti, come il linguaggio C++ e il Java, per esempio. Nell’articolo troverai alcuni i comandi Linux da terminale che si usano nella distribuzione Debian, Ubuntu e loro derivate. Nelle distribuzioni Linux il terminale ha una funzione molto importante. Con il terminale si può aggiornare la distribuzione Linux

  • aggiornare la distribuzione Linux,
  • verificare che tutti i driver sono installati,
  • eseguire l’avanzamento della distribuzione alla successiva,
  • controllare il corretto funzionamento del motore grafico Xorg molto altro. ù

Ma stai tranquillo che si può anche programmare in C su Windows.Attualmente la maggior parte dei compilatori C moderni si uniforma a questo linguaggio, tranne poche eccezioni.Attualmente ci sono molti tipi di linguaggi di programmazione che possono essere scelti per implementare i nostri progetti, per esempio, oltre a questo linguaggio, abbiamo anche il Perl, il BASIC o Java. Sono tutti linguaggi di programmazione utili alla maggior parte dei problemi che possono essere risolti in via automatica, cioè utilizzando algoritmi.

Ma ci sono molte motivazioni per cui molti programmatori professionisti ritengono che questo linguaggio si il migliore per questi motivi:•

  • il linguaggio è potente e flessibile.
  • le potenzialità di questo linguaggio sono limitate solamente dall’immaginazione del programmatore.
  • il linguaggio non pone nessuna barriera alla creazione di nuovi costrutti.

Vediamo più da vicino l’utilizzo del linguaggio C:

  • implementazione di sistemi operativi
  • elaboratori di testo
  • programmi di grafica
  • fogli elettronici
  • compilatori per altri linguaggi di programmazione.

Analizziamo altre caratteristiche di questo linguaggio di programmazione:

  • Il C ha una popolarità molto ampia nell’ambiente della programmazione professionale. Infatti, è possibile trovare molti tipi di compilatori e di strumenti per lo sviluppo ed il debug dei programmi.
  • •Il C è portabile. Infatti, è possibile trovare molti tipi di compilatori e di strumenti per lo sviluppo ed il debug dei programmi. E’ una caratteristica molto importante di questo linguaggio perché un programma scritto con questo linguaggio, progettato in maniera specifica per una piattaforma hardware può essere compilato ed eseguito anche su piattaforme diverse con modifiche minime. Per di più, un programma scritto per il sistema operativo Windows può essere eseguito in un macchina con sistema operativo Linux, con nessuna modifica o modifiche minime. La portabilità è stata ulteriormente migliorata grazie anche al rilascio dello standard ANSI. L’ANSI ha determinato in maniera univoca un insieme di parametri a cui tutti i compilatori C devono conformarsi.
  • Il C ha poche istruzioni chiamate parole chiave. Tutte le funzionalità del linguaggio si fondano sull’uso delle parole chiave. Si potrebbe pensare che un linguaggio fornito da molte istruzioni sia più potente di un altro linguaggio che ne possegga molte di meno. Ma questo non è vero. Più si avrà confidenza con il C è più si diventa consapevoli che come può essere usato per ogni tipo di problema.
  • •Il C è modulare. Il codice di ogni programma può (e dovrebbe essere) scritto per procedure. Queste procedure sono chiamate tecnicamente funzioni. Le funzioni possono essere eseguite anche all’interno di altri programmi. Infatti, è possibile progettare delle funzioni che svolgono un determinato compito ed usare quel blocco di codice in altri programmi che necessitano di risolvere lo stesso compito. Di fatto, passando dei blocchi di informazione (detti parametri) alle funzioni è possibile sviluppare codice riutilizzabile

Da questo elenco di motivazioni si comprende bene come il linguaggio C sia la scelta migliore per apprendere un nuovo linguaggio. Ma c’è anche un altro motivo perché conviene studiare questo linguaggio. Molti linguaggi come per esempio il C++ rappresentano un estensione del C. Alcuni si potrebbero chiedere perché studiare il C quando si può passare direttamente al C++ ?Certo è possibile passare direttamente dal C al C++.

E’ bene ricordare che il C++ essendo un estensione del C contiene tutte le istruzioni del C e presenta altre istruzioni usate per la programmazione ad oggetti. Tutti coloro che hanno intenzione di apprendere il C++ utilizzeranno tutti i costrutti presenti nel C.Studiare questo linguaggio significa apprendere uno dei linguaggi di programmazione più usati e potenti.

E’ un linguaggio propedeutico alla programmazione orientata agli oggetti. Un altro linguaggio di programmazione che come il C++ si basa sul C è il linguaggio Java anch’esso sviluppato per la programmazione a oggetti molto importante. Il Java è utilizzato molto nelle applicazioni che girano sui dispositivi mobili come Iphone, Smartphone e Tablet.Scegliere di studiare il C vi consente di creare delle buone fondamenta per la vostra carriera di programmatore professionista vi permette di approfondire altri linguaggi di programmazione mentre li state studiando.

Fonti

  • Programmare in C – Guida completa C – Peter Aitken e Bradley L. Jones edito da Apogeo
  • Linguaggio C – Bellini e Guidi edito da Mc Graw Hill

Hai bisogno di aiuto ?








Budget Annuale SEO e Pay per click


(richiesto) GDPR: Ho preso visione della Privacy Policy e do il consenso al trattamento dei dati personali.

Desideri iscriverti alla newsletter ? (non richiesto) SI Newsletter


btftraduzioniseoweb andrea barbieri
BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web
Piazza Giuseppe Mazzini, 46
Poggibonsi, Siena, 53036 Italia
+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

Come posizionare un sito su Google, per aumentare visibilità sito gratis

come fare seo

Come posizionare un sito su Google per aumentare visite sito

come fare seo
La SEO svolge la funzione di ottimizzare un sito web presso i motori di ricerca. Per far si di raggiungere un posizionamento organico.

Per posizionare un sito su Google non sono sufficienti solo le keyword. E’ migliorare la velocità di caricamento dei siti web. Questo ti consentirà di aumentare il volume di traffico nel tuo blog. Si devono avere conoscenze tecniche e comprendere ogni aspetto del sito web. Come afferma il Seo Francesco Margherita non ci si deve concentrare soltanto sulle keyword per ottimizzare un contenuto. . Questo permette di migliorare il posizionamento sito internet ed aumentare il traffico web.

Per Google un fattore di ranking e’ la velocità di caricamento della pagina web. Posso anche dire che e’ uno tra i fattori più importanti. Un sito web con contenuti ottimizzati ed una scarsa velocità di caricamento avrebbe un serio problema SEO da risolvere.

Se usi WordPress ci sono modi manuali e usando i plugin per risolvere il problema. Per chi e’ esperto di questo CMS e’ preferibile usare del codice scritto da inserire nel footer.php e nel function.php.

Il primo passaggio da fare e’ misurare il tempo di caricamento della home page del sito web. La velocità di caricamento del sito web ha una grande importanza sull’esperienza di navigazione e sul posizionamento del sito e dei suoi contenuti.Ti indico alcuni strumenti gratuiti di analisi del tuo sito web.

  • Page Speed Insights: E’ uno strumento per la verifica della velocità di un sito web sviluppato da Google. Per ogni problema fornisce una soluzione. E’ uno strumento molto utile per capire il comportamento del sito web nel mobile. Non ti fissare di raggiungere il 100/100. La velocità e’ data da tanti fattori. Il tema in uso, quanti plugin, quante richieste esterne sono necessarie per far funzionare le estensioni. Questo vale se avete installato sul sito web un CMS come WordPress, Joomla, Drupal. Negli altri casi e’ necessario ottimizzare il codice sorgente dell’intero sito.
  • Pingdom Website Speed Test: La casa madre di questo strumento Seo e’ in Svezia. Sviluppa servizi di monitoraggio per la verifica e miglioramento delle velocità di caricamento dei siti web. E’ un strumento molto semplice da usare. Anche per coloro che sono meno esperti. Questa utility consente di testare i siti web da 5 differenti nazioni:
    • Dallas, Texas, Stati Uniti
    • Melbourne, Australia
    • New York City, New York, Stati Uniti
    • San Jose, California, Stati Uniti
    • Stoccolma, Svezia

    Nel nostro caso prenderemo come server di test quello più vicino all’Italia: Stoccolma, Svezia

  • GT Metrix: nel posizionamento siti web questo e’ uno strumento indispensabile. Consente di verificare le prestazioni dei siti web riguardo a velocità di caricamento ed di ottimizzazione di tutte le risorse presenti nel sito web. Ha la qualità di essere semplice de intuitivo nell’uso. Fornisce soluzioni ai problemi individuati durante la scansione del sito web. GT Metrix permette anche di registrare un video eseguito durante la scansione. Per far capire ancora meglio i problemi dei siti web.
  • Web Page Test: La velocità sito web e’ molto importante, soprattutto se si parla di dispositivi mobili. Questo strumento e’ capace di monitorare tutti gli elementi dei siti web. Alla fine dell’analisi fornisce un report come tutte le possibili rimedi per migliorare la velocità di caricamento dei siti web.

E’ importante interpretare di dati offerti da questi strumenti SEO. Molto spesso si verificano dei falsi positivi. Indicano dei problemi con file che non risiedono sul server del nostro sito web. E che quindi non li possiamo trattare con nessuna tecnica o plugin. Almeno in rari casi.

Per esempio i componenti di Google analytics possono impedire una buona prestazione dei siti web. Se usi WordPress ti indico un plugin di facile installazione e configurazione.

Per risolvere il problema cerca ed installa il plugin Complete Analytics Optimization Suite (CAOS). Digita CAOS nella barra di ricerca dei nuovi plugin. Questo plugin ospita il codice di Google Analitycs localmente. Di seguito la figura con la mia configurazione di base del plugin.Nella zona colorata di nero devi inserire il traking di Google Analytics.

google localmente
Le configurazioni di base del plugin CAOS.

 

Migliorare posizionamento sito con la velocità di PHP 7

La versione 7 di PHP e’ disponibile. WordPress funziona PHP. Adesso siamo giunti alla versione 7 di PHP. Ci cono molti temi e plugin che funzionano bene o solo con PHP 5.6 o superiori.

Ci sono molti vantaggi nell’usare la nuova versione di PHP. Ma prima di farlo e’ necessario che il template ed i plugin in uso siano compatibili con PHP 7.

La versione 7 di PHP e’ più veloce delle altre versioni e consuma meno risorse. Il tempo di caricamento delle pagine web si riduce notevolmente. Inoltre, si ha un supporto per magigori carichi di lavoro a seconda della struttura hardware in usoi

PHP 7 ha implementato nuovi cambiamenti al linguaggio. E non e’ scontato che il tema o i plugin WordPress siano compatibili con questo nuovo aggiornamento.

Anche se il tuo fornitore hosting consente di fare l’upgrade alla nuova versione aspetta a farlo. Verifica sempre prima la compatibilità di ogni componente del tuo sito WordPress.

Verificare la compatibilità con PHP 7 e’ molto semplice. Installa PHP Compatibiliy Checker. E’ un plugin sviluppato da WPEngine. Ha come scopo individuare incompatibilità del tema e dei plugin alla nuova versione di PHP. Lo strumento non ci da la certezza assoluta del risultato. Ma e’ una prima verifica utile

Il plugin e’ stato sviluppato per girare con la versione 5.6. Ma permette di verificare la compatibilità con la versione 7 e le precedenti.

Puoi trovare questo messaggio nella scheda del plugin presente nella Plugin Directory di WP: This plugin does not execute your theme and plugin code, as such this plugin cannot detect runtime compatibility issues. Ma non devi preoccuparti.

Infatti, il plugin analizza il codice dei template ed i plugin installati ma non li esegue. Tutto cio significa che l’analisi non si perfetta al 100 %.

Dopo l’installazione attiva il plugin. Clicca nella sezione Strumenti nell’area amministrativa di WordPress. E trovi la voce PHP Compatiblity. Questa e’ la maschera di configurazione del plugin. Semplice ed intuitiva.

php7 compatibilità
La maschera di configurazione del plugin PHP Compatibility Checker

 

Da quella finestra puoi selezionare che tipo di test vuoi fare al sito web:

  • solo plugin ed il tema attivo
  • tutti i temi e plugin installati nei siti web

Infine scegliere la versione di PHP per verificare la sua compatibilità. E controllare se sono presenti warning ed errori.

Può capitare che alcuni plugin generano un falso positivo. Ti consiglio di consultare questo elenco aggiornato.

Posizionamento Seo Google con l’ottimizzazione del codice

Ottimizza il codice dei contenuti del tuo sito web: con questi strumenti puoi generare la versione minimizzata di ogni file presente nel sito web. E’ sufficiente copiare il codice sorgente della pagina e incollarlo nel box dello strumento Seo. Infine, copiare il contenuto minimizzato nella pagina. Tenconsiglio due:

Verifica che il codice HTML non presenti errori o ambiguità. Per farlo e’ sufficiente usare dei tool Seo gratuiti. Scoprirai molto errori che ha prima vista ti sono sfuggiti.Ti consiglio di usare:

Per poi passare al miglioramento della velocità di caricamento del sito web. Ci sono due modi per ottenere la riduzione della velocità:

  1. usare un hosting ad alte prestazioni,
  2. eseguire un ottimizzazione Seo nel sito web.

Non dimenticare di collegare il sito web a strumenti per la condivisione dei contenuti sui social media. Questo ti consentirà di programmare la pubblicazione dei tuoi contenuti. Ti consiglio di usare:

Puoi iniziare ad usarli subito senza spendere un euro. Hanno una versione gratis adatta per iniziare a lavorare con i social media, come Facebook.I social media hanno l’attributo NO Follow. Questo significa che il motore di ricerca non lo segue. Ma questo non puo portare vantaggi al sito nel medio e lungo periodo. E’ pur sempre un link che può tornare utile per la tua visibilità onlineLa condivisione di un articolo eseguito da una pagina Facebook molto seguita e pertinente per argomento può migliorare il posizionamento del contenuto . Questo accade anche con altri social media che anno come attributo il NO Follow.Infatti, Google e’ in grado di sviluppare nuove conversazioni intorno al contenuto linkato. Questo accade perché il motore di ricerca ha come scopo di risolvere i problemi degli utenti. E raccoglie quanti più dati possibili. Quando il Seo Francesco Margherita ha detto tutto ciò ai piani alti della Seo si e’ avuto un terremoto. Se ci pensi bene per posizionarsi si deve essere dei conversatori brillanti.Google e’ il miglior conversatore brillante che ci sia.. Esaminando un contenuto sviluppa nuove relazioni semantiche e nuove intenzioni di ricerca. Se ci pensi bene per posizionarsi si deve essere dei conversatori brillanti.La difficoltà principale per ottenere nuove visite e’ intercettare le intenzioni di ricerca. Per raggiungere lo scopo sono necessari i contenuti. Molto spesso si parla di contenuto di qualità senza darne un precisa definizione.Un contenuto di qualità costituito solo da testo scritto. Senza altri elementi multimediali. Descrive bene gli argomento principali presenti nel campo semantico di rilevanza per Google rispetto ad una parola chiave. Ma il contenuto di qualità da solo non e’ sufficiente ad intercettare le intenzioni di ricerca degli utenti.Un contenuto utile funziona meglio di altri nelle ricerche degli utenti. Per far si di rispondere meglio di altri, un contenuto deve sviluppare uno o più argomenti che rientrano nella classe semantica di rilevanza. Argomenti che non sono presenti in altri documenti presenti nel web. Anche se questi argomenti sono richiesti in modo latente dagli utenti.

come fare seo
Struttura la pagine web in modo che possa essere letta dai motori di ricerca.

Un buon contenuto non e’ sufficiente per posizionarsi sui motori di ricerca. Infatti, la pagina web e’ comporta da una serie di elementi che devono essere ottimizzati:

  • tag title
  • keyword a bassa concorrennza
  • meta description

Passare del tempo a ottimizzare la pagina non è mai tempo buttato via. Ricordate che secondo l’inbound marketing dobbiamo farci trovare dai potenziali clienti non andare a cercarli. Uno strumento creato da Google può aiutartiIscriviti a Google my Business per il posizionamento Seo locale. Questo strumento offerto da Google consente di gestire le informazioni di un attività commerciale come indirizzo, numero di telefono e categoria merceologica. E’ importante fare un aggiornamento costante se la tua attività e’ molto cercata in Google Maps. Questo strumento e’ molto importante da dispositivi mobili.

google my business

E’ possibile scaricare l’app di Google My Business. L’app e’ disponibili sia per i dispositivi Android che per i device Iphone. Potrai portare con te tutte le informazioni presenti in Google My Business.

photo of andrea barbieri

 

BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web

Piazza Giusepp Mazzini, 46

Poggibonsi, Siena, 53036 Italia

+393296664935
traduzione, traduttore, programmatore, blogger, realizzazione siti web, Web Marketing, lezioni private di lingua,

 

Come fare SEO come fare seo" Come fare SEO

 

Rated 5/5 based on 950 customer reviews

Descrizione del prodotto: Come fare SEO per raggiungere il massimo numero di potenziali clienti per il tuo business. Segui il tutorial senza spendere un centesimo. Clicca ora Recensione dei clienti:

Come fare SEO fai da te per avere più contatti online – di Andrea Barbieri – BTF Traduzioni SEO Sviluppo Web,March 19, 2017

 

5/ 5stars

 

Ottimizzazione Seo, quando la SEO da sola non basta

ottimizzazione seo google

Ottimizzazione SEO e Content Marketing un binomio indissolubile

Desideri imparare le basi per un’efficace ottimizzazione SEO per le tue pagine web. Ma sei spaventato da questo nuovo mondo ? Leggi questa semplice guida gratuita. Inoltre, ti consiglio anche di leggere un’altra mia guida primi su Google La guida è pensata proprio per i neofiti che stanno facendo i primi passi nel web. Il buon piazzamento di un contenuto non si fonda soltanto sulle tecniche SEO ma una componente fondamentale la fanno i contenuti.

Come essere primi su Google è la meta di ogni persona che sfrutta il web per promuovere se stesso o i prodotti della propria azienda. Non ci sono formule magiche o pozioni di nessun tipo. Per arrivare in prima pagina e nelle prime posizioni ci vuole molto impegno, studio e sperimentazione.

Iniziamo a parlare di cosa sia la SEO. SEO è l’acronimo di Search Engine Optmization tradotto dall’inglese ottimizzazione per i motori di ricerca. Di cosa si occupa la SEO ? La SEO sono un insieme di tecniche che hanno l’obbiettivo di far aumentare la visibilità di un sito web migliorando la sua posizione organica all’interno della SERP. Il numero delle strategie sono molte. E tutte ricoprono importanti funzioni all’interno di un sito web:

  • Struttura del sito
  • Codice HTML
  • Contenuti testuali
  • Gestione dei link in entrata.

Cosa si intende per gestione dei link ? Sono i link in entrata ed uscita del sito web. I link in entrata sono i link provenienti da altri siti web verso un altro sito, chiamati anche inbound link o anche backlink. I link in uscita sono i link di un sito web che puntano ad altre piattaforme web.

La ricerca pertinente

Dato che Google è il motore di ricerca più usato nel mondo le attività SEO comprendono lo studio dell’algoritmo di Google. Ogni volta che viene fatto una ricerca (query), l’utente si aspetta di trovarsi nei primi risultati, quelli più pertinenti al soddisfacimento del suo bisogno. Facciamo un esempio pratico con questa ricerca:”ristorante giapponese a Poggibonsi”. Nel risultato della ricerca ci aspettiamo di trovare tutti quei risultati che trattano ristoranti giapponesi.

Mi sono spinto ancora oltre con la ricerca. Ho eseguito una ricerca SEO locale inserendo una città Toscana nella provincia di Siena. Come hai letto dall’esempio la ricerca chiede cose bene precise al motore di ricerca. Quindi per avere la possibilita di essere cliccati dal motore di ricerca e’ necessario sviluppare contenuti che rispondono alla domanda delle persone. Ovvero la query fatta al motore di ricerca. Fare attività di SEO è scrivere contenuti utili e pertinenti alla ricerca dell’utente. Ma andiamo piu’ in profondita’ .

Avere un Corporate Blog aziendale e’ fondamentale per aumentare la visbilita’ online. Ma per farlo fruttare e’ necessario saper sviluppare dei contenuti che risolvono il problema dei lettori del blog. E’ un’ottima arma di promozione non solo per i prodotti o servizi che l’azienda offre. Ma anche per fare il personal branding aziendale.Ci sono due tipi di contenuti:

  • contenuti di qualita,
  • contenuti di valore.

Ma quale usare per avere la possibilita’ di aumnetare il traffico web ?

Il contenuto di qualita’ non necessariamente deve essere un contenuto utile. Lo so, le definizione cozza con qualita’ ma piu’ avanti capirai il perche’. Per poter capire se quel contenuto serve allo scopo di aumentare la visbilita’ e’ 4Writing si e’ posto 3 domande:

  1. cosa s’intende per contenuto di qualita’,
  2. quale contenuto e’ utile ad una determinata persona,
  3. quale differenza esiste tra un contenuto di qualita’ ed un contneuto utile ?

Il contneuto di qualita’ abbraccia queste caratterstiche:

  • unico,
  • originale,
  • di valore,
  • contiene molte informazioni,
  • e’ sviluppato intorno ad un campo semantico,
  • usa un linguaggio coerente e semplice.

Questo sembra un contenuto che possa funzionare online. Ma ti assicuro che sara’ quello che funziona meno. Anche se possiede caratterisitche positive. Per far si che il contenuto sia reso visbilie dal motore di ricerca deve abbracciare il campo semantico di un argomento.

Il contenuto deve rispondere a tutte le domande che gli utenti fanno online su quel determinato argomento o campo semantico. E’ necessario sviluppare l’articolo con piccoli paragrafi che toccano tutte le domande degli utenti. Come vedi da questo s[accato non e’ sufficiente ottimizzare la pagina con le classiche regole SEO. Senza il contenuto non hai visbilita’ organica. Se qualcuno ti dice il contrario fatti dare una dimostrazione sui suoi risultati online. E non sto parlando del pay per clic. Ma di risultati dimostrabili e tangibili.